Brian Mulroney | Gorbaciov passerà alla storia come leader simbolico.

(Ottawa) L’ex primo ministro canadese Brian Mulroney ha detto che Mikhail Gorbachev, l’ultimo leader dell’Unione Sovietica, era un “grande uomo” che sarebbe stato “profondamente mancato” sulla scena mondiale.

Inserito alle 6:29

Il signor Gorbaciov, che ha attuato le drastiche riforme durante i suoi sette anni al potere che hanno aperto la strada alla caduta del muro di Berlino nel 1989, è morto martedì in un ospedale di Mosca all’età di 91 anni.

L’ex primo ministro Mulroney ha detto in un’intervista che mentre il presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan è ampiamente accreditato di aver posto fine alla Guerra Fredda senza sparare un colpo, il tango ne richiede due e che il signor Gorbaciov era un leader indispensabile dall’altra parte.

“Il presidente Gorbaciov passerà alla storia come un leader eccezionale e un uomo che ha fatto così tanto per l’umanità”, ha detto.

L’ex capo del governo canadese dice di aver incontrato Gorbaciov per la prima volta nel marzo 1985 e di avergli trovato una boccata d’aria fresca rispetto ai leader sovietici “strangolati, ottusi, antiestetici” a cui erano abituati.

“Era affascinante e diretto, attento e si poteva dire all’epoca che voleva fare affari”, ha detto Mulroney.

Ricorda di aver incontrato il presidente Reagan pochi giorni dopo in Quebec e di avergli detto che si aspettava che Mikhail Gorbachev fosse un eccellente interlocutore.

“Ho detto: ‘Sai, Ron, c’è un nuovo giocatore qui. È sicuramente un ragazzo con cui saremo in grado di vivere e portare a termine le cose”. »

L’approccio del presidente Gorbaciov alla diplomazia contrasta nettamente con “la debole leadership bellica che si vede oggi a Mosca”, secondo Brian Mulroney. L’invasione russa dell’Ucraina è “l’esatto opposto di ciò che voleva Gorbaciov”.

READ  Un fastidioso animale che in realtà era ... una mezzaluna!

Nel 1990, il presidente Gorbaciov ha vinto il Premio Nobel per la Pace per il suo ruolo nel porre fine alla Guerra Fredda e nell’allentare le tensioni nucleari, ma ha affrontato la derisione in patria quando l’Unione Sovietica è crollata.

Esausto da un tentativo di colpo di stato contro di lui nell’agosto 1991, Mikhail Gorbaciov trascorse i suoi ultimi mesi al potere osservando una repubblica dopo l’altra dichiarare l’indipendenza, fino a quando non si dimise il 25 dicembre.

Alla fine del suo regno, non riuscì a fermare il turbine che aveva piantato. Tuttavia, Mikhail Gorbaciov ha probabilmente avuto più influenza sulla seconda metà del ventesimo secolo di qualsiasi altra figura politica.

“Mi vedo come un uomo che ha lanciato le riforme necessarie per il paese, per l’Europa e per il mondo”, ha detto Mikhail Gorbachev all’Associated Press in un’intervista del 1992 poco dopo aver lasciato i suoi doveri.

“Mi viene chiesto spesso, avrei ricominciato da capo se avessi dovuto rifare tutto da capo? Sì. E con più tenacia e determinazione”.

La sua corsa presidenziale del 1996 è stata uno scherzo nazionale in Russia. Ha ricevuto meno dell’1% dei voti. Nel 1997, ha deciso di dirigere uno spot televisivo per Pizza Hut per raccogliere fondi per il suo ente di beneficenza.

Ma è stato accolto fuori dalla Russia e Brian Mulroney ha detto che hanno approfondito la loro amicizia. Negli ultimi anni si sono incontrati a Houston, New York o Montreal.

“L’ho amato molto personalmente. Abbiamo avuto un ottimo rapporto personale”, ha detto. “Ho assistito al meraviglioso rapporto che ha con sua moglie e la sua famiglia. Era, secondo me, un grande uomo. »

READ  Messico: sirene sismiche suonano in Messico

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.