Brasile | I leader dell’esercito se ne vanno in mezzo a una crisi politica

(Brasilia) Dopo il ministro della Difesa, è stata la volta dei leader delle forze aeree, terrestri e marittime, essere sostituiti dal presidente brasiliano Jair Bolsonaro, sottoposto a forti pressioni politiche nel mezzo della crisi sanitaria.




Jordi Miro con Luis Guinot a Rio de Janeiro
France Media

“Per la prima volta nella storia, i leader delle tre forze armate hanno offerto le loro dimissioni in massa in una disputa con un presidente”, ha sottolineato il quotidiano. Giornale.

Il ministero della Difesa non ha specificato le ragioni della partenza degli alti ufficiali, annunciata a conclusione di un incontro tenutosi martedì a Brasilia alla presenza del nuovo ministro della Difesa Walter Braga Neto e del suo predecessore Fernando. .

Secondo la stampa brasiliana, l’improvvisa partenza di quest’ultimo è stata molto brutta da parte dei comandanti delle tre forze, il generale Edson Pujol (Esercito), l’ammiraglio Elkes Barbosa (Marina) e il comandante dell’aeronautica Antonio Carlos Bermuda.

L’uso dell’esercito per scopi politici

In una breve dichiarazione in cui si annunciava che avrebbe lasciato il suo incarico di ministro, il generale Fernando Azevedo e Silva, l’ex capo di gabinetto, ha confermato lunedì di essere “completamente fedele” al presidente Bolsonaro. Ma ha anche menzionato l’importanza di “preservare l’esercito come istituzione dello Stato”, una frase che tutti i commentatori hanno sottolineato.

Quanto a Merval Pereira, editorialista politico del quotidiano O un palloncinoIl ministro uscente era “a disagio quando Bolsonaro ha usato l’esercito per fini politici”.

Questa preoccupazione era importante anche tra i principali leader militari, in particolare il comandante dell’esercito, il generale Edson Pujol.

READ  The identity of a 4,200-year-old queen is among the fascinating new discoveries in Egypt

Nel maggio 2020, quando la crisi sanitaria del Coronavirus ha iniziato a prendere dimensioni pericolose in Brasile, il presidente ha voluto stringergli la mano durante una cerimonia ufficiale, ma ha preferito allungare il gomito, seguendo le raccomandazioni sanitarie per evitare il contagio.

Nostalgia per la dittatura militare

Molti generali respingono anche la posizione dei militanti polacchi nostalgici della dittatura militare (1964-1985), che l’anno scorso chiedevano l ‘”intervento” dell’esercito contro il Parlamento e la Corte suprema.

D’altra parte, Jair Bolsonaro, un ex capitano dell’esercito, trarrebbe vantaggio dall’ampio sostegno tra i soldati di rango inferiore.

La maggior parte degli analisti ritiene che il rimpasto di governo fosse finalizzato a rafforzare il suo controllo sull’esercito, che occupa un terzo dei portafogli governativi e molte posizioni nell’amministrazione.

Ma il vicepresidente Hamilton Muraw, che è anche un generale, ha insistito sul fatto che non c’era il rischio di una “rottura istituzionale”.

Fattore Lula

Lunedì sono stati sostituiti in totale sei ministri, compresi i ministri della giustizia e degli affari esteri.

Il presidente Bolsonaro è più che mai preso di mira per la sua gestione caotica della crisi sanitaria che ha provocato la morte di oltre 313.000 persone in Brasile.

Il suo indice di popolarità è a metà: se mantiene circa il 30% delle recensioni positive grazie allo zoccolo duro dei suoi sostenitori, più del 54% dei brasiliani non è d’accordo con la sua gestione dell’epidemia, secondo un recente sondaggio dell’Istituto Datafolha.

La pressione è aumentata solo con il ritorno in partita dell’ex presidente Luiz Inacio Lula da Silva (2003-2010), che nelle ultime settimane ha ottenuto vittorie legali.

READ  La fine dell'attesa nel Canale di Suez

Lo storico leader della sinistra brasiliana ha visto le sue condanne revocate dalla Corte Suprema e, dopo aver mancato il congedo, si è nuovamente qualificato per le elezioni presidenziali del 2022.

In questo contesto teso, il presidente Bolsonaro sta cercando di avvicinarsi al “Centrao”, un gruppo informale di parlamentari centristi che hanno raccolto il loro sostegno in cambio di posizioni importanti.

Questi cambiamenti rispondevano a una duplice logica: prima doveva fare spazio al Centraue, poi voleva essere circondato dalle persone più leali possibili, soprattutto all’interno dei militari, per affrontare la crisi politica. Spiega lo specialista delle relazioni internazionali Oliver Stinkel.

Il capo dello Stato ha ceduto per primo alle pressioni dei parlamentari, che hanno chiesto la partenza del capo della diplomazia Ernesto Araujo.

Questo entusiasta ideologo vicino a Jair Bolsonaro è accusato, tra l’altro, di ostacolare l’importazione di vaccini a causa dei suoi cattivi rapporti con la Cina. Fu sostituito da Carlos Alberto Franco Franca, un diplomatico con un fascicolo personale più segreto.

Un altro gesto per ottenere il sostegno di Centrao: Bolsonaro ha nominato Flavia Arruda, deputata centrista in Gabinetto, responsabile del dialogo con il Parlamento.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *