Blocco testato sul campo

Blocco testato sul campo

Dopo settimane di polemiche, il governo francese ha deciso di indossare l’abaya a scuola.

Il 27 agosto, il ministro dell’Istruzione Gabriel Attal, senza alcuna sorpresa, ha annunciato il divieto dell’abito lungo nelle scuole.

La decisione, non riuscendo a porre fine al dibattito, ha alimentato polemiche e divisioni, anche all’interno della classe politica. La decisione verrà sperimentata sul campo lunedì 4 settembre, quando inizierà la scuola.

Sorgono domande su come verranno implementate le linee guida. Se l’hijab islamico, vietato nelle scuole dal 2004, è facilmente riconoscibile, non è così per l’abaya. Qualsiasi abito lungo può essere confuso con un abbigliamento proibito, soprattutto se indossato da una ragazza con la pelle scura o un nome con connotazioni islamiche.

Gli addetti all’istruzione dovranno agire come “poliziotti dell’abbigliamento” con un alto rischio di scivolamento, controllo del volto e quindi resistenza e incidenti.

Il Ministero dell’Istruzione ha inviato un memorandum ai funzionari scolastici in cui vengono delineate le procedure per l’attuazione della decisione.

Sono infatti due i capi d’abbigliamento vietati: l’abaya per le ragazze e la camicia per i ragazzi. Se uno studente si presenta al cancello indossando una di queste due divise, non potrà entrare in classe, ma non verrà nemmeno espulso.

Sarà invitato per un dibattito presso una delle sedi della Fondazione. Non verranno presi provvedimenti disciplinari nei suoi confronti a meno che non insista nel rifiutarsi di abbandonare l’uniforme vietata.

“Faremo in modo che questa (la legge) sia ben applicata”, ha semplicemente risposto il primo ministro Elisabeth Borne a una domanda di RTL, ricordando una legge del 2004 che vieta l’esposizione di segni di appartenenza religiosa nelle scuole.

READ  Più di 500 città sono ancora senza elettricità in Ucraina

Abaya a scuola: la classe politica francese è dilaniata

Il capo dell’esecutivo ha preferito concentrarsi sulle critiche provenienti da parte della classe politica. Ha denunciato “manipolazioni e tentativi di provocazione da parte di alcuni”, citando il nome “La France Insoumise”. Il partito di Jean-Luc Mélenchon si oppone alla decisione del ministro dell’Istruzione di vietare l’abaya nelle scuole dall’inizio dell’anno accademico 2023-2024.

Mélenchon ha denunciato “la nuova guerra religiosa assurda e del tutto artificiale contro l’abbigliamento femminile”.

Il Partito della Sinistra aveva preso in considerazione l’idea di portare la questione al Consiglio di Stato. Un’associazione islamica denominata Muslim Rights Action è subito intervenuta prendendo il controllo di questa Corte amministrativa suprema per ottenere l’abrogazione del divieto.

E a destra, al contrario, esultiamo. L’estrema destra e la destra tradizionale sotto Emmanuel Macron raramente sono pienamente d’accordo con la decisione del governo.

Il presidente del Partito repubblicano Eric Ciotti ha accolto con favore il divieto, affermando che ci troviamo in una “deriva insopportabile”. Non sorprende che Eric Zemmour lo consideri “un buon primo passo”.

Il presidente Macron, come il suo primo ministro, ha promesso fermezza nell’applicazione della legge. “Oltre le parole, passeremo ai fatti”, ha detto il capo dello Stato durante una visita venerdì ad un liceo della Vaucluse.

Ma Emmanuel Macron si aspetta già che la decisione sarà difficile da attuare, rendendosi conto che molti cercheranno di “sfidare il sistema repubblicano”. La decisione di vietare l’abaya è una decisione insensata che genererà incidenti e un’esplosione di “attacchi alla laicità”? La Francia inizierà a rispondere a partire da lunedì 4 settembre.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *