Blinken dice che l’America non ha un “migliore amico” della Germania

Gli Stati Uniti non hanno un “migliore amico” della Germania: durante il suo primo tour europeo, il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha apparentemente raggiunto Berlino, sperando di dimenticare gli anni contrastanti di Donald Trump.

• Leggi anche: Dopo Biden, i Blinken sono tornati in Europa per consolidare l’unità occidentale

• Leggi anche: Diritti gay in Ungheria: 13 Paesi europei chiedono a Bruxelles di agire

Segno di una rinnovata stretta relazione storica, le due potenze hanno dimostrato il loro desiderio di vincere quest’estate, in particolare la loro disputa sul gasdotto Nord Stream 2 e, più in generale, sulla Russia.

“Penso che sia giusto dire che gli Stati Uniti non hanno un partner migliore, un amico migliore nel mondo della Germania”, ha affermato Anthony Blinken insieme al cancelliere tedesco Angela Merkel.

Anche se questo può sembrare educazione diplomatica, sembra in contrasto con la posizione tradizionale degli Stati Uniti, che di solito vedono il Regno Unito come il suo partner più vicino.

“Si inizia con valori e interessi condivisi” e “una convinzione condivisa che tutte le sfide che affrontiamo hanno un impatto sulla vita delle persone”, ha aggiunto Blinken, che considera la Germania il primo passo del suo prossimo tour europeo. lui in Francia e in Italia.

base comune

Angela Merkel ha anche insistito sulla “base molto comune” delle posizioni dei due Paesi, in particolare nei confronti di Russia e Cina, “ma anche sulla questione di sapere quali alleanze possiamo formare”.

Ha promesso di “continuare questi scambi”, che devono avvenire entro e non oltre il 15 luglio, quando il cancelliere, che si dimetterà dopo le elezioni legislative del 26 settembre, visiterà la Casa Bianca, la prima da quando è entrato in carica. Operativo a gennaio.

READ  Invasione russa dell'Ucraina | Gli ex politici europei hanno lasciato le società russe, ma non solo

Le parole del francofono e del francofono Anthony Blinken rappresentano un marcato cambiamento con l’amministrazione Trump che ha aggravato i graffi contro Berlino nel corso di quattro anni per quanto riguarda la sua bilancia commerciale e la sua partecipazione al bilancio della NATO.

Anche nella spinosa questione del gasdotto Nord Stream 2, oggetto di un’aspra disputa tra Washington e Berlino, i due alleati ora intendono avvicinarsi.

compromesso

Anthony Blinken ha ribadito l’ostilità del suo Paese a questo progetto, ma sperava in un compromesso con la Germania.

Questo gasdotto collega la Russia con la Germania attraverso il Mar Baltico senza passare per l’Ucraina. È sostenuto da Berlino, ma è stato oggetto di molte critiche a Washington e nell’Europa dell’Est.

“Siamo determinati a vedere se c’è qualcosa di positivo che possiamo portare via da una situazione difficile che abbiamo ereditato”, ha aggiunto Anthony Blinken.

Da parte sua, Heiko Maas ha dichiarato: “Conosciamo le aspettative di Washington ed è molto importante ottenere un risultato con cui anche Washington possa lavorare”, affermando di voler ottenere “risultati presto”.

Concretamente, ha espresso in privato la speranza di progressi in vista della visita del cancelliere tedesco Angela Merkel a Washington.

L’obiettivo è raggiungere un accordo entro agosto, quando l’amministrazione Usa dovrà nuovamente riferire al Congresso sul gasdotto e sulle sanzioni previste da questo quadro.

I media tedeschi hanno sollevato la possibilità di un compromesso che includa un meccanismo di compensazione per l’Ucraina. Il principale paese di transito per il gas russo verso l’Europa oggi, questo paese ha paura di perdere soldi con il gasdotto e teme anche le conseguenze per la sua sicurezza.

READ  Un appello al clima scritto nel discorso degli studiosi per la politica italiana

È ora di calmarsi. Il governo di Joe Biden ha deciso a fine maggio di non punire i principali attori del Nord Stream, associando la Russia alla Germania e scavalcando l’Ucraina.

I leader tedeschi, guidati dal cancelliere, non hanno nascosto il loro sollievo negli ultimi mesi nel vedere Joe Biden entrare nello Studio Ovale.

Altro segnale di desiderio di riavvicinamento, i due ministri degli Esteri si ritroveranno giovedì per visitare insieme il memoriale dell’Olocausto a Berlino.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.