Birmania | Il consiglio militare intensifica la repressione nonostante le critiche

La giunta che governa la Birmania (Myanmar) dal colpo di stato 1è essere Il mese di febbraio ha intensificato la repressione nel Paese senza risentire del malcontento della popolazione e dell’aumento della condanna internazionale.


Mark TeibodoMark Teibodo
Giornalismo

I soldati, che domenica hanno ucciso un numero record di manifestanti, hanno potuto contare in particolare sul sostegno di Pechino, che lunedì ha chiesto loro di intervenire per impedire ogni “azione violenta” e punire i “fuorilegge” che avrebbero appiccato il fuoco a decine di cinesi. Fabbriche di proprietà in una zona popolare di Yangon.

Un portavoce del ministero degli Esteri ha messo in guardia dal “invitare i cittadini birmani a esprimere le loro richieste in modo rispettoso della legge e ad evitare lo sfruttamento o la manipolazione in un modo che mina la cooperazione amichevole” tra i due paesi. Lo ha citato Global Times, L’altoparlante del regime comunista.

La Cina ha anche indicato di essere preoccupata per la sicurezza dei cittadini cinesi che vivono nel Paese e ha chiesto, ancora una volta, il rafforzamento delle misure di sicurezza, suscitando i timori di un nuovo giro di vite da parte delle autorità birmane.

140 manifestanti sono stati uccisi

Secondo l’Associazione thailandese per l’assistenza ai prigionieri politici (AAPP), quasi 140 persone sono state uccise durante sei settimane di proteste volte a garantire il ripristino della democrazia e il ritorno del governo eletto all’ex Premio Nobel per la Pace. Vincitore del premio Aung San Suu Kyi, attualmente detenuto.

La campagna ha preso una svolta particolarmente mortale domenica, quando circa 45 persone sono state uccise. Quasi la metà delle vittime è morta nel sobborgo industriale di Rangoon, la capitale economica del paese, dove si trovano le fabbriche in rovina.

READ  Washington avverte la Cina di un attacco a Taiwan

Il ricercatore birmano Ani Zaman ha detto in un’intervista lunedì che scene “orribili” si sono verificate in questo sobborgo e in un’altra parte della città dove la giunta aveva appena imposto la legge marziale.

La decisione dà ai soldati, che lunedì hanno ucciso più di una dozzina di persone, di reprimere la protesta, ma nulla dice che sarebbe giusto sulla determinazione dei manifestanti.

Molti birmani, M.sono Zaman, “ha l’impressione che tu non abbia più niente da perdere” ed è determinato a fare di tutto per evitare che il Paese cada definitivamente nella dittatura, anche se non è facile “affrontare un regime militare. È pronto a uccidere decine di persone ogni giorno. ”

Le prime settimane delle proteste sono state in gran parte pacifiche e le persone stavano trovando modi originali per esprimere le loro lamentele, ma la situazione non è più la stessa “quando i cecchini iniziano a sparare alla testa”, ha detto.

Il Relatore Speciale delle Nazioni Unite per la Birmania, Tom Andrews, lunedì ha denunciato le azioni dell’esercito come “potenziali crimini contro l’umanità” e ha chiesto un arresto immediato della fornitura di “armi e denaro” al consiglio militare.

Azione concertata contro il consiglio militare “improbabile”

Jean-Francois Rancourt, specialista in Birmania presso l’Università di Montreal, ritiene improbabile che un’azione coordinata della comunità internazionale contro il regime appaia improbabile a causa del potere di veto della Russia e della Cina al Consiglio di sicurezza.

L’analisi delle note di Pékin in sévir contro i responsables du vandalisme survenu à Rangoun n’augurent rien de bon puisqu’ils semblent suggérer que Pékin se range ouvertement du côté du régéime pouréonomist la défense de ses Country.

READ  Canale di Suez | Ottimismo, ma gli sforzi di liberazione sono ancora vani

Ha detto che il governo cinese sta anche cercando di usare la sua influenza per garantire che le milizie associate a gruppi di minoranze etniche che controllano parti della Birmania non interferiscano nel conflitto.

Molti di loro hanno concluso un armistizio con l’autorità centrale dopo le discussioni tenutesi sotto gli auspici del deposto governo di Aung San Suu Kyi, che sarebbe probabilmente “agli arresti domiciliari” per molti anni se la giunta continuasse al potere. Osserva il signor Rancourt.

Uno stretto collaboratore del leader della Nld, Mahan Win Khaeng Than, recentemente nominato vice presidente del parlamento segreto ombra, ha esortato la popolazione a resistere alla “ingiusta” dittatura “.

“Questo è il momento più oscuro della nazione, [mais] “La rivolta deve essere vittoriosa”, ha detto all’AFP nel fine settimana.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *