Birmania: centinaia di monaci fuggono dai combattimenti tra l’esercito e le fazioni ribelli

Centinaia di monaci sono fuggiti dal loro monastero nel Myanmar orientale per sfuggire ai feroci combattimenti tra l’esercito e i gruppi ribelli anti-giunta, hanno riferito testimoni all’Afp.

A Loikaw, nello stato di Kayah, circa 30 monasteri sono stati abbandonati e i loro residenti hanno lasciato la città su dozzine di camion, ha detto uno di loro all’AFP in condizione di anonimato.

Ha aggiunto che diversi monaci sono fuggiti anche dalla congregazione di Dimoso, a pochi chilometri di distanza.

Queste due città, situate a 200 km a est della capitale Naypyidaw, sono da diversi giorni teatro di aspri combattimenti tra ribelli e forze armate. Quest’ultimo ha lanciato attacchi aerei e bombardamenti di artiglieria.

Le Nazioni Unite stimano che metà della popolazione di Luika sia stata costretta ad andarsene e che quasi 90.000 persone dello stato di Kayah siano fuggite. I media locali hanno stimato il numero di sfollati a più di 170.000.

A Loikaw, combattenti dell’opposizione hanno sequestrato chiese e case abbandonate. Un poliziotto locale ha anche detto che sono stati costretti ad aprire le porte della prigione nel tentativo di convincere i detenuti a unirsi a loro.

La Birmania è nel caos dal colpo di stato militare del 1° febbraio 2021 che ha spodestato Aung San Suu Kyi e posto fine a un decennio di democratizzazione.

Gruppi ribelli, spesso composti da cittadini, hanno preso le armi contro la giunta ei combattimenti si sono intensificati nell’est del Paese dalla fine dei monsoni e dall’arrivo della stagione secca.

La vigilia di Natale, nello stato di Kayah, almeno 35 persone sono state uccise e i loro corpi cremati, in un massacro attribuito ai militari.

Il relatore speciale delle Nazioni Unite sulla Birmania, Tom Andrews, ha esortato il leader della giunta Min Aung Hlaing a “fermare gli attacchi aerei e terrestri” a Luikaw e “consentire il passaggio degli aiuti umanitari”.

READ  Terremoto ad Haiti: 'Ci chiediamo cosa avremmo potuto fare per il Buon Dio'

Dopo il colpo di stato, la comunità internazionale non ha avuto molto spazio per cercare di risolvere la crisi. La giunta fa orecchie da mercante agli appelli delle Nazioni Unite e dell’Associazione delle nazioni del sud-est asiatico (ASEAN).

Sebbene la situazione sanitaria e umanitaria sia critica, l’esercito sta impedendo la consegna di aiuti e forniture mediche alle aree in cui la resistenza è forte, secondo l’ONG Human Rights Watch.

Le forze di sicurezza hanno ucciso più di 1.400 civili dal colpo di stato e ne hanno arrestati più di 11.000, secondo una ONG locale.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.