Biden riceve il re di Giordania per parlare di Gaza

Biden riceve il re di Giordania per parlare di Gaza

Joe Biden ha ricevuto lunedì il re di Giordania Abdullah II, ardente sostenitore di un cessate il fuoco immediato nella Striscia di Gaza, per un dibattito dedicato principalmente al conflitto e alle prospettive a lungo termine per i territori palestinesi.

• Leggi anche: Gaza: Borrell suggerisce che gli Stati Uniti forniscano meno armi a Israele

• Leggi anche: Biden si unisce a TikTok in vista delle elezioni del 2024

• Leggi anche: Biden denuncia le dichiarazioni “dolorose e pericolose” di Trump riguardo alla NATO

Il Re ha iniziato un tour internazionale nel quale visiterà anche il Canada, la Francia e la Germania.

La sua prima tappa sarà a Washington per incontrare i membri del Congresso americano, che attualmente sta discutendo sugli aiuti americani a Israele, e il Presidente degli Stati Uniti.

Il re Abdullah II, accompagnato dalla moglie, la regina Rania e dal principe ereditario Hussein, è stato ricevuto da Joe e Jill Biden intorno alle otto GMT. Entrambi i capi di Stato dovrebbero parlare alla stampa alle 21:00 GMT.

La visita del re mira a “mobilitare il sostegno internazionale per un cessate il fuoco a Gaza (…) e fornire aiuti umanitari alla Striscia di Gaza in quantità sufficienti e su base permanente”, secondo il palazzo.

La Giordania, come altri paesi arabi della regione, chiede l'immediata cessazione delle ostilità tra Israele e il movimento islamico palestinese Hamas nella Striscia di Gaza.

Gli Stati Uniti per il momento non vogliono sentir parlare di cessate il fuoco e preferiscono presentare l’idea di una “pausa” prolungata accompagnata dal rilascio degli ostaggi ancora detenuti a Gaza.

Il portavoce della Casa Bianca John Kirby ha dichiarato: “Non potrà esserci una fine duratura alla crisi finché Hamas non rilascerà tutte le donne e gli uomini che detiene, senza eccezioni”.

READ  Ucraina: Mosca esclude ogni "concessione" durante i colloqui con Washington

Washington, il primo alleato di Israele, ha iniziato a mostrare più chiaramente la sua frustrazione nei confronti del governo di Benjamin Netanyahu.

'Piano credibile'

Domenica Joe Biden ha chiamato il primo ministro israeliano per esortarlo a non lanciare un'operazione militare a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, “senza un piano credibile e attuabile” per proteggere la popolazione.

“Senza un progetto in questo senso che sia credibile e che loro (Israele, ndr) siano in grado di realizzare, non supportiamo un'operazione militare su larga scala” a Rafah, ha ribadito lunedì il portavoce del Ministero degli Esteri.

Alla domanda se Benjamin Netanyahu abbia ascoltato il suo consiglio, Joe Biden ha risposto con umorismo: “Lo fanno tutti”.

Lunedì Israele ha rilasciato due ostaggi sequestrati durante un'operazione notturna di commando accompagnata da attacchi mortali in questa città al confine con l'Egitto, dove centinaia di migliaia di civili palestinesi vivono come rifugiati.

Oltre al conflitto attuale, secondo il suddetto alto funzionario, il presidente e il re vogliono anche aumentare le prospettive di una “pace duratura” a Gaza.

“Ciò include un modello a due Stati con garanzie per la sicurezza di Israele e una rinnovata Autorità palestinese”, ha detto domenica un alto funzionario americano.

Secondo le Nazioni Unite, il Regno di Giordania, vicino di Israele e uno dei principali alleati degli Stati Uniti nella regione, ospita più di due milioni di rifugiati palestinesi.

La guerra tra Israele e Hamas è scoppiata il 7 ottobre, quando commando appartenenti al movimento palestinese si sono infiltrati dalla Striscia di Gaza, dove il movimento ha preso il potere nel 2007, e hanno compiuto un attacco nel sud di Israele che ha ucciso più di 1.160 persone, secondo i dati l'esercito israeliano. La maggior parte di loro sono civili, secondo un censimento preparato dall'Agence France-Presse sulla base di dati ufficiali israeliani.

READ  Pakistan: Chiese bruciate dopo accuse di blasfemia

In risposta, Israele, che come gli Stati Uniti e l’Unione Europea considera Hamas un’organizzazione terroristica, ha promesso di distruggere il gruppo e ha lanciato un attacco che ha ucciso almeno 28.340 persone nella Striscia. Donne, bambini e adolescenti, secondo l'ultimo rapporto diffuso dal Ministero della Salute di Hamas.

Israele stima che circa 130 ostaggi siano ancora detenuti a Gaza, di cui 29 ritenuti morti, delle circa 250 persone rapite in Israele il 7 ottobre.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *