Biden ‘mai, mai accetterà’ rivendicazioni russe in Ucraina

Giovedì il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha promesso che “non avrebbe mai riconosciuto i risultati dei referendum” organizzati dalla Russia “in Ucraina.

• Leggi anche: Putin chiede di “correggere gli errori” nella mobilitazione a favore dell’Ucraina

• Leggi anche: Il conflitto in Ucraina è il risultato del “crollo dell’Unione Sovietica”, secondo Putin

• Leggi anche: I russi fuggono “per sempre” dal rischio di chiusura delle frontiere

“Voglio essere molto chiaro su questo: gli Stati Uniti non riconosceranno mai, mai e poi mai le pretese della Russia sul territorio sovrano dell’Ucraina”, ha detto il presidente degli Stati Uniti durante un vertice a Washington che ha riunito i leader delle isole del Pacifico.

“I cosiddetti referendum sono stati un’assoluta parodia e parodia. Il presidente Biden ha aggiunto che i risultati sono stati organizzati a Mosca, elogiando i “sacrifici” fatti dagli ucraini per “salvare il loro popolo e preservare l’indipendenza del loro Paese”.

Riferendosi al presidente russo Vladimir Putin, ha inoltre ritenuto che “l’aggressione russa contro l’Ucraina, volta a perseguire le ambizioni imperiali di Putin, è una flagrante violazione della Carta delle Nazioni Unite e dell’integrità territoriale dell’Ucraina”.

Ascolta l’intervista con Remy Landry, veterano delle forze armate canadesi e professore associato all’Università di Sherbrooke su QUB Radio:


Le parole del presidente degli Stati Uniti arrivano in un momento in cui il presidente russo deve ufficializzare venerdì a Mosca l’annessione russa di quattro regioni ucraine, che è stata ampiamente condannata da Kiev e dai suoi alleati occidentali.

Il Cremlino ospiterà una cerimonia alle 12:00 GMT di venerdì durante la quale sarà ufficializzata l’annessione delle regioni di Donetsk e Lugansk (est) e Kherson e Zaporizhia (sud) in Ucraina. Vladimir Putin pronuncerà un “grande discorso” nell’occasione, secondo il suo portavoce, Dmitry Peskov.

READ  Russia: il teorico Dugin ribadisce il suo sostegno a Putin dopo il ritiro da Kherson

Giovedì scorso, il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha condannato i “referendum” di annessione, che non sono “né più né meno che la confisca di terreni”.

“Questa parodia dei referendum organizzati dal Cremlino è solo un futile tentativo di nascondere almeno un altro tentativo di sequestro di terre in Ucraina”, ha detto Blinkin in una nota.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.