Biden ha detto che il processo a Trump potrebbe cambiare le cose

Washington | Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha detto giovedì che il processo al Senato di Donald Trump potrebbe aver cambiato le opinioni sul suo predecessore, il giorno dopo l’implacabile resoconto dell’attacco a Capitol Hill, intervallato da video scioccanti e citazioni selezionate.

Leggi anche: Pubblico ministero, bugiardo e incompetente

Leggi anche: Video e citazioni selezionati: Briefing scioccante dell’accusa al processo a Trump

Leggi anche: Donald Trump è stato il “principale istigatore” degli attacchi del 6 gennaio a Capitol Hill

Riflettendo la forza della loro offerta, Joe Biden, che finora è rimasto in ritardo, ha fatto il primo commento, con cautela, sul processo al miliardario repubblicano: “Penso che alcuni potrebbero aver cambiato una ‘nota’, ha detto ai giornalisti.

Anche se ha ragione, i pubblici ministeri democratici non riescono ancora a convincere i due terzi del Senato, la soglia necessaria per condannare l’ex presidente di “incitamento alla ribellione”.

Nonostante tutto, riprenderanno le loro discussioni a mezzogiorno in circolazione mentre centinaia di sostenitori di Donald Trump si inghiottono violentemente il 6 gennaio, quando i funzionari eletti convalideranno la vittoria di Joe Biden alle elezioni presidenziali.

Gli agenti di polizia hanno gridato di dolore, terrorizzato i funzionari eletti e minacciato gli aggressori: mescolando estratti di una telecamera di sorveglianza, a volte inediti, con video postati da rivoltosi, i pubblici ministeri mercoledì hanno ricordato a centinaia di senatori, giudici, giurati e testimoni che si erano esposti . È sfuggito per un pelo al “peggio”.

I Democratici eletti alla Camera, responsabili dell’accusa, hanno anche inserito l’attacco nel contesto della crociata post-elettorale del miliardario repubblicano.

“Il presidente Trump non è stato un testimone innocente di un incidente”, ha detto Jimmy Raskin, che supervisiona la squadra, suggeriscono i suoi avvocati, ma “ha abdicato al suo ruolo di comandante in capo per diventare il principale istigatore di una pericolosa insurrezione”. Dei ricorrenti.

READ  Primo contatto | Biden discute di questioni spinose con Putin, l'accordo sul disarmo

La “grande bugia”

L’ex magnate immobiliare con sede in Florida ha rifiutato di testimoniare. Ma la sua voce ha continuato a risuonare nella sanguinosa camera del Senato al Congresso, poiché i suoi accusatori hanno offerto numerosi estratti dai suoi discorsi, riprodotto i suoi focosi tweet e citato le sue parole più controverse.

La “grande bugia”: così hanno descritto la lunga campagna di disinformazione sulle elezioni del 45esimo presidente Usa che ha ripetuto per settimane, senza prove, di essere stato vittima di una diffusa frode elettorale.

Dopo che la sua denuncia legale è fallita e le sue molteplici pressioni sui funzionari elettorali nei principali stati, “il presidente Trump si è trovato a corto di opzioni pacifiche per rimanere al potere”, ha detto il presidente. Eletto Ted Liu.

Poi è passato ai “gruppi per cui aveva lavorato per mesi”, come l’estrema destra “Brad Boys”, molti dei cui membri erano tra gli aggressori al Campidoglio, e la sua collega Stacy Blasket ha aggiunto, ricordando che il il presidente li aveva invitati in ottobre a “essere preparati”.

Il 6 gennaio è partito per i suoi sostenitori riuniti a Washington prima di prendere d’assalto il Tempio della democrazia americana: “Combatti come demoni”.

‘L’obiettivo è nella parte posteriore’

Dire che l’ex presidente potrebbe essere responsabile di un “piccolo gruppo di criminali” che sono stati “completamente fraintesi” è “semplicemente ridicolo”, i suoi avvocati hanno insistito per iscritto lunedì, affermando che li aveva fatti “esortati a rimanere pacifici”.

Madeleine Dean ha risposto mercoledì, dicendo: “Abbiamo esaminato 11.000 parole nel suo discorso. Il presidente ha usato il termine” pacifico “solo una volta, invece di più di 20 parole” per combattere “.

READ  Cercasi tigre selvaggia in Texas dopo aver vagato per le strade di Houston

Ancora peggio, secondo Plaskett, ha assolto il suo vice, Mike Pence, che si è rifiutato di smettere di certificare il risultato elettorale, o la leader democratica della Camera Nancy Pelosi. “Metti un bersaglio sulla schiena”, ha detto.

Il senatore repubblicano John Thon ha elogiato il loro racconto. “Hanno fatto un buon lavoro evidenziando i collegamenti … per tornare indietro nel tempo”, ha detto ai giornalisti.

E ‘stato “offensivo e assurdo”, ma ha commentato la collega Lindsay Graham, convinta che il voto “non colpevole” sarebbe stato rafforzato.

Donald Trump rimane estremamente popolare tra una parte dell’elettorato e continua a esercitare una potente influenza sul Partito Repubblicano.

Se alcuni senatori del “vecchio grande partito” lo hanno incolpato dell’attacco, è improbabile che 17 si uniscano ai Democratici nel dichiararsi colpevole e infine squalificarlo.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *