Biden è diventato il primo presidente degli Stati Uniti a riconoscere il genocidio armeno

(Washington) Joe Biden ha ammesso sabato il genocidio armeno, diventando il primo presidente degli Stati Uniti a descrivere l’uccisione di 1,5 milioni di armeni per mano dell’Impero Ottomano nel 1915.




Jerome Carteler a Washington e Mary Harutyunyan a Yerevan
France Media

Il suo omologo turco, Recep Tayyip Erdogan, ha risposto immediatamente condannando la “politicizzazione di terzi” di questo dibattito, in una lettera indirizzata al patriarca armeno a Istanbul. Il suo ministro degli esteri ha detto che la Turchia “non ha lezioni da imparare da nessuno nella sua storia”.

Associate Press / Presidenza della Turchia

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan

Da parte sua, il primo ministro armeno Nikol Pachinyan ha elogiato “una misura molto forte verso la giustizia e la verità storica” ​​in un messaggio su Facebook.

Il genocidio armeno è stato riconosciuto da più di venti paesi e da molti storici, ma la Turchia ne è ferocemente contestata.

“Gli americani onorano tutti gli armeni che sono morti nel genocidio iniziato 106 anni fa oggi”, ha scritto Joe Biden in una dichiarazione.

“Confermiamo la storia. Non lo facciamo per confondere nessuno, ma per assicurarci che quanto accaduto non si ripeta”.

Il presidente democratico, che durante la sua campagna elettorale aveva promesso di prendere l’iniziativa su questo tema, venerdì ha informato la sua controparte turca della sua decisione in una conversazione telefonica.

I due leader hanno deciso di incontrarsi a giugno a margine del vertice della NATO a Bruxelles.

In una telefonata con il capo di stato turco, l’inquilino della Casa Bianca ha espresso il desiderio di costruire un “rapporto bilaterale costruttivo”, secondo il breve rapporto americano, che invoca la necessità di una “gestione efficace delle controversie”.

READ  Il Pentagono purifica i comitati consultivi degli alleati che Trump ha nominato

“Onorare le vittime”

Un funzionario americano ha insistito, a condizione dell’anonimato, che si trattava di “onorare le vittime, non annegare nessuno”. Ha aggiunto: “Vediamo ancora la Turchia come un importante alleato all’interno della NATO”.

Associated Press Pictures / The Armenian Genocide Museum

Gli armeni stimano che un milione e mezzo di loro furono sistematicamente uccisi durante la prima guerra mondiale dalle forze dell’Impero Ottomano.

Senza fare esplicito riferimento agli Stati Uniti, giovedì il presidente turco ha inviato un velato avvertimento a Washington.

Durante un incontro con i consiglieri, ha avvertito che avrebbe continuato a “difendere la verità contro coloro che sostengono la menzogna del cosiddetto” genocidio armeno “. […] Per scopi politici. ”

Nonostante anni di pressioni da parte della comunità armena negli Stati Uniti, nessun presidente americano ha ancora osato far arrabbiare Ankara.

Il Congresso degli Stati Uniti ha riconosciuto il genocidio armeno nel dicembre 2019 con un voto simbolico, ma Donald Trump, che aveva rapporti abbastanza buoni con Recep Tayyip Erdogan, ha rifiutato di usare la parola, parlando solo di “una delle peggiori atrocità di massa del ventesimo secolo. ”

Gli armeni stimano che un milione e mezzo di loro furono sistematicamente uccisi durante la prima guerra mondiale dalle forze dell’Impero Ottomano, poi alleati con Germania, Austria e Ungheria. Commemorano questo genocidio ogni anno il 24 aprile.

La Turchia, derivante dallo smantellamento dell’impero nel 1920, ha riconosciuto i massacri, ma ha rifiutato il termine genocidio, che ha scatenato una guerra civile in Anatolia, insieme alla carestia, in cui sono morti tra 300.000 e 500.000 armeni e molti turchi.

La Turchia non riconoscerà mai il genocidio. “Questo non accadrà mai”, ha detto ad AFP Aram Bowen, 33 anni, durante una manifestazione di centinaia di membri della comunità armena a New York.

READ  Texas | Una poliziotta è stata condannata per aver fatto appello per omicidio premeditato

Ha aggiunto che l’annuncio di Joe Biden è “la cosa più vicina al riconoscimento globale”.

Da parte sua, Samuel Armin, 32 anni, armeno, presente al raduno di New York, ha considerato questo gesto un “passo positivo”, ma non ancora “sufficiente”.

Lo stavamo aspettando da anni, lo volevamo prima di Biden. Nel frattempo, Talin Nurian ha detto all’AFP, una croce a Yerevan, “Avevamo molte promesse con Trump e prima di allora, abbiamo aspettato.

“Penso che la Turchia ora avrà paura perché tutti i paesi inizieranno a riconoscere (il genocidio) quest’anno o l’anno successivo, e tutti ne parleranno”, ha detto il 41enne armeno.

Gregory, il meno ottimista, crede in un’intervista all’Agence France-Presse per le strade di Gerusalemme che questa decisione “non cambierà nulla”.

L’Armenia è un piccolo paese, non siamo grandi e forti come la Turchia. Non abbiamo molto da offrire in termini di geopolitica e commercio “, prosegue l’uomo sulla sessantina davanti al monastero armeno di San Giacomo.

L’annuncio di Biden non avrà alcun effetto legale, ma non farà che esacerbare le tensioni con la Turchia, che il capo diplomatico statunitense Anthony Blinken ha descritto come un “cosiddetto partner strategico” e che “non agisce, per molti aspetti, come un alleato. . ”

Il presidente democratico afferma di voler porre la difesa dei diritti umani al centro della sua politica estera. Il suo governo ha confermato la sua accusa di “genocidio” negli ultimi giorni della presidenza di Donald Trump contro la Cina per la repressione dei musulmani uiguri.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *