Batteri orali: attenzione al rischio di malattie cardiache

Di base

  • L’igiene orale è importante tanto quanto l’assunzione di antibiotici per prevenire il rischio di endocardite.
  • Tuttavia, gli antibiotici restano necessari prima di alcune procedure odontoiatriche, soprattutto nelle 4 categorie di pazienti ad alto rischio identificate dall’American Heart Association nelle sue nuove linee guida.

Lavarsi i denti almeno due volte al giorno, passare il filo interdentale e visitare il dentista ogni anno non solo aiuta a mantenere vivo il tuo sorriso. Si riduce anche in modo significativo Il rischio di endocardite infettiva. Questa è la cardite Causato da batteri orali Quelli che entrano nel flusso sanguigno e si insediano nel rivestimento interno delle camere del cuore (l’endocardio), interessando principalmente le valvole cardiache oi vasi sanguigni. Streptococchi e stafilococco È al primo posto tra i batteri accusati Si accumula nella placca dentale sulla superficie dei denti e provoca infiammazione e gonfiore delle gengive.

Pazienti a rischio di sviluppare endocardite

Mentre una scarsa igiene dentale aumenta il rischio di sviluppare endocardite infettiva, alcuni pazienti corrono un rischio più elevato. Questo è ciò che evidenziano le nuove linee guida dell’American Heart Association. Pubblicato sulla rivista Rotazione, Confermano le raccomandazioni precedenti. Secondo queste categorie, ci sono quattro categorie di pazienti cardiopatici a cui dovrebbero essere prescritti antibiotici prima di determinate procedure dentali per prevenire l’endocardite, dato il loro alto rischio di complicanze da infezione. Questo è il caso dei pazienti con valvole cardiache artificiali o materiali protesici utilizzati per riparare la valvola, che hanno avuto in passato endocardite, adulti e bambini con cardiopatia congenita e persone che hanno subito un trapianto di cuore.

Diminuzione della prescrizione di antibiotici

Queste seguono le nuove linee guida emanate dall’American Heart Association dal 2007, che hanno identificato con precisione i pazienti da sottoporre a profilassi antibiotica prima di determinate procedure odontoiatriche in questi quattro gruppi ad alto rischio. Questa modifica ha permesso di ridurre il numero di pazienti che necessitano di antibiotici di circa il 90% e quindi di ridurre il consumo eccessivo di antibiotici nella popolazione. Queste linee guida inoltre non hanno aumentato l’incidenza di endocardite o morte per cardite.

READ  Le scienze dell'Odissea - Les Dibreuilliers

Da quando le linee guida sono state adottate nel 2007, gli scienziati dell’American Heart Association hanno notato una diminuzione complessiva di circa il 20% nella prescrizione di antibiotici preventivi per i pazienti ad alto rischio, una diminuzione del 64% nei pazienti a rischio moderato e una diminuzione del 52% nei pazienti a rischio basso o sconosciuto.

In un sondaggio su 5.500 dentisti negli Stati Uniti, il 70% di loro ha riferito di aver prescritto antibiotici preventivi ai propri pazienti sebbene le linee guida non lo raccomandino più, il più delle volte per i pazienti con prolasso della valvola mitrale e altre cinque condizioni cardiache. I dentisti hanno riferito che nel 60% dei casi il medico di un paziente consigliava un ciclo di antibiotici e in un terzo dei casi era secondo le preferenze del paziente.

Buona igiene orale per ridurre il rischio

Cosa portano queste nuove direttive rispetto a quelle emanate nel 2007? Insistono quindi sulla necessità di mantenere una buona igiene orale e un accesso regolare alle cure odontoiatriche per prevenire l’insorgenza di endocarditi infettive, limitando così l’assunzione di antibiotici prima di alcune procedure odontoiatriche.

“È importante mettere in contatto i pazienti con servizi che facilitano l’accesso alle cure odontoiatriche e aiutano a garantire la copertura dentale, soprattutto nei pazienti a rischio di sviluppare endocardite”, hanno scritto gli esperti dell’American Heart Association, che raccomandano l’uso di antibiotici preventivi. “Nei pazienti ad alto rischio che si sottopongono a procedure dentali che comportano la manipolazione del tessuto gengivale o delle aree infette del dente, o la perforazione del rivestimento della bocca”..




READ  Queste api hanno inventato una rete di comunicazione

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *