Banca Mondiale: incombe la “Quinta ondata di crisi del debito”.

Il presidente della Banca mondiale David Malpass ha avvertito venerdì che il mondo è sull’orlo di una “quinta ondata di crisi del debito”, chiedendo sostegno ai paesi in difficoltà.

La pandemia ha spinto molti paesi a prendere in prestito di più per sostenere la propria economia, che ora rischia di mettere sotto pressione il proprio debito, dato l’effetto combinato dell’inflazione e dell’aumento dei tassi di interesse.

“Sono preoccupato per il livello del debito e sono preoccupato per un certo numero di paesi”, ha detto Malpass in una conferenza stampa online.

Nel solo 2022, il debito nei confronti del settore privato o di altri Paesi è di circa 44 miliardi di dollari” in alcuni dei Paesi più poveri, un importo superiore agli aiuti internazionali che questi stessi Paesi hanno ricevuto dalla Banca Mondiale.

“Attualmente stiamo affrontando quella che ritengo sia una quinta ondata di crisi del debito”, ha aggiunto, chiedendo “fondamentalmente una maggiore trasparenza” sui livelli di debito, sia da parte dei prestatori che dei mutuatari.

Il presidente della Banca Mondiale è intervenuto in vista degli incontri annuali del Fondo Monetario Internazionale e del Group of Twenty financial affairs meeting, che si terranno la prossima settimana a Washington.

David Malpass ha colto l’occasione per chiedere ancora una volta alla Cina, che è tra i più importanti istituti di credito ai paesi a basso reddito, di pubblicizzare di più sugli importi prestati e di fare di più per consentire una ristrutturazione del debito più problematica.

Le sue osservazioni si uniscono agli avvisi emessi dall’amministratore delegato del Fondo monetario internazionale, Kristalina Georgieva, che ha stimato giovedì che quasi un quarto dei paesi emergenti e fino al 60% dei paesi più poveri rischiano di affrontare la crisi del debito.

READ  I Democratici bloccano l'approvazione del Voting Rights Act

Una situazione amplificata dal ralentissement de l’économie mondiale, sous l’effet conjugué de l’inflation, nourrie par la hausse des prix de l’énergie et de l’alimentazione, ainsi que le resserrement monétaire central dles pour écidée par the last uno.

“Di fronte ai rischi della crisi finanziaria nei paesi in via di sviluppo, è molto importante riconoscere il ruolo che le economie avanzate svolgono in termini di sostegno alla crescita”, ha affermato David Malpass.

Ha aggiunto che anche i paesi in via di sviluppo devono vedere un maggiore flusso di capitali verso di loro, e anche se la Banca mondiale cerca di aumentare il tuo aiuto, “non è abbastanza”.

La Banca mondiale mantiene quattro precedenti ondate di crisi del debito dagli anni ’70, che molto spesso hanno portato a crisi finanziarie nelle economie emergenti e in via di sviluppo, come la crisi asiatica alla fine degli anni ’90.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.