Attacco al vescovo di Sydney: X si oppone alla rimozione dei contenuti legati all'attacco

Attacco al vescovo di Sydney: X si oppone alla rimozione dei contenuti legati all'attacco

Rete sociale

Mons. Mar Mari Emmanuel, vescovo della Chiesa assira, un ramo dei cristiani orientali, è stato accoltellato alla testa e al petto lunedì sera durante un sermone in una chiesa da un sedicenne. Aveva perdonato il suo aggressore in una lettera pubblicata dall'ospedale.

Le autorità australiane hanno espresso preoccupazione per il fatto che il video clip dell'attacco, ampiamente diffuso sui social media, possa infiammare le tensioni.

piattaforma

Ma ha affermato di aver ricevuto una nuova richiesta da eSafety che richiedeva il “blocco dei messaggi su larga scala” e minacciava la piattaforma con una multa giornaliera di 785.000 dollari australiani (694.000 dollari canadesi) se non si fosse conformata.

Elon Musk ha denunciato questo tipo di “blocco globale dei contenuti” sul social network, assicurando che l’organismo di regolamentazione non ha “la capacità di dettare quali contenuti gli utenti X possono vedere su scala globale”.

“Sfideremo vigorosamente questo approccio illegale e pericoloso in tribunale”, ha affermato la piattaforma, ritenendo che i messaggi in questione non violino le sue regole sull'espressione violenta.

Ma venerdì eSafety ha sottolineato il suo desiderio di garantire la “piena e completa conformità” di X con la legge australiana.

“Stiamo attualmente esplorando la possibilità di intraprendere ulteriori azioni normative”, ha affermato l’autorità di regolamentazione, affermando di essere “delusa dal fatto che il processo sia stato prolungato inutilmente piuttosto che dare priorità alla sicurezza degli australiani”.

Chris Means, primo ministro dello stato australiano del Nuovo Galles del Sud, di cui Sydney è la capitale, ha criticato il ruolo svolto da alcune piattaforme nel pubblicare immagini violente dell'attacco. Sabato ha commentato la reazione del social network X dicendo: “Sono scioccato ma non sorpreso”.

READ  Nave da guerra statunitense nello stretto di Taiwan, inizialmente sotto Biden

“Questo è esattamente quello che mi aspetterei da X o Twitter, come lo chiamano: ignorare le informazioni che diffondono nelle nostre comunità, le bugie e le voci che screditano il petrolio”, ha detto Means.

“E quando le cose vanno male, alzano la mano per dire che non sono disposti a fare nulla”, ha aggiunto Means, che ha chiesto un rafforzamento delle regole che governano i social network. “Ne abbiamo avuto abbastanza. Sydney ne ha avuto abbastanza.”

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *