Attacco a Capitol Hill: un feroce critico di Trump siederà in un comitato investigativo ل

I democratici giovedì hanno nominato un repubblicano molto critico di Donald Trump per partecipare a una commissione d’inchiesta sull’attacco criminale a Capitol Hill il 6 gennaio da parte dei sostenitori dell’ex presidente degli Stati Uniti.

• Leggi anche: Al confine con il Messico, Trump cancella le politiche di Biden

• Leggi anche: Assalto a Capitol Hill: i Democratici annunciano la formazione di un comitato investigativo speciale

L’eletta Liz Cheney, che è stata recentemente estromessa dalla gerarchia repubblicana per aver accusato a gran voce il miliardario di aver istigato l’attacco a Capitol Hill, si è detta “onorata”.

“I responsabili di questo attacco devono essere ritenuti responsabili e questa commissione speciale risponderà a questa responsabilità in modo professionale, tempestivo e imparziale”, ha affermato in una nota.

Liz Cheney è stata una dei soli 211 repubblicani a votare alla Camera mercoledì a favore della formazione di questo comitato speciale.

Con il potere di chiamare testimoni e richiedere documenti, questo comitato è stato approvato da 220 democratici della Camera, dopo che i repubblicani hanno impedito al Congresso di avviare un’indagine più indipendente.

Quest’ultimo ha affermato che le indagini parlamentari già in corso e il lavoro di polizia erano sufficienti. In questo caso sono state denunciate almeno 500 persone.

La presidente della Camera Nancy Pelosi ha anche nominato il democratico Penny Thompson a capo del comitato speciale. Quest’ultimo aveva sporto denuncia civile a febbraio contro Donald Trump per il suo ruolo nell’aggressione fatale.

In totale, ci siederanno tredici parlamentari, tra cui sette democratici. Il leader della minoranza repubblicana Kevin McCarthy potrà nominare sei repubblicani, ma non ha ancora deciso se farlo.

Nancy Pelosi ha promesso che il comitato avrebbe “scoperto la verità” sull’attacco dei manifestanti pro-Trump quando i parlamentari si sono incontrati per certificare la vittoria di Joe Biden alle elezioni presidenziali del novembre 2020.

READ  Trattamento degli uiguri | Le sanzioni di Pechino contro il Canada sono "inaccettabili", il giudice Trudeau

Le sue conclusioni potrebbero essere rivelate nel 2022, nel mezzo della campagna per le elezioni parlamentari e locali di medio termine.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *