Asia Pacifico: ci stiamo preparando alla guerra

Da diversi mesi la Cina mostra una crescente aggressività nei confronti di Taiwan, che sta sconvolgendo la pace e la stabilità nella regione.

Ieri l’esercito cinese ha concluso un’esercitazione militare su larga scala per schierare aerei da guerra e navi da guerra in tutta Taiwan.

Pechino rivuole l’isola – una democrazia fiorente e innovativa – che rifiuta di essere integrata in Cina. Da oggi Taiwan, a sua volta, sta organizzando esercitazioni militari per mostrare le proprie capacità di difesa.

Anche il Giappone è in allerta. I ministri della Difesa di Giappone e Stati Uniti si incontrano questa settimana e il primo ministro giapponese Kishida incontrerà il presidente Biden venerdì a Washington.

Sarà a Ottawa domani. Tokyo sta raddoppiando il suo budget militare e rinnovando le sue forze armate. Una nuova strategia di sicurezza parte dal pacifismo giapponese dopo la seconda guerra mondiale.

Le forze armate statunitensi e giapponesi stanno integrando la loro struttura di comando e impegnandosi in operazioni congiunte per contrastare la Cina in un potenziale conflitto, secondo il comandante del Corpo dei Marines in Giappone.

Tali aiuti a Taiwan in Ucraina

Il tenente generale James Berman ha detto in un’intervista Financial Times È chiaro da Londra che Washington si sta preparando per una guerra in Asia così come ha fatto, già nel 2014, per un conflitto in Ucraina.

Dopo che la Russia ha annesso la Crimea e la regione di lingua russa del Donbass nell’Ucraina orientale, il Pentagono ha iniziato i preparativi per affrontare la Russia: addestramento del personale militare ucraino, preparazione dell’equipaggiamento per supportare operazioni future, simulazione di un attacco russo e designazione dell’obiettivo.

READ  L'Iran condanna "fortemente" l'attacco dei talebani afghani al Panjshir

In Australia, anche gli Stati Uniti stanno aumentando le proprie forze terrestri, marittime e aeree, compresi i bombardieri strategici B-52.

Il segretario alla Difesa Lloyd Austin ha detto che Washington avrebbe schierato più marines lì.

Come per la Guerra del Pacifico contro il Giappone, i Marines saranno al centro delle operazioni militari contro la Cina.

Il Pentagono ha avviato un programma per rendere le sue unità anfibie in grado di muoversi rapidamente e in sicurezza intorno alle isole del Pacifico occidentale mentre si trovano nel raggio dei missili cinesi.

Gli Stati Uniti vogliono anche mettere armi e attrezzature nelle Filippine.

Partecipa anche il Canada

Le crescenti tensioni nel Pacifico occidentale e nel Mar Cinese Meridionale coinvolgono già il Canada.

Poco più di un mese fa, Ottawa ha accusato l’aeronautica militare cinese di aver effettuato diverse “intercettazioni serie” di un aereo da ricognizione delle forze armate canadesi.

Il CP-140 Aurora stava effettuando missioni di ricognizione dal Giappone per sostenere le sanzioni delle Nazioni Unite contro l’alleato della Cina, la Corea del Nord.

Le crescenti tensioni con Russia e Cina e il desiderio di rimanere nelle fortune di Washington in questi tempi incerti spiegano in parte la decisione del governo Trudeau di acquisire i jet multiruolo F-35.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.