Ambizioso, Biden rimane ostacolato da un Congresso diviso

(Washington) Joe Biden ha invitato a riflettere profondamente sul suo primo discorso ai parlamentari. Ma i suoi massicci piani di investimento devono ancora superare l’ostacolo di un Congresso profondamente diviso, mettendo a dura prova le sue capacità negoziali installate.


Elodie Cuisine
France Media

“L’America sta andando di nuovo avanti. Non possiamo fermarci qui!” Release 46e Mercoledì sera il presidente degli Stati Uniti si è incontrato davanti a funzionari eletti a Capitol Hill.

Ha detto: “Gli investimenti in posti di lavoro e infrastrutture come quelli che stiamo studiando hanno spesso ottenuto il” sostegno “da entrambi i partiti, il repubblicano e il democratico.

“Allora mettiamoci al lavoro.”

Mentre passa la fase simbolica dei 100 giorni al potere giovedì, la sua visione di una cooperazione tra i partiti sembra lontana dalla realtà.

Se riesce ad adottare rapidamente, a marzo, un ampio piano per sostenere l’economia statunitense, colpita dall’epidemia, allora i suoi altri due giganteschi progetti di investimento – “per i posti di lavoro” e “per le famiglie americane” – per un totale di diversi trilioni di dollari, sono neanche lontanamente adottato.

Joe Biden può certamente contare sulle maggioranze alla Camera e al Senato. Ma è così stretto, soprattutto nel loft, che non sopporta una spaccatura.

Per questi due piani, i democratici possono contare su una regola che consente loro, eccezionalmente, di aggirare un pesante ostacolo al Senato: l’obbligo di trovare 60 voti, su 100, per consentire il voto finale.

Con solo 50 membri al Senato, i Democratici avrebbero quindi bisogno solo di una maggioranza semplice. Tuttavia, il vicepresidente Kamala Harris ha un voto per votare (51-50).

READ  Corea del Nord: il leader Kim Jong-un è "magro", secondo la TV di stato

Anche in questo scenario, il presidente “semplicemente non ha margine di errore”, ha detto Kyle Condyck, esperto di scienze politiche presso l’Università della Virginia.

“A meno che Biden non riesca in qualche modo a radunare i sostenitori repubblicani”. Tuttavia, questo significa che accetta “misure molto meno ambiziose di quelle che ha presentato”.

Tuttavia, un tale emendamento rischierebbe, a sua volta, di perdere il voto democratico, dai progressisti come Bernie Sanders e Alexandria Ocasio-Cortez ai senatori centristi Joe Mansin e Kirsten Cinema.

“I partiti semplicemente non sono in una fase con queste proposte”, conclude Kyle Condyk.

Sandernistas

Tra i repubblicani cresce il malcontento di fronte a un presidente che, a loro avviso, ha dimenticato le sue origini moderate, schierandosi dietro i “radicali” di sinistra.

Il senatore repubblicano Chuck Grassley ha detto a France Presse: “Dovrebbe smettere di ascoltare” Sandernista “, mentre suona per Bernie Sanders.

E il governatore ha proseguito: “Biden deve diventare presidente, come il senatore Biden”, che è stato più di 35 anni fa, indicando che in quel momento poteva lavorare in coordinamento con lui.

“Gli americani hanno eletto il Senato del 50-50, una maggioranza sottile alla Camera dei rappresentanti e un presidente che chiede moderazione […] Ma i primi 100 giorni lasciano molto a desiderare “, ha denunciato mercoledì il leader del Senato repubblicano Mitch McConnell, prima del discorso di Joe Biden ha applaudito poco.

Il repubblicano ha aggiunto: “Non è ancora troppo tardi”. I democratici possono ancora impegnarsi a “rafforzare il consenso piuttosto che approfondire le nostre divisioni”.

Per Gina Bidnar, professore di scienze politiche all’Università del Michigan, Joe Biden deve soprattutto convincere i suoi oppositori e i democratici centristi, che potrebbero essere riluttanti ad abbracciare i suoi grandiosi piani, che i suoi “progetti sono molto apprezzati dai loro elettori”.

READ  L'Egitto chiude solo l'apertura della Striscia di Gaza

Eric Swallowell, il membro eletto democratico della Camera dei rappresentanti, era fiducioso mercoledì sera.

“È già riuscito” ad adottare il piano di ripresa, e i suoi due nuovi grandi progetti – aiuti per le famiglie, istruzione e piano infrastrutturale – “sono popolari tra gli americani”, ha detto all’Afp.

I repubblicani qui “al Congresso” staranno al fianco dei repubblicani in tutto il paese?

“Vogliono continuare a interromperli solo a causa di interruzioni o vogliono lavorare con noi su programmi popolari?”

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *