Alexei Navalny conclude il suo sciopero della fame

(Mosca) L’avversario russo Alexei Navalny ha annunciato venerdì che terminerà il suo sciopero della fame, che segue da tre settimane, per denunciare le sue condizioni di detenzione, che hanno sollevato preoccupazioni per la sua salute e le tensioni della Russia occidentale.


Roman Colas
France Media

Il giorno prima, i medici vicini al critico del Cremlino, compreso il suo medico personale, lo hanno esortato a porre fine “immediatamente” allo sciopero della fame, dicendo che temevano che sarebbe morto o che “avrebbe causato gravi danni” alla sua salute.

“Ho iniziato a porre fine al mio sciopero della fame”, ha scritto il 44enne dissidente in un post sul suo account Instagram.

Il signor Navalny ha smesso di mangiare 24 giorni fa, il 31 marzo, accusando l’amministrazione penitenziaria di avergli negato l’accesso a un medico mentre soffriva di una doppia ernia del disco, secondo il suo avvocato.

Prima del suo sciopero della fame, il più famoso attivista anti-corruzione e oppositore del Cremlino ha anche lamentato una perdita di sensibilità alle gambe e alle mani, che ha detto potrebbe essere il risultato dell’avvelenamento a cui è stato esposto. La scorsa estate, di cui il Cremlino ha accusato. .

Secondo lui, i suoi carcerieri lo hanno torturato con la privazione del sonno e lo hanno svegliato ogni ora durante la notte.

“Grande sostegno”

Uno dei suoi stretti collaboratori, Leonid Volkov, parlando sui social media giovedì sera, ha annunciato che il signor Navalny è stato finalmente esaminato questa settimana in un ospedale civile e che la sua cartella clinica era stata trasferita ai suoi medici.

READ  Madrid explosion: 3 dead and several wounded, as a result of an explosion that rocked the Spanish capital

“I medici in cui credo pienamente hanno annunciato ieri che abbiamo ottenuto abbastanza per porre fine al mio sciopero della fame”, ha scritto venerdì Navalny.

“Grazie all’enorme supporto di brave persone in tutto il paese e all’estero, abbiamo fatto passi da gigante. Due mesi fa abbiamo ridicolizzato le mie richieste di assistenza medica”.

Tuttavia, afferma ancora che il medico identifica le cause della sua perdita di sensibilità alle estremità: “Voglio capire cos’è e come viene trattata”.

Giovedì, cinque medici, tra cui il suo medico personale Anastasia Vasilieva, dopo aver esaminato la sua cartella clinica, hanno chiesto che si nutrisse a causa di “sintomi di insufficienza renale, sintomi neurologici acuti e grave iponatriemia”. Il che, a loro avviso, potrebbe portare a gravi lesioni. conseguenze.

Alla fine della scorsa settimana, avevano già stimato che la sua morte sarebbe potuta intervenire in qualsiasi momento.

Pressioni interne ed esterne

E secondo il campo del signor Navalny, è stato finalmente in grado di incontrare medici fuori dal sistema carcerario grazie alla pressione esercitata sul potere dalle manifestazioni dei suoi sostenitori che hanno riunito migliaia di persone mercoledì sera. Lo stesso giorno Vladimir Putin ha tenuto il suo discorso annuale alla nazione.

Anche questi raduni, più piccoli di quanto non fossero a gennaio al momento del suo arresto, sono stati oggetto di una repressione meno brutale, sebbene abbiano provocato più di 1.900 arresti.

Il caso Navalny negli ultimi mesi ha alimentato le tensioni russo-occidentali, con Washington e l’Unione Europea che hanno denunciato il suo avvelenamento e il rifiuto di Mosca di indagare, imprigionarlo e poi curarlo in prigione.

READ  Minnesota | Il tiratore apre il fuoco nella clinica e cinque sono feriti

L’Occidente ha anche minacciato la Russia di conseguenze se l’avversario fosse morto in prigione.

Mosca ha respinto tutte queste critiche.

Il signor Volkov ha accolto con favore l’autorità di Vladimir Putin “che continua a interagire con le pressioni interne ed esterne”.

Alexei Navalny è stato arrestato al suo ritorno dalla Germania a gennaio, dopo cinque mesi di convalescenza per riprendersi da un avvelenamento con il gas nervino Novichok.

A fine febbraio è stato condannato a due anni e mezzo di carcere per truffa risalente al 2014, denunciata come politico.

Quindi l’avversario è stato trasferito in un campo di concentramento nella regione di Vladimir, a circa 100 chilometri da Mosca.

È stato trasferito in un ospedale per malati di tubercolosi nella stessa zona alla fine della scorsa settimana, e poi trasferito in un ospedale civile a Vladimir, secondo il suo avvocato.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *