Afroamericano ucciso dalla polizia negli USA

Washington | Un cittadino afroamericano è stato ucciso dalla polizia mercoledì nella Carolina del Nord, diventando l’ultima persona di colore ad essere uccisa dalle forze dell’ordine da quando è stato annunciato un incidente martedì. L’agente di polizia Derek Chauvin è stato condannato per l’omicidio di George Floyd.

Tommy Wooten, sceriffo della contea di Pascotank, ha detto durante una conferenza stampa che Andrew Brown Jr. è stato “ferito a morte” da un agente di polizia che è venuto a presentargli un mandato di perquisizione a Elizabeth City, una piccola città nello stato sud-orientale degli Stati Uniti.

Secondo i media locali, citando testimoni oculari, Andrew Brown è stato colpito mentre si allontanava dagli agenti con la sua auto.

Aveva 40 anni e padre di 10, e non era armato, ha detto il canale televisivo locale WAVY citando la sua famiglia.

La sua morte arriva il giorno dopo la sentenza storica nel processo contro l’agente di polizia Derek Chauvin, condannato per tre capi di imputazione, inclusa l’uccisione di George Floyd a Minneapolis, nel Minnesota.

Il giubilo per l’annuncio della sua condanna martedì pomeriggio era prima tinto di amarezza La morte di una ragazza nera a Columbus, OhioMeno di un’ora prima che venisse annunciato il verdetto.

Machia Bryant, 16 anni, è stata uccisa da un agente di polizia quando sembrava stesse attaccando un’altra persona con un coltello.

Lo sceriffo Tommy Wuten mercoledì ha promesso “trasparenza” sugli eventi che hanno portato alla morte di Andrew Brown Jr. in North Carolina.

Al-Sharif ha aggiunto che la telecamera pedonale del poliziotto che ha sparato funzionava e ha detto di non aver ancora visto il filmato.

READ  Sette bambini sono stati rapiti da un orfanotrofio per un riscatto

L’indagine è stata assegnata al North Carolina Bureau of Investigation.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *