Afghanistan | Un grido per denunciare le restrizioni alla libertà delle donne

I ministri degli Esteri del Gruppo dei Sette nazioni, giovedì, hanno denunciato le restrizioni sempre più severe imposte dai talebani alla libertà delle donne afghane, oggetto di una riunione a porte chiuse lo stesso giorno a New York del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

Inserito ieri alle 16:52.

“Condanniamo l’applicazione di misure sempre più restrittive, che riducono notevolmente la capacità di metà della popolazione di partecipare alla società” in modo libero e paritario, afferma una dichiarazione dei ministri che si sono incontrati questa settimana in Germania.

I talebani si stanno isolando “quindi un po’ più della comunità internazionale”, hanno pronunciato i ministri del G7 – Germania, Francia, Italia, Canada, Stati Uniti, Giappone e Regno Unito, invitando i fondamentalisti ad alzare “urgentemente” le restrizioni ragazze e donne.

Questi paesi fanno riferimento, tra l’altro, a un decreto emesso la scorsa settimana che impone alle donne di indossare il velo integrale in pubblico. A fine marzo, gli studenti hanno anche chiuso l’accesso alle scuole superiori e ai college femminili, a poche ore dalla riapertura da tempo annunciata.

Fonti ufficiali hanno affermato, giovedì, che le autorità talebane nella città afgana occidentale di Herat hanno anche impedito a uomini e donne di mangiare insieme nei ristoranti, anche se erano sposati.

Per l’inviato speciale dell’Unione europea in Afghanistan, Thomas Nicholson, la decisione dei talebani di escludere le ragazze dalle scuole secondarie in Afghanistan “ha sollevato dubbi sulla loro determinazione a mantenere le promesse e rimane un grosso ostacolo al riconoscimento internazionale. Questo cambiamento di volto” ha sollevato dubbi. […] Sulla credibilità delle loro promesse e sulla loro affidabilità come partner.

READ  Guerra in Ucraina: Israele nega la richiesta di resa di Kiev

A New York, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha tenuto una riunione a porte chiuse su iniziativa della Norvegia a cui potrebbe seguire nei prossimi giorni una dichiarazione unanime di condanna delle restrizioni alle donne.

A fine marzo, il Consiglio ha adottato all’unanimità una prima dichiarazione in cui esprimeva la sua “profonda preoccupazione” per l’esclusione delle ragazze adolescenti dalla scuola e riaffermando “il diritto all’istruzione per tutti gli afgani, comprese le ragazze”.

L’approccio “ingenuo” delle Nazioni Unite

Dopo l’incontro, l’ambasciatrice del Regno Unito Barbara Woodward ha criticato il desiderio dei talebani di rimuovere le donne dalla “vita pubblica”.

“È repressivo, è sbagliato” e “evidenzia l’incapacità dei talebani di tirare fuori l’Afghanistan dalla sua attuale crisi economica, sociale e umanitaria”, ha detto ai media.

E prima della sessione, tre membri non permanenti del Consiglio di sicurezza hanno fortemente criticato le restrizioni imposte dai talebani.

Il vice ambasciatore norvegese, Trine Himerbak, ha denunciato che “le politiche talebane continuano a concentrarsi sull’oppressione delle donne e delle ragazze piuttosto che sulla crisi economica”.

L’ambasciatrice irlandese alle Nazioni Unite, Geraldine Byrne Nason, ha aggiunto che le recenti restrizioni alle donne sono state “assolutamente sfortunate”. Ha aggiunto: “Ora è abbastanza chiaro che i talebani non hanno intenzione di adempiere ai propri obblighi nei confronti della comunità internazionale”.

“I diritti delle donne e delle ragazze devono essere al centro del nostro impegno collettivo”, ha affermato la vice ambasciatrice del Messico, Alicia Guadalupe Buenrostro Maceo.

A metà marzo, il Consiglio di sicurezza dell’ONU ha approvato una risoluzione che rinnova per un anno la missione dell’organizzazione politica in Afghanistan, basandosi su un approccio più moderato dei talebani, saliti al potere a metà agosto, rispetto al suo precedente esercizio di potere, tra il 1996 e il 2001.

READ  Birmania | Il consiglio militare rilascia più di 23.000 prigionieri

Secondo un ambasciatore che ha parlato in condizione di anonimato, l’approccio del Segretariato Onu nei confronti dei talebani è stato “un po’ ingenuo”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.