Afghanistan: raid Usa contro un obiettivo ISIS, evacuazioni in via di completamento

Sabato gli Stati Uniti hanno effettuato un attacco con droni su un obiettivo dello Stato Islamico in Afghanistan, mentre il ponte aereo all’aeroporto di Kabul entra nella sua fase finale sotto alta tensione, con il rischio di ulteriori attacchi ancora in corso.

L’attacco dei droni è avvenuto nella provincia di Nangarhar, in Afghanistan. Secondo le prime indicazioni, abbiamo ucciso l’obiettivo”, ha specificato nella dichiarazione di Bill Urban al Comando Centrale, dicendo che non eravamo a conoscenza di “nessuna vittima civile”.

L’attacco, lanciato dall’esterno dell’Afghanistan, è il primo dell’esercito americano dall’attacco di giovedì all’aeroporto di Kabul. Questo attacco ha lasciato più di cento morti, tra cui 13 soldati americani, secondo un nuovo rapporto preparato da fonti sanitarie.

Due funzionari sanitari dell’ex amministrazione afghana hanno riferito all’AFP che circa 90 persone trasportate negli ospedali di Kabul sono morte e 150 sono rimaste ferite. Alcuni media locali hanno riferito che il bilancio delle vittime ha raggiunto 170.

Dopo l’attentato rivendicato dallo Stato Islamico nel Khorasan (IS-K), il presidente Joe Biden ha promesso vendetta. “Vi daremo la caccia e ve lo faremo pagare”, ha detto agli autori del più mortale attacco alle forze armate statunitensi in Afghanistan dal 2011. “Risponderemo con forza e precisione quando decideremo, dove e quando lo sceglieremo”, ha aggiunto dalla Casa Bianca.

Per Washington resta il rischio di ulteriori attentati. “Crediamo che ci siano sempre (…) minacce specifiche e credibili”, ha avvertito venerdì il portavoce del Pentagono John Kirby. Il segretario stampa del presidente Biden, Jen Psaki, citando esperti di sicurezza, ha affermato che un altro attacco è “probabile”. Ha aggiunto che i prossimi giorni sarebbero stati “il momento più pericoloso finora”.

READ  In guerra come in guerra

controllo dell’aeroporto

Venerdì sera, come il giorno prima dell’attentato, l’ambasciata Usa a Kabul ha chiesto ai cittadini americani di lasciare “immediatamente” il perimetro dell’aeroporto per “minacce alla sicurezza”.

Il passaggio di armi di contatto tra i talebani e gli americani venerdì sera ha aumentato la già alta tensione, a pochi giorni dalla scadenza del 31 agosto per il ritiro dei soldati statunitensi dall’Afghanistan dopo 20 anni di guerra, e un’analoga fine dell’evacuazione.

I talebani hanno annunciato di aver preso il controllo di diverse parti dell’aeroporto: “Oggi tre importanti luoghi della parte militare dell’aeroporto di Kabul sono stati evacuati dagli americani e sono sotto il controllo dell’Emirato islamico”, ha twittato uno di loro. Portavoce ufficiale Bilal Karimi.

I nuovi governanti del Paese “non si preoccupano di nessuna delle porte d’imbarco o delle operazioni all’aeroporto. John Kirby ha prontamente negato”.

À l’approche de la date limite pour la fin des evacuations, ils ne sont plus samedi que quelques centaines de personnes, contre plusieurs milliers les jours précédents, à réclamer d’accéder à l’aéroport, selon deux puxétrnes Al mattino.

Continuano i voli charter occidentali sulla pista, l’ultima sacca di truppe occidentali occupata in Afghanistan.

109.000 persone sono state evacuate

Il generale americano Hank Taylor ha detto che circa 5.400 persone sono attualmente rifugiate all’aeroporto, in attesa di salire a bordo di un aereo, aggiungendo che le operazioni di contrabbando si svolgeranno “fino all’ultimo minuto”.

In totale, circa 109.000 persone sono state evacuate dal 14 agosto, il giorno prima che i talebani prendessero il potere a Kabul, secondo gli ultimi dati del governo degli Stati Uniti.

La NATO e l’Unione Europea hanno chiesto che le evacuazioni continuino nonostante l’attacco.

READ  Un corteo simbolico a un anno dall'esplosione nel porto di Beirut

La Francia ha sospeso, venerdì sera, il suo ponte aereo, che ha evacuato “circa 3.000 persone, tra cui più di 2.600 afgani”, secondo il ministro delle Forze armate, Florence Parly.

Una delegazione francese ha incontrato i rappresentanti del movimento talebano giovedì a Doha per la prima volta da quando hanno preso il potere il 15 agosto. Queste discussioni si sono concentrate sulla situazione all’aeroporto di Kabul e sulle evacuazioni, secondo entrambe le parti.

Anche Svizzera, Italia, Spagna e Svezia hanno annunciato venerdì di aver completato i voli di evacuazione, così come la Germania, i Paesi Bassi, il Canada e l’Australia prima di loro.

Il “diritto innato” al lavoro

La parte britannica, le operazioni di contrabbando conoscono le loro “ultime ore”, ha stimato il primo ministro Boris Johnson. Ma ha detto che Londra sposterà “il cielo e la terra” per “aiutare a far fuori” gli afghani ammissibili all’asilo.

Lo Stato Islamico, in quanto rivale dei talebani, è responsabile di alcuni degli attacchi più mortali in Afghanistan negli ultimi anni e potrebbe sfruttare l’attuale ambiguità per prosperare.

Il presidente francese Emmanuel Macron ha invitato, sabato, “a non deluderci davanti allo Stato Islamico prima che si tenga a Baghdad una conferenza regionale, concentrandosi in particolare sull’Afghanistan, dove si aspettano i ministri degli esteri iraniano e saudita, e il re Abdullah II. della Giordania”.

Dal suo ritorno, il movimento talebano ha cercato di mostrare un’immagine di apertura e moderazione. Ma molti afgani, spesso urbani e istruiti, temono che stabiliranno lo stesso tipo di regime fondamentalista e brutale solo quando erano al potere tra il 1996 e il 2001.

Chi ha lavorato negli ultimi anni con gli stranieri o con il deposto governo filo-occidentale, in particolare, teme di essere messo a tacere o addirittura perseguitato, e ha alimentato l’afflusso di molti candidati ad andarsene.

READ  75 serpenti velenosi sequestrati dalla residenza della Carolina del Nord

Il “diritto innato” delle donne al lavoro ha cercato rassicurazione, Sher Mohammad Abbas Stanikzai, un ex negoziatore talebano ai colloqui di pace di Doha. “Possono lavorare, studiare, partecipare alla politica, possono fare affari”, ha detto venerdì durante una conferenza stampa.

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha convocato lunedì i membri permanenti del Consiglio di sicurezza sulla situazione in Afghanistan.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *