Afghanistan | Il Leader Supremo esorta il mondo a riconoscere il governo talebano

(Kabul) Venerdì il leader supremo dell’Afghanistan ha invitato la comunità internazionale a riconoscere il governo talebano, dicendo che il mondo è diventato un “piccolo villaggio” e che il ripristino dei rapporti diplomatici aiuterebbe a risolvere i problemi del Paese.

Inserito ieri alle 6:40

Jay Deshmuk
Agenzia media francese

Nessun Paese ha riconosciuto ufficialmente il nuovo regime afghano, instaurato dopo il ritorno al potere dei talebani ad agosto.

In un messaggio trasmesso venerdì, pochi giorni prima dell’Eid al-Fitr, l'”Eid al-Fitr” che segna la fine del Ramadan, il leader supremo, Hebatullah Akhundzada, non ha approfondito l’attrito dei punti. Con la comunità internazionale, in particolare la riapertura delle scuole secondarie femminili.

Al contrario, riteneva che il riconoscimento fosse la priorità “per poter risolvere i nostri problemi formalmente e secondo norme e principi diplomatici”.

“Senza dubbio, il mondo si è trasformato in un piccolo villaggio”, ha aggiunto il signor Akhundzada, che vive in isolamento a Kandahar, il centro spirituale dei talebani, e non è stato visto in pubblico tra la sua nomina nel 2016 e. Il ritorno al potere dei talebani.

A ottobre, gli islamisti hanno rilasciato una registrazione audio del leader supremo durante un evento descritto come un’uscita pubblica, ma la sua presenza non è stata confermata in modo indipendente. Anche alcuni analisti continuano a dubitare che sia ancora vivo.

“L’Afghanistan ha un ruolo da svolgere nella pace e nella stabilità globale. In quanto tale, il mondo dovrebbe riconoscere l’Emirato islamico.

Questo messaggio è stato pubblicato poiché la situazione della sicurezza sembra peggiorare di nuovo in Afghanistan, essendo migliorata molto da quando i talebani sono saliti al potere.

READ  Risparmiare più di 35 ore in Domtar: 'lavoro duro'

Nelle ultime settimane in tutto il Paese sono stati effettuati diversi attentati dinamitardi, spesso rivendicati dal gruppo dello Stato Islamico e presi di mira dalla minoranza sciita Hazara.

Il signor Akhundzada non ha accennato direttamente a questo, ma è stato contento che l’Afghanistan sia riuscito a creare un “forte esercito islamico e nazionale”, nonché un “forte servizio di intelligence”.

Gran parte della comunità internazionale desidera il riconoscimento e l’assistenza umanitaria di cui l’Afghanistan ha urgente bisogno per essere direttamente collegato al rispetto dei diritti delle donne.

Rispetto per la Sharia

Quando sono tornati al potere, i talebani hanno promesso di essere più flessibili rispetto al loro primo regime (1996-2001), quando alle donne sono stati negati quasi tutti i loro diritti.

Ma ancora una volta, hanno gradualmente minato questi diritti, rimuovendo i 20 anni di libertà che le donne avevano guadagnato.

Ora sono esclusi dal pubblico impiego, vietato viaggiare da soli o costretti a vestirsi secondo una rigorosa interpretazione della legge islamica.

A marzo, gli studenti hanno avvicinato le scuole superiori e i college alle ragazze, poche ore dopo la loro riapertura da tempo annunciata. Questa posizione inaspettata, che non aveva altra giustificazione se non l’affermazione che l’educazione delle ragazze dovrebbe essere svolta secondo le disposizioni della legge islamica, ha causato uno scandalo nella comunità internazionale.

Diversi funzionari talebani hanno detto all’AFP che questa decisione è stata presa personalmente dal signor Akhundzadeh.

Non ha affrontato la questione nella sua lettera, ma ha affermato che le autorità stanno aprendo nuove scuole e scuole per promuovere “l’istruzione religiosa e moderna”.

Rispettiamo e sosteniamo tutti i diritti della Shariah di uomini e donne in Afghanistan […] Non utilizzare questa questione umanitaria ed emotiva come strumento per scopi politici”.

READ  "Niente" indica il crollo dell'esercito e del governo afghani "in 11 giorni".

Credeva anche che gli afgani dovessero abbracciare gli ideali dei talebani stessi, senza essere costretti a farlo. “Le autorità interessate dovrebbero esortare le persone a osservare saggiamente la Sharia ed evitare l’estremismo”, ha affermato.

Il signor Akhundzadeh ha anche affermato che il governo è determinato a rispettare la libertà di espressione nel quadro dei “valori islamici”.

Ma i talebani, da agosto, hanno chiuso centinaia di organi di informazione, vietato la musica nei luoghi pubblici e vietato la trasmissione di film o serie che includono donne.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.