Afghanistan | I talebani si stanno rivolgendo al resto del mondo

(Kabul) Sabato, nel suo primo discorso alla nazione, il suo primo ministro ha affermato che il regime talebano vuole relazioni pacifiche con il resto del mondo, chiedendo alle ONG internazionali di aiutare l’Afghanistan a sfuggire alla catastrofe umanitaria di questo inverno.




Muhammad Hassan Akhund è intervenuto in un messaggio audio durato circa mezz’ora, andato in onda in serata sulla televisione pubblica della Roads and Transport Authority, pochi giorni prima della ripresa dei negoziati tra il suo governo islamico e i rappresentanti americani a Doha ( Qatar).

Non è ancora apparso in pubblico dalla sua nomina a primo ministro il 7 settembre, poiché il leader supremo del movimento, il Mullah Hebatullah Akhundzadeh, è ​​rimasto invisibile da quando gli islamisti hanno preso il potere a metà agosto.

“Non vogliamo interferire negli affari interni dei paesi stranieri e creare loro problemi e insicurezza interna”, ha detto il Mullah Akhund nel suo messaggio, “e nessuno può dimostrare che lo abbiamo fatto negli ultimi vent’anni. ” il cui movimento “jihad” si è sempre concentrato sull’Afghanistan.

“Vogliamo anche buone relazioni economiche con loro”, ha aggiunto il capo talebano, recentemente criticato sui social locali per il suo prolungato silenzio mentre il Paese è alle prese con una grave crisi economica e le Nazioni Unite temono una “grave crisi umanitaria” al inizio della guerra. rigido inverno.

L’impegno dei talebani a non attaccare nessun paese straniero risponde in modo specifico a una delle principali richieste degli americani: che combattano risolutamente contro il terrorismo, non dando più rifugio a gruppi che potrebbero attaccare l’America come una volta. È stato il caso di Al-Qaeda nel 2001.

READ  Studente transgender vince l'ultimo round della lotta per il bagno

Il movimento talebano è tornato al potere a metà agosto dopo il ritiro militare in Occidente, e il crollo del governo afghano con l’appoggio di quest’ultimo, dopo vent’anni di sanguinosa guerra.

Sono stati estromessi dal potere alla fine del 2001 da una coalizione militare internazionale guidata dagli Stati Uniti che li ha puniti per aver ospitato i leader di al-Qaeda, che pochi mesi prima avevano compiuto gli attentati dell’11 settembre.

Dopo il cambio di regime, Washington ha congelato i beni della Banca centrale dell’Afghanistan e la Banca mondiale e il Fondo monetario internazionale hanno sospeso la loro assistenza a Kabul.

“Aiuta la nostra nazione esausta”

L’economia afghana, già una delle più disagiate al mondo, minata da 40 anni di guerra, nonché dalle recenti siccità, fino ad allora trascinate dagli aiuti internazionali, è in caduta libera.

A Doha, i talebani chiederanno ancora una volta la revoca di queste sanzioni e la ripresa degli aiuti internazionali per evitare che la maggior parte dei circa 40 milioni di afghani cada nella povertà e nella fame.

“Stiamo affogando nei problemi che stiamo cercando di ottenere abbastanza potere per sradicare la nostra gente” e “chiediamo alle ONG internazionali di non negare il loro aiuto” per “aiutare la nostra nazione esausta”, ha detto il Mullah Akhund.

In assenza di massicci aiuti bilaterali, nessun Paese straniero ha ancora riconosciuto il regime talebano, perché finora è stato legato all’Occidente con il terrorismo, il circolo delle ONG è attualmente uno dei più pratici per convogliare gli aiuti in Afghanistan.

Gli americani vogliono anche che i talebani diversifichino il loro governo e rispettino i diritti delle minoranze e delle donne e delle ragazze, che sono state parzialmente private dell’istruzione e del lavoro dal loro ritorno al potere.

READ  La pioggia senza precedenti ha causato 4 morti e 500 punture di scorpione

Il mullah Akhund ha detto che spera che più ragazze possano tornare a scuola, mentre mostra chiaramente la sua preferenza per “l’istruzione islamica” rispetto a “l’istruzione moderna”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *