Afghanistan | Giornalista afghano ucciso nell’esplosione di un minibus a Kabul

(Kabul) Sabato un giornalista afgano è stato ucciso e altri quattro feriti nell’esplosione di un minibus vicino a un checkpoint talebano a Kabul, secondo quanto riferito da fonti vicine alla vittima e da un ospedale locale.




L’esplosione è avvenuta nella parte occidentale di Kabul, nel distretto della minoranza sciita Hazara di Dasht-e-Parshi, intorno alle 13:00 GMT (8:00 ET). Presto, le immagini di una grande fiamma proveniente da un’auto carbonizzata e del fumo nero si sono diffuse sui social media.

“Purtroppo abbiamo perso un altro giornalista”, ha twittato l’Afghan Journalists Center, spiegando che Hamid Seghani, inviato speciale di Ariana TV, era morto nell’esplosione.

“Ho perso Hamid”, ha scritto su Facebook sua moglie, anche lei giornalista.

Un testimone oculare ha detto che l’esplosione è avvenuta vicino a un checkpoint talebano. “Ero nella mia macchina e c’è stata un’esplosione nell’auto davanti a noi”, ha detto. Poi ha sentito degli spari.

L’ospedale locale ha detto di aver curato un morto e quattro feriti.

Il portavoce del governo talebano Zabihullah Mujahid ha dichiarato su Twitter che una persona è stata uccisa e due ferite.

L’attacco a questo punto non è stato ancora annunciato.

All’inizio di maggio, il distretto Dasht Barchi di Kabul è stato oggetto di un sanguinoso attacco. E una serie di esplosioni è avvenuta davanti a una scuola femminile.

Più di 85 persone, per lo più studenti delle scuole superiori, sono state uccise e più di 300 altre sono rimaste ferite. Un’autobomba inizialmente è esplosa davanti alla scuola, seguita da altre due bombe, mentre gli studenti si precipitavano fuori. Si sospetta fortemente che l’ISIS abbia compiuto questo attacco.

READ  Tra siccità e piogge intense, la California è in prima linea nel riscaldamento globale

Da quando sono saliti al potere il 15 agosto, i talebani, che dopo decenni di guerra hanno fatto del ripristino della sicurezza nel Paese, hanno dovuto affrontare un’ondata di attacchi da parte dello Stato islamico.

Il suo ramo locale, lo Stato islamico del Khorasan (EI-K), principale rivale e oppositore del movimento islamista al potere, nelle ultime settimane ha preso di mira i talebani e la minoranza sciita afghana.

L’ospedale militare nazionale della capitale afghana è stato attaccato dallo Stato Islamico nel Khorasan in cui almeno 19 persone sono state uccise e più di 50 sono rimaste ferite.

Una moschea nel distretto orientale di Jalalabad è stata colpita, venerdì, da un’esplosione sconosciuta che ha provocato tre morti e 15 feriti, secondo un medico dell’ospedale locale.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *