Afghanistan | Albania e Kosovo si accordano per accogliere i rifugiati

(Tirana) L’Albania e il Kosovo si sono detti pronti domenica ad accogliere centinaia di rifugiati afgani, tra cui leader donne, dipendenti pubblici e altri potenzialmente minacciati dai talebani, che si trovano alle porte di Kabul.


“L’Albania, un membro della NATO, è pronta ad assumersi la sua parte di onere”, ha detto il primo ministro albanese Edi Rama in una reazione pubblicata domenica sulla sua pagina Facebook.

Il Kosovo, il vicino settentrionale dell’Albania, un’ex provincia albanese a maggioranza serba che ha dichiarato l’indipendenza nel 2008, ha accettato “senza esitazione” la richiesta degli Stati Uniti di ospitare “temporaneamente” i rifugiati afgani, ha dichiarato il presidente. Dal Kosovo Fyoza Osmani sul suo account Facebook.

“Dobbiamo stare dalla parte dei nostri amici, in particolare degli Stati Uniti perché ci sono stati al fianco”, ha detto.

A differenza degli Stati Uniti e della maggior parte degli Stati membri dell’UE, la Serbia, come il suo alleato Russia, non riconosce l’indipendenza del Kosovo.

Edi Rama ha confermato che “Washington ha già chiesto all’Albania di studiare la possibilità di fungere da paese di transito per alcuni immigrati politici afgani la cui destinazione finale saranno gli Stati Uniti”.

Domenica, anche il leader dell’opposizione di destra Lulzim Pasha ha parlato di una risposta “positiva” alla richiesta degli Stati Uniti di accogliere i rifugiati afgani.

Gli Stati Uniti sono già in una corsa contro il tempo prima di ritirarsi dall’Afghanistan per evacuare gli afgani che lavoravano per le forze armate statunitensi.

Il Canada ha anche espresso la sua disponibilità ad accogliere più di 20.000 rifugiati, molti dei quali sono a rischio a causa dell’avanzata dei talebani nelle principali città dell’Afghanistan.

READ  Huawei Canada difende Meng Wanzhou, ma rifiuta la condanna per l'arresto di due canadesi

Su richiesta degli Stati Uniti, l’Albania ha accettato nel 2006 di ospitare cinque cinesi uiguri detenuti a Guantanamo, che Pechino considera terroristi.

Nel 2013, su richiesta di Washington e delle Nazioni Unite, l’Albania ha ospitato 200 membri dell’Organizzazione dei Mojahedin del popolo iraniano (OMPI), dopo che i loro campi in Iran sono stati bombardati.

Da allora il loro numero è aumentato e ora ce ne sono circa 3.000 a Camp Ashraf 3 a Manzi, il più grande gruppo di esuli MEK al mondo.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *