Aerei militari cinesi al largo della Malesia: addestramento di routine, secondo Pechino

Kuala Lumpur | La Cina ha risposto alle proteste della Malaysia per l’incursione di 16 aerei militari cinesi al largo del paese del sud-est asiatico mercoledì, dicendo che si trattava di un “esercizio di routine”.

Lunedì la Malesia ha inviato combattenti per intercettare gli aerei da trasporto militari cinesi apparsi al largo dell’isola del Borneo, sulla parte del Mar Cinese Meridionale che i due paesi rivendicano.

Il ministro degli Esteri malaysiano Hishammuddin Hussein ha descritto il furto come “interferenza” e ha affermato che il suo Paese protesterà formalmente e convocherà l’ambasciatore cinese in Malesia.

Ma un portavoce dell’ambasciata cinese a Kuala Lumpur ha affermato che “le attività erano esercitazioni di routine per l’aeronautica cinese e non hanno come obiettivo nessun Paese”.

“Secondo il diritto internazionale, gli aerei militari cinesi possono godere della libertà di volo” in questa regione, ha affermato.

Gli aerei cinesi non sono entrati nello spazio aereo di un Paese terzo, ha detto il portavoce.

L’aeronautica malese ha affermato che gli aerei cinesi hanno volato a 110 chilometri al largo della costa del Borneo indonesiano e non hanno risposto ai tentativi di contatto, spingendo la Malesia a inviare i suoi caccia.

Gli aerei cinesi si sono voltati prima di entrare nello spazio aereo malese.

Ma il ministro degli Esteri della Malaysia ha affermato che l’aereo ha sorvolato la zona economica esclusiva del Paese e ha descritto l’incidente come un “attacco allo spazio aereo e alla sovranità della Malaysia”.

La Cina rivendica quasi tutto il Mar Cinese Meridionale e ha istituito avamposti militari su piccole isole e atolli nell’area, facendo arrabbiare molti paesi con le sue rivendicazioni sulle acque adiacenti al suo territorio.

READ  Lo scioglimento delle calotte polari in passato è stato collegato a un innalzamento del mare 10 volte più veloce di quanto non lo sia oggi

Mentre le relazioni tra Cina e Malesia sono generalmente cordiali, l’incidente di lunedì arriva dopo l’escalation delle tensioni per questioni marittime.

L’anno scorso una nave cartografica cinese si è scontrata con una nave malese in cerca di petrolio al largo dell’isola del Borneo.

Anche Vietnam, Filippine, Brunei e Taiwan rivendicano il Mar Cinese Meridionale.

Gli Stati Uniti hanno inviato navi militari nella regione per far valere i propri diritti alla libertà di navigazione, cosa che ha allarmato la Cina.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *