A Tokyo, i disertori nordcoreani chiedono responsabilità a Kim Jong Un

(Tokyo) Giovedì a Tokyo i disertori nordcoreani hanno simbolicamente collocato il leader Kim Jong Un sul banco degli imputati per ritenerlo responsabile dell’ex programma di rimpatrio dal Giappone, che è stato descritto come “rapimento di stato”.


Harumi Ozawa con Katie Forrester
Agenzia di media Francia

Questo insolito caso giudiziario cerca di ritenere il governo di Pyongyang responsabile di un controverso programma che ha visto più di 90.000 persone lasciare il Giappone per la Corea del Nord tra il 1959 e il 1984.

Questo programma si rivolge principalmente ai coreani che vivono nell’arcipelago giapponese, così come ai loro coniugi giapponesi, attratti dalla propaganda che promette “il paradiso in terra” nella Corea del Nord comunista.

Cinque partecipanti al programma di rimpatrio che in seguito sono fuggiti dal nord chiedono un risarcimento di 100 milioni di yen (1,1 milioni di dollari canadesi) e hanno presentato il loro caso giovedì in un tribunale di Tokyo.

Accusano Pyongyang di aver “ingannato i querelanti dichiarando falsamente che sarebbero stati trasportati in Corea del Nord” e “costretti a vivere in condizioni in cui il godimento dei diritti umani era generalmente impossibile”.

Dal momento che il Giappone e la Corea del Nord non hanno relazioni diplomatiche, Kim Jong Un è nominalmente visto come il capo del governo a Pyongyang.

“Non ci aspettiamo che la Corea del Nord accetti una sentenza o paghi un risarcimento”, ha detto il mese scorso Kenji Fukuda, un avvocato dei querelanti, in una conferenza stampa. “Ma speriamo che il governo giapponese possa negoziare con la Corea del Nord” se il tribunale si pronuncia a favore dei querelanti.

READ  Makura, the only white kiwi bird born in captivity, is dying in New Zealand

“Forse fame”

Un totale di 93.340 persone hanno partecipato al programma di rimpatrio finanziato da Pyongyang e attuato dalle società della Croce Rossa del Giappone e della Corea del Nord. Anche il governo giapponese ha sostenuto questo piano, che i suoi critici hanno denunciato come un modo per Tokyo di ridurre il numero di coreani che vivono in Giappone.

Fukuda ha affermato che i pubblici ministeri considerano il governo nordcoreano “l’entità più responsabile dell’organizzazione”.

Parte della denuncia dei disertori riguarda la separazione dalle loro famiglie, bloccate in Corea del Nord. Non so cosa sia successo alla mia famiglia. Eiko Kawasaki, uno dei denuncianti, ha dichiarato a settembre: Potrebbero aver avuto il coronavirus e alcuni di loro potrebbero essere morti di fame.

“I pubblici ministeri hanno il desiderio di salvare coloro che vivono e stanno ancora soffrendo in Corea del Nord”, ha detto giovedì all’AFP Hiroaki Saeki, capo di un gruppo di sostegno ai disertori che hanno preso parte al programma.

Durante la colonizzazione della penisola coreana da parte di Tokyo tra il 1910 e il 1945, milioni di coreani partirono per il Giappone, volontariamente o contro la loro volontà. Quando il Giappone si arrese alla fine della seconda guerra mondiale, centinaia di migliaia di coreani indigeni rimasero riluttanti a tornare nel loro paese devastato.

Sono stati privati ​​della cittadinanza giapponese e resi apolidi. Molti credevano nei film di propaganda che descrivevano una vita idilliaca in Corea del Nord, con sistemi sanitari e educativi gratuiti e posti di lavoro e alloggi garantiti. Ma la situazione reale era completamente diversa, dominata dalla povertà e dalla carestia.

I querelanti hanno iniziato il loro procedimento nel 2018. Una data deve essere fissata giovedì per la sentenza.

READ  Texas | Una poliziotta è stata condannata per aver fatto appello per omicidio premeditato

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *