836 pappagalli sono stati depositati nel rifugio

Un regalo di Natale “inaspettato”: più di 800 pappagalli sono stati commissionati in Michigan dal figlio di un uomo che li ha confinati in una stanza della sua casa, la fondazione e la stampa.

“Tre gruppi per la conservazione degli uccelli stanno lavorando insieme oggi per salvare gli oltre 800 pappagalli che sono stati depositati presso di noi”, ha dichiarato domenica su Facebook il Detroit Animal Welfare Group.

Il figlio di un collezionista il cui progetto di allevamento di uccelli è fallito ha dato 497 pappagalli a questo rifugio la vigilia di Natale, prima di tornare domenica con altri 339 uccelli.

“Il regalo di Natale che non ci aspettavamo…” ha commentato il gruppo animalista di Detroit.

“Questi uccelli provengono da un ambiente molto malsano e l’irresponsabilità del proprietario è oltraggiosa”, ha continuato il rifugio.


Secondo suo figlio, il proprietario dei pappagalli li teneva in gabbia in una stanza della sua casa e spendeva 1.200 dollari al mese per dar loro da mangiare, secondo i media locali del Detroit Free Press.

Erano uno sopra l’altro e si stavano soffocando. Erano molto tesi, si muovevano appena. “Abbiamo dovuto tirarli fuori e metterli in gabbie diverse”, ha detto al giornale Kelly Leponte, presidente del Detroit Animal Care Group.

L’associazione ha affermato che i pappagalli saranno disponibili per l’adozione dopo essere stati esaminati da un veterinario e che alcuni necessitano di cure urgenti.

Negli Stati Uniti, le persone che raccolgono animali senza cure adeguate possono essere soggette ad azioni legali.

Tuttavia, il gruppo per il benessere degli animali di Detroit ha sottolineato di non aver contattato le autorità statunitensi in merito ai pappagalli salvati.

READ  La saga di Andrew Cuomo: la CNN punta l'animatore Chris Cuomo

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *