30 anni fa Cosa Nostra uccise brutalmente i giudici Borsellino e Falcon

Simboli della lotta alla mafia siciliana, i giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino furono uccisi da esplosivi a pochi mesi di distanza da Cosa Nostra nel 1992.

500 chilogrammi di TNT e nitrato di ammonio. Il tutto grazie a una tavola da surf collocata in una conduttura dell’acqua lungo l’autostrada che collega l’aeroporto di Palermo con il centro cittadino del capoluogo siciliano. Ecco l’arsenale bellico che tolse la vita al giudice Giovanni Falcone, il simbolo della lotta alla mafia siciliana, alla moglie e ai membri delle tre scorte il 23 maggio 1992, poco prima delle 18.

Nel corteo mortale, l’auto alla guida è stata sbalzata a diverse centinaia di metri di distanza, uccidendo sul colpo i tre poliziotti a bordo. Il giudice Falcone, che guidava direttamente la seconda vettura, così come sua moglie, sono rimasti uccisi dal lato del passeggero. Sono invece sopravvissuti il ​​solito guidatore, che si trova nella parte posteriore dell’auto, così come i tre clienti nell’auto posteriore.

La prima grande esperienza di Cosa Nostra nel 1987

Figura reale nella lotta al “polpo”, Giovanni Falcone è stato il primo a istruire il “processo massimo” contro Cosa Nostra nel 1987, grazie alle confessioni del pentito Tommaso Busetta che hanno portato all’arresto di un centinaio di mafiosi.

Con la sua tragica morte, avvenuta nel maggio 1992, l’attenzione del grande pubblico è stata attirata dal giudice Paolo Borsellino, che è considerato il “fratello siamese” dell’illustre Falcone perché raccoglieva tutti i suoi segreti e perché ricopriva lo stesso incarico di procuratore di un tribunale antimafia.

Tuttavia, il 19 luglio 1992, 57 giorni dopo la morte di Giovanni Falcone, Paolo Borsellino fu ucciso in un attentato dinamitardo simile a quello del suo amico, uccidendo cinque dei suoi accompagnatori.

Buon colpo a breve termine, cattivo colpo a lungo termine

Nel breve, gli omicidi di Falcone e Borsellino “hanno rallentato le indagini contro la mafia” ma “alla lunga si è rivelato un pessimo affare per Cosa Nostra, la cui dirigenza è stata decapitata da arresti e confessioni di penitenti”. ha spiegato Vincenzo Cerroso, autore di diversi libri sulla mafia.

Il duplice assassinio dei giudici ha avuto il vantaggio di raddoppiare gli sforzi dello Stato italiano per porre fine alle pratiche mafiose nel Paese. Il 15 gennaio 1993 il capo supremo di Cosa Nostra “Toto” Reina è stato arrestato per le strade di Palermo con il suo autista.

La giustizia italiana ha emesso decine di condanne in questi casi. Roberto de Bella, giudice antimafia presso il Tribunale per i minorenni di Catania in Sicilia, ha stimato che “gli autori materiali sono stati per lo più processati e condannati”.

READ  Stazione di Verrazzano, un nome non unanime

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.