17 morti e quasi 30 dispersi nell’affondamento di una barca in Grecia

La guardia costiera greca ha annunciato giovedì che almeno 17 persone, quasi tutte donne, sono morte e altre trenta sono disperse in Grecia per l’affondamento di due barche di migranti spinte da forti venti.

I soccorritori hanno dovuto sollevare dozzine di sopravvissuti bloccati ai piedi di una scogliera sull’isola di Kythira tra le onde furiose usando una gru mentre altri cercavano disperatamente di aggrapparsi al muro.

I corpi di 16 donne e un ragazzo, apparentemente di origine africana, sono stati recuperati nell’est dell’isola di Lesbo, adiacente alla costa turca nell’Egeo, dopo che la loro barca è affondata, ha detto un trasportatore. Il portavoce della Guardia Costiera Nikos Kokalas alla televisione pubblica ERT.

Ha aggiunto che dieci donne sono state soccorse, ma decine di persone sono disperse, aggiungendo che circa 40 persone erano sulla barca al momento della tragedia. “Le donne hanno completamente paura”, ha descritto.

Poche ore fa, le autorità hanno denunciato la sua scomparsa dopo che un’altra barca, una goletta con a bordo circa 95 persone, è affondata, questa volta al largo dell’isola di Kythira, vicino alla penisola del Peloponneso.

Le impressionanti immagini trasmesse dalla Guardia Costiera hanno mostrato persone naufragate ai piedi di una scogliera su quest’isola selvaggia mentre cercavano di sfuggire alle grandi onde che si sono infrante contro il masso mentre i bagnini erano schierati al buio in cima alla scogliera, sollevandoli uno per uno uno. uno con un argano;

Alcuni sopravvissuti sono riusciti a nuotare a riva e una massiccia operazione di salvataggio ha trovato 80 persone provenienti da Iraq, Iran e Afghanistan.

Il sindaco di Citera, Stratos Haralakis, ha commentato in ERT: “Questo è il posto peggiore possibile su quest’isola” per un naufragio, sostenendo di aver visto cinque corpi.

READ  La grandezza e la miseria dei sondaggi

“Nessuno poteva avvicinarsi al mare, è stato molto difficile”, ha aggiunto.

Una portavoce della guardia costiera ha detto all’AFP che sette donne e 18 bambini erano tra i sopravvissuti.

Il signor Kokallas ha detto che i dhow sono stati “completamente distrutti”.

La guardia costiera ha detto che la velocità del vento nella regione di Kythira era di 102 km/h.

Il ministro greco per la migrazione, Notis Mitarashi, ha esortato la Turchia a “prendere misure immediate per prevenire partenze irregolari a causa delle condizioni meteorologiche avverse”.

Quest’anno la Grecia ha visto un aumento del movimento di migranti, con i trafficanti che spesso prendono la rotta più lunga e pericolosa nel sud del paese.

La Guardia Costiera ha affermato di aver salvato circa 1.500 persone nei primi otto mesi dell’anno, rispetto a meno di 600 nel 2021.

Da gennaio 2022, 64 persone sono morte nel tentativo di entrare nell’Unione Europea dalla Turchia, rispetto alle 111 dell’intero 2021, secondo i dati dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM).

Lo scorso dicembre, almeno 30 persone sono morte in tre diversi naufragi nel Mar Egeo. Ma è difficile individuare i dati esatti, perché alcuni dei corpi non sono stati trovati o trovati sulla spiaggia settimane dopo.

Atene accusa Ankara di condonare le pratiche dei trafficanti e di permettere ai migranti di venire in Grecia in violazione dell’accordo del marzo 2016 che prevedeva il tentativo della Turchia di limitare la partenza di rifugiati e migranti dal suo territorio.

La Turchia nega le accuse.

Da parte sua, la Grecia è stata identificata dalle ONG e dai media per le sue responsabilità nei respingimenti illegali e spesso violenti alle sue frontiere marittime e terrestri.

READ  L'assassinio di Jamal Khashoggi | Il principe ereditario saudita scappa dal processo americano

Il governo conservatore greco ha negato da tempo queste recensioni nonostante le indagini serie e documentate dei media internazionali e delle ONG.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha accusato la Grecia di trasformare il Mar Egeo in un “cimitero” con le sue “politiche oppressive”. Il ministro greco per la migrazione, Notis Mitarashi, ha risposto che la Turchia stava spingendo i migranti “violentemente” verso le acque territoriali greche.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.