Zidane, Thuram … prima di Benzema, il grande ritorno della scelta

Come Karim Benzema, convocato martedì nella nazionale francese a 33 anni e cinque anni dopo la sua ultima convocazione, molte personalità del calcio come Zinedine Zidane, Lilian Thuram o Lionel Messi sono tornate in nazionale dopo un’eclissi.

– Pelé, vinci una rimonta –

Pelé vinse i Mondiali del 1958 (in Svezia) e del 1962 (in Cile), e vide un incubo durante i Mondiali del 1966 in Inghilterra, vittima dei colpi dei suoi avversari e di un arbitrario lassista.

Poi ha deciso di concentrarsi sul suo club, il Santos, e non avrebbe indossato la maglia scelta per due anni.

Ma il Mondiale del 1970 si avvicina e l’artista ritrova la Seleção per ordine del suo ex compagno Mario Zagallo. Pelé sarà il protagonista in Messico per portare al Brasile il terzo titolo mondiale.

– Gascoigne, lacrime e avventure –

Chiamato alla selezione per la prima volta nel 1988 da Bobby Robson, Gascoigne rappresenterà il calcio inglese attraverso le sue avventure, ma anche attraverso le sue lacrime durante le semifinali dei Mondiali del 1990 perse ai rigori contro la Germania.

Robson lascia la scelta e Gascoigne viene licenziato dal suo successore, Graham Taylor. Torna in amichevole, ma è infortunato e perde Euro 1992.

Si è infortunato di nuovo nel 1994 ed è stato assente per un anno e mezzo. Ma nel 1996, durante gli Europei casalinghi in Inghilterra, ha colpito il suo genio unico, con un gol notevole nel giocoleria contro la Scozia.

– Zidane, il destino in blu –

Dopo aver raggiunto la vetta del calcio dopo una storica doppietta (Mondiale 1998, Euro 2000) alla guida della nazionale francese, Zinedine Zidane ha annunciato il suo ritiro a livello internazionale a seguito della sua brutta eliminazione nei quarti di finale di Euro 2004.

READ  You do not need to contact the New York Unemployment Bureau for an additional $ 300; When the benefits start

Ma un anno dopo, l’illustre trequartista ha deciso di fare un ritorno.

Su istruzioni di Raymond Dominic, “Zizou” ha portato la Francia alla finale della Coppa del Mondo 2006 in Germania, inclusa una festa contro il Brasile nei quarti di finale (1-0).

Tuttavia, ha concluso la sua straordinaria carriera con un famoso colpo di testa sull’italiano Marco Materazzi che lo ha visto squalificato in finale.

– Thuram e Makelele, quadrati Zizou –

Come Zidane, Lilian Thuram e Claude Makelet hanno annunciato il loro ritiro dalla nazionale dopo il fallimento di Euro 2004.

Tuttavia, come “ZZ” annunciano il loro ritorno ad Azraq e prendono parte alla saga in Germania.

Nel giugno 2008, dopo aver lasciato la strada nel primo turno dell’Euro, il difensore e il centrocampista difensore hanno annunciato il loro ritiro definitivo in nazionale.

Con 142 selezioni, Thuram rimane il giocatore francese più incoronato.

– Russo, dalla vergogna al Pallone d’Oro –

Si è fermato due anni per prendere parte allo scandalo “Totonero”, la lotteria sportiva italiana, e sembra che la carriera di Paolo Rossi sia andata in frantumi.

La sua sospensione è scaduta nell’aprile 1982, due mesi prima della Coppa del Mondo di Spagna. La ricorda il tecnico Enzo Bearzot, ma il primo turno è andato male. “Nazionale” ha pareggiato con tre, passando solo di poco il Camerun, e Rossi non ha segnato un gol.

Ma la sua veglia è nella seconda fase. Mitica tripletta contro il Brasile (3-2) nei quarti di finale, doppietta nel tempo contro la Polonia (2-0) e primo gol in finale contro FRG (3-1). La vendetta è perfetta, Rossi, capocannoniere della Coppa del Mondo, porta l’Italia in vetta e chiude l’anno del Pallone d’Oro.

READ  L'Italia sta sprofondando negli anni del piombo

Messi dalla delusione alla delusione

Per Messi, coronato dal successo a Barcellona, ​​sono state le sue frequenti delusioni con l’Argentina che lo hanno portato ad allontanarsi temporaneamente dalla selezione.

Dopo essere stato sconfitto nella finale della Coppa del Mondo 2014 e poi nella finale di Copa America del 2015, Messi inciampa di nuovo nella fase finale della finale di Copa America del 2016.

Il 26 giugno 2016, ha detto con amarezza: “La scelta è finita per me. È la quarta finale che perdo, e la terza di fila”.

Ma questa flessione internazionale non dura. Messi ha riconsiderato le sue parole due mesi dopo e giocherà ai Mondiali 2018 … senza ulteriori successi: un’eliminazione all’ottavo posto contro la Francia (4-3) e un nuovo arco internazionale per il Pallone d’Oro esagonale, facendo la station wagon fino a all’inizio del 2019.

– Ibrahimovic, rimonta rotta –

Come Benzema, il ritorno di Zlatan Ibrahimovic avrebbe dovuto essere il 39esimo degli Europei (11 giugno – 11 luglio).

L’annuncio del suo clamoroso ritorno a lavorare con la Svezia, a cinque anni dalla sua ultima convocazione, ha acceso il mondo del calcio a marzo: anche l’attaccante del Milan ha firmato gli assist a fine marzo con la sua selezione nelle qualificazioni ai Mondiali. -2022.

Ma un infortunio al ginocchio ha infranto il sogno dell’eccentrico attaccante, che salterà il grande torneo continentale questa estate.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *