Xanadu, l’incredibile città perduta del Gran Khan che ha sbalordito Marco Polo – la versione serale della Francia occidentale

Corrispondenza, Jean-Christophe Peot

350 chilometri a nord di Pechino, ci sono ancora alcuni muri sgretolati sopra le pianure della Mongolia interna. Questi sono i resti di una città insolita che vi sorgeva nel XIII secolo.NS Secolo: il vasto Shangdu, il palazzo estivo di Kubilai Khan e la capitale dell’Impero Mughal. È scomparso all’età di quattordici anniNS Secolo, la città che ha sbalordito Marco Polo è comunque sopravvissuta nell’immaginario collettivo con il suo altro nome: Xanadu.

(Mappa: Francia occidentale)

Nel 1296, dal fondo della prigione poi occupata nel carcere di Genova (Italia) il giorno dopo la sconfitta delle armate veneziane, l’esploratore e mercante Marco Polo dettò al compagno di sventura Rusticello di Pisa la storia del ventesimo . – Ha trascorso cinque anni viaggiando lungo le Vie della Seta fino al cuore dell’impero di Kublai Khan. Scritto in francese e pubblicato nel 1298, valuta globale Segna il suo tempo descrivendo per la prima volta l’enorme gruppo che si estende dalla Persia all’Asia centrale e all’Estremo Oriente.

In alternativa mercante, mercante o ambasciatore, Marco Polo racconta la vita quotidiana a corte “Il signore che è il Moghul, il cui nome è Kublai, è molto nobile e potente”. Nominato consigliere del khan poco dopo il suo arrivo, Polo lo seguì nei suoi frequenti viaggi, scoprendo “Grandi fatti e meraviglie” Che ai suoi occhi abbonda del Regno Kubilai, a cominciare da Shangdu, la città che l’impero tirerà fuori dall’erba alta tra pochi anni per farne un’immensa città di pietra, marmo e legno.

Città fuori dalle pianure mongole

Il nipote di Gengis Khan, Kubilaï non salì direttamente al trono: suo fratello, Möngke, che aveva ereditato il potere imperiale, affidò a Kubilaï il compito di guidare la Cina settentrionale e le sue vaste steppe. Dal 1251, il futuro Khan non fu inattivo, aggiungendo la maggior parte di quello che oggi è lo Yunnan alle vaste terre già controllate dal potere mongolo, dal Medio Oriente all’Asia orientale.

Il politicamente esperto Kubilaï sa che deve fare affidamento sulle élite cinesi per cercare di conciliare la cultura nomade dei mongoli con le tradizioni Han di lunga data. Molti anni prima che Marco Polo fosse nominato suo consigliere occidentale, Kublai si circondò di alti funzionari e dignitari della sconfitta dinastia Yin.

Tra questi, Liu Bingzhong, un importante manager e ingegnere di formazione. Gli affida un compito preciso: immaginare e costruire una metropoli in mezzo al nulla, su una terra ancora vergine da ogni permanente occupazione umana.

Ritratto dell’imperatore Kubilai, XIV secolo. (Foto: Wikimedia/dominio pubblico)

Nel 1252, i piani erano pronti e iniziarono i lavori. In pochi mesi decine di migliaia di schiavi trasportano i materiali necessari, ripuliscono decine di ettari della steppa, scioperano e organizzano le reti necessarie alla costruzione di una città che deve rispecchiare la forza del suo fondatore. Nel giro di quattro anni, Shangdu emerse dalla terra seguendo un piano meticoloso e ingegnoso per farne una triplice città.

READ  Mindy Kaling picks The Temp over Dwight and Jim in a challenge along the lines of This or That TikTok

Il primo recinto quadrato con costoloni di 2.200 metri conteneva un tipo di castello interno, e un altro quadrato in cui ogni muro si estendeva per più di 1.500 metri. All’interno di questo perimetro sorge il Sancta Sanctorum: il Palazzo Kublai, lungo 550 metri.

Diviso in tre parti, Shangdu riflette sia l’organizzazione sociale che il desiderio di inclusione culturale dei Kubilai. Nella maggior parte della città convivono campi di yurte mongole, facilmente spostabili secondo necessità, case in legno e pietra tipiche dello stile di vita cinese, oltre a uno zoo e parchi. La seconda copertina, già più elitaria, riunisce scribi, funzionari, sacerdoti, ingegneri, soldati e la corte. Infine, l’ultimo, il più segreto oceano, accoglie Kublai e il suo immediato seguito di ufficiali e dignitari all’interno “Il più grande palazzo della Terra”Fai Marco Polo.

Rovine di Shangdu/Xanadu, qui raffigurate nel 2016 (Foto: Wikimedia/Flaumfeder/CC BY-SA 4.0)

Nel 1264, dopo quattro anni di guerre fratricide, Kublai sconfisse suo fratello minore Arik Buga e succedette a Munke alla guida dell’Impero Moghul. La sua vittoria fece di lui il Gran Khan, l’imperatore minore conteso di un gruppo di tribù e popoli che si estendeva dalla Corea all’odierna Armenia e dall’Ucraina e Russia all’Iraq, e si spinse nel Bahrain. Nel 1271 Kubilai vi aggiunse la Cina centrale.

Quando la dinastia Song, che controllava la Cina meridionale, cadde a sua volta nel 1276, Kubilai divenne allora il padrone del più grande gruppo della storia mondiale, l’infinitamente più grande dell’Impero Romano che sembrava quasi insignificante con la sua superficie di 5 milioni di chilometri quadrati , rispetto ai 33 milioni di chilometri quadrati dell'”impero della steppa” che si estende dall’Oceano Pacifico al Mar Mediterraneo.

200 corde di seta

Per vent’anni, il destino di Marco Polo ha seguito il destino di Khan. Dopo aver seguito per tre anni le Vie della Seta, il giovane mercante arrivò a Kambaluk (Pechino) nel 1274 con il padre e lo zio, due mercanti internazionali di alto rango che fungevano anche da ambasciatori per conto di Venezia, potenza commerciale nel Mediterraneo. .

Presto scoperto dal Khan, il giovane studiò per alcuni anni, imparando lingue e costumi mongoli e cinesi, prima di servire Khan come messaggero e investigatore per diversi anni, passando dall’Oceano Indiano alla Corea, di passaggio. Birmania, Vietnam o… Xanadu, divenne poi la residenza estiva di Khan da quando si trasferì alla sua corte a Pechino.

Marco Polo e Kublai Khan, stilizzati da Devisement of the World. (Illustrazione: Wikimedia/Dominio pubblico)

All’epoca in cui il mercante veneziano visitava Shangdu, il khan ne fece la sua residenza estiva: “ Dopo aver guidato per tre giorni […] Verrai in una città chiamata Chandu. Il khan rimane lì tre mesi all’anno e preferisce questa sistemazione perché lì non fa caldo, ma molto freddo. Quando arriverà il ventottesimo?NS Giorno di luna in agosto, parte. ” Il minimo che possiamo dire è che Marco Polo è sbalordito dalla ricchezza della capitale della steppa. “In questo luogo è un bellissimo palazzo di marmo, tutte le sue stanze sono dorate e dipinte con figure di uomini, bestie e uccelli et una varietà d’alberi e di fiori, tutto fatto con arte sì bella che lo guardi con piacere e stupore. […]. »

READ  Italia, Roberto Mancini: "Non abbiamo ancora vinto niente"

Fuori dal palazzo stesso, Marco Polo evoca una specie di zoo o santuario eretto per il piacere del khan, grande cacciatore davanti al Signore: “Nel giardino ci sono bellissime fontane, fiumi, ruscelli e prati, con tutti i tipi di animali selvatici che l’imperatore comprava e metteva lì per fornire cibo ai suoi animali e ai suoi falchi”.

Ma ciò che stupisce di più Marco Polo è lo strano palazzo secondario che il khan fece costruire nel cuore di questo enorme giardino: “In un luogo del giardino dove c’è una foresta incantata, costruì un altro palazzo di rattan […] Dorato dappertutto. Il suo design interno è molto elaborato. Poggiano su pilastri dorati e laccati, ognuno dei quali è un drago d’oro la cui testa e artigli sostengono l’arco. Il tetto, come il resto, è fatto di canne ricoperte di vernice così solida ed eccellente che nessuna pioggia può rovinarlo. […] La costruzione del palazzo è progettata in modo tale da poter essere smontata e rimontata molto rapidamente. Tutto poteva essere sminuzzato e spostato dove comandava l’imperatore. Una volta installato, è supportato da oltre 200 corde di seta per evitare il contraccolpo del vento. “

Dalla città di Khan alla città degli artisti

Ironia della sorte, tuttavia, il formidabile impero di Khan era senza dubbio già condannato quando Kubilai ne prese il controllo, forse troppo grande per crollare. Da Gengis Khan al suo regno, l’espansione mongola si è basata su un’intelligente combinazione di cavalleria altamente competente e il talento politico dei suoi successivi padroni, che erano abbastanza astuti da fare affidamento sulle élite locali per garantire una gestione efficace. Ma i disaccordi tra clan e le ambizioni personali, che erano già evidenti alla morte di Gengis Khan, alla fine avrebbero ottenuto un potere mongolo meno dominante e meno dominante.

Nel 1368, meno di 75 anni dopo la morte di Khan, la Cina si ribellò al potere mongolo e non accettò mai. Alla dinastia Yuan fondata da Kubilai della dinastia Ming, al termine di una serie quindicennale di insurrezioni, seguì presto la Rivolta dei Turbanti Rossi.

READ  Il videogioco Peppa Pig in arrivo su console questo autunno

Se Shangdu volò, non fu altro che un campo di rovine di cui oggi rimangono solo poche reliquie. Elencato come sito del patrimonio mondiale dell’UNESCO, il sito si riduce a poche mura semisepolte attorno alle rovine di un’ampia piazza circolare in mattoni. Spettacolare in primavera, quando tutte le steppe e le colline circostanti sono ricoperte di fiori, il luogo non ha nulla dello splendore della sua antica architettura. Tuttavia, Shangdu aveva appena iniziato una seconda esistenza, questa esistenza leggendaria e leggendaria.

“Nelle profondità di un mare soleggiato”: da Chandu a Xanadu

Nel 1941 fu proiettato nelle sale il film più famoso diretto da Orson Welles: Cittadino Ken. Attraverso una serie di flashback, Wells racconta la presenza di un magnate dei media, Charles Foster Kane, recentemente scomparso mentre sussurrava una delle battute più famose del cinema: “Bocciolo di rosa” (bocciolo di rosa). La trama segue il lavoro di un giornalista determinato a comprendere il significato di questa misteriosa parola. E se la sua indagine lo porta a incontrare testimoni della sorprendente ascesa del miliardario, lo porta anche nel cuore della colossale magione e della misteriosa dimora in cui Ken viveva quasi in isolamento, in Florida – Xanadu, l’ortografia contemporanea di Shangdu Kubilaï. E il riferimento non si ferma qui: il nome Kane of Wales è molto vicino al khan mongolo…

Se Shangdu diventa Xanadu, lo dobbiamo al poeta inglese Samuel Coleridge. pubblicato nel 1800, Kubla Khan Lo descrisse come una sorta di fantasia allucinatoria (il testo è tradotto “Vedere in un sogno”Dimora immaginaria, lussuosa e misteriosa.

Se non tanto deve alla storia quanto tanto all’oppio, per stessa ammissione del poeta, l’opera ebbe un successo immediato e le sue prime righe furono saldamente radicate nella memoria collettiva inglese: “A Xanadu, Kubilai Khan si è decretato un grandioso palazzo di piaceri / Dove le sacre onde alfa si precipitano / Attraverso le incomprensibili caverne dell’uomo / Verso le profondità senza sole del mare”.

Welles non è l’unico che ha evocato gli spiriti della città della steppa. Nell’immaginario collettivo, Xanadu, “Un luogo selvaggio! Un luogo sacro e magico!” è diventato una dimora mitica, semiceleste che regolarmente vediamo riapparire nelle arti e nella finzione: videogiochi, film, musical, canzoni… il fumetti La più famosa degli anni ’30, un’immensa tenuta dalle cupole lucenti, ricca di giardini e fontane, ma anche stanze segrete e sofisticate tecnologie. Lontano da Shangdu, Xanadu vive ora la sua esistenza.

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *