Visitatori francesi invitati da Parigi a lasciare il Paese “il prima possibile”

Il francese “Coloro che attraversano l’Iran sono incoraggiati a lasciare il Paese il prima possibile a causa del rischio di detenzione arbitraria a cui sono esposti”.Allerta, venerdì 7 ottobre, ministero degli Esteri francese In un aggiornamento ai loro consigli di viaggio sul loro sito web.

“Qualsiasi visitatore francese, compresi i cittadini con doppia cittadinanza, è ad alto rischio di arresto, detenzione arbitraria e processo iniquo”Lo chiarisce espressamente il Ministero “Questo rischio riguarda anche le persone che effettuano una semplice visita turistica”e quello’“In caso di arresto o detenzione non è garantito il rispetto dei diritti fondamentali e dell’incolumità delle persone”.

Lo aggiunge il ministero “La capacità dell’ambasciata francese a Teheran di fornire protezione consolare ai cittadini arrestati o detenuti in Iran è molto limitata”..

Leggi anche: Questo articolo è riservato ai nostri iscritti In Iran, cresce la sfiducia tra la popolazione e il regime

Video delle “confessioni” delle due spie

Questo avviso arriva il giorno dopo la trasmissione di un video di“riconoscimento” Sul sito web di Al-Alam TV in lingua araba, affiliato al canale TV ufficiale di Al-Alam. In questa sequenza, una giovane donna di lingua francese afferma di essere Cecile Koehler e di essere un agente operativo dell’intelligence presso la Direzione generale della sicurezza esterna (DGSE, il servizio di intelligence francese). Afferma che lei e suo marito erano in Iran “Per creare le condizioni per la rivoluzione e il rovesciamento del regime iraniano”..

ministro degli Affari Esteri francese denunciare “video disgustoso”Organizzazione mondiale della Sanità “Fa false confessioni estorte sotto costrizione”E il Venerdì sono state allertate le famiglie della coppia francese Condizioni di detenzione disumane (…) per motivi spuri”con uno “Pressione psicologica inimmaginabile”.

Leggi anche: Questo articolo è riservato ai nostri iscritti In Iran la repressione colpisce anche le celebrità
READ  Visualizza lavoro | Studio legale

la coppia “Gli viene negato l’accesso agli avvocati e gli è consentito un accesso costante al Consolato”., individua il comunicato stampa inviato dalle famiglie di Jacques Paris e Cecil Koehler all’Agence France-Presse. chiese Parigi ‘Rilascio immediato di [nos] Cittadini detenuti arbitrariamente.

I due francesi sono stati arrestati a maggio, in un momento in cui l’Iran era teatro di manifestazioni di insegnanti per chiedere riforme per aumentare i loro stipendi e per chiedere la liberazione dei colleghi detenuti durante le precedenti mobilitazioni.

“Jack e Cecil non sono un agente della DGSE.”Dicono le loro famiglie. Cecile è un’insegnante di lingua francese. Jack si ritirò dall’educazione civica »individua ulteriormente il comunicato stampa diffuso dalle famiglie, in cui si afferma che la coppia si è recata in Iran a titolo personale “turisti”.

L’Iran ha ripetutamente accusato poteri esterni di aver alimentato le proteste e ha affermato la scorsa settimana che nove stranieri, tra cui Francia, Germania, Italia, Polonia e Paesi Bassi, sono stati arrestati.

sanguinosa repressione

Un'immagine ottenuta da AFP il 7 ottobre 2022 mostra una fontana colorata con la sua acqua in rosso davanti al Forum degli Artisti, nel Parco Hunarmandan, a Teheran, la capitale iraniana.

Il Paese sta attraversando una crisi sociale. La rabbia per l’uccisione di Mahsa Amini il 16 settembre ha scatenato le più grandi proteste in quasi tre anni. Questa donna curda iraniana di 22 anni è morta tre giorni dopo essere stata arrestata a Teheran dalla polizia morale per aver violato il codice di abbigliamento che richiede specificamente alle donne di indossare l’hijab nel Paese. Secondo un referto medico emesso venerdì dalla Repubblica islamica, la sua morte in custodia era correlata a una malattia al cervello e non è stata causata dal pestaggio.

In un video pubblicato online giovedì e approvato dall’AFP, un gruppo di donne canta “Morte al dittatore” A Racht nel nord. Altre foto mostrano donne che urlano “Azadi! » (“Libertà” in persiano) Mi rallegro mentre cammino per una strada a Gerusalemme, a ovest di Teheran.

READ  Santander ha ordinato 68 milioni di dollari per pagare Andrea Orsel per il suo appuntamento fallito

Secondo l’Organizzazione iraniana per i diritti umani (IHR) con sede a Oslo, almeno 92 manifestanti sono stati uccisi durante la repressione, che è stata accompagnata da restrizioni all’accesso a Internet, incluso il blocco di Instagram e Facebook.

Amnesty International afferma di aver confermato 52 casi di persone uccise dalle forze di sicurezza, ma lo stima “Il numero reale è molto più alto.”. Nella capitale, Teheran, un artista sconosciuto ha dipinto di rosso le fontane d’acqua in riferimento alla sanguinosa repressione.

Leggi anche: Questo articolo è riservato ai nostri iscritti Consapevolezza giovanile in Iran: “Una generazione che non accetta facilmente ciò che viene detto”

Il mondo con AFP

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.