Vince l’Italia nella corsa al gas algerino, ambita dagli europei

“Gli italiani hanno condotto molto bene le trattative” ha salutato Francis Perrin, ricercatore presso il Policy Center for the New South di Rabat. 516419508/La mosca della rondine – stock.adobe.com

I progetti congiunti di acquisto di gas citati in primavera da Bruxelles e dalla presidenza francese dell’Ue sono rimasti nel limbo.

Terzo fornitore di gas naturale dell’Unione Europea dopo Russia e Norvegia, l’Algeria è particolarmente ambita per le ricchezze del suo sottosuolo dall’invasione dell’Ucraina. In visita ad Algeri, Emmanuel Macron ha però voluto ridurre al minimo la posta in gioco per la Francia, che è meno dipendente dal gas rispetto ai suoi vicini italiani o tedeschi.

C’è da dire che l’Italia non si è fatta attendere per assicurarsi volumi aggiuntivi di metano algerino. Da aprile Mario Draghi, il capo del governo, ha attraversato il Mediterraneo, accompagnato dal boss del gruppo energetico Eni. Eni ha firmato un contratto con l’operatore pubblico algerino Sonatrach per l’acquisto di ulteriore gas, a partire da quest’anno, con un ramp-up fino a 9 miliardi di metri cubi (Mdsm3) aggiuntivo nel 2023 e uguale nel 2024. L’Italia importava già 21 Mdsm3quasi la metà delle vendite di gas dell’Algeria all’Unione Europea.

“La maggior parte delle capacità aggiuntive che l’Algeria…

Questo articolo è riservato agli abbonati. Hai ancora il 73% da scoprire.

La libertà non ha confini, come la tua curiosità.

Continua a leggere il tuo articolo a € 0,99 per il primo mese

Sei già iscritto? Login

READ  Euro 2020: le statistiche premiano l'Italia

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.