verso l’Italia per il pilota della Spinalian Eric Mauffrey

Infine, è fuori dai nostri confini che diversi piloti dei Vosgi inizieranno la loro stagione. Come Eric Mauffrey che sarà al via del rally di Sanremo a fine settimana. Questa spedizione in Italia sarà anche un bel cenno allo Spinalien: “Ci sono andato nel 1987 con una Golf di Gruppo A. È stata una tappa del Campionato del Mondo. Avevamo vinto la classifica della promozione “, ricorda.

Oggi è un raduno del circuito transalpino. Questo evento accoglierà equipaggi francesi bisognosi di competizione. Il calcio d’inizio del campionato francese, infatti, dovrebbe essere solo dal 12 maggio ad Antibes. Tuttavia, ha pensato che potesse essere posticipato ulteriormente. Così la riflessione per trovare soluzioni per non restare inattivi ha guadagnato terreno.

“Una manifestazione fa parte dell’allenamento”

Dopo aver ottenuto una licenza internazionale essenziale tramite la federazione francese, la Spinalien ha quindi deciso di schierarsi nel nord-ovest d’Italia: “È un po ‘complicato guidare qui. Abbiamo fatto alcune sessioni di prove come tutti gli altri, ma non è abbastanza. Pratichiamo uno sport in cui è difficile allenarsi. Per noi un rally fa parte dell’allenamento. Dobbiamo rotolare. L’abbiamo fatto tardi e sono un po ‘sorpreso perché a mettersi in gioco è andata bene. C’era ancora spazio mentre da noi è una follia. Le liste di coinvolgimento stanno esplodendo ovunque. Ora speriamo di poter correre. “

“Ho ancora voglia di cavalcare”

Nonostante questa spada di Damocle, Eric Mauffrey ha preparato bene il suo caso studiando le specificità del rally transalpino: “C’è un buon livello con i piloti che guidano normalmente e che conoscono bene le strade. Ci sono solo 95 km di speciali, mentre qui in Francia varia tra 110 e 130 km. Domenica sarà intenso con un buon ritmo. Ci saranno due giri di tre speciali perché sabato c’è solo uno speciale molto breve. “

READ  Coronavirus, Merkel: "I contagi crescono troppo. Preoccupante". Inghilterra, zone rosse anche dopo la fine del blocco. Il principe di Svezia e sua moglie vengono infettati

Quello che festeggerà il suo 62 ° compleanno il prossimo luglio non è soddisfatto: “Mi sento in ottima forma e ho ancora un buon volante. Ho ancora voglia di pedalare ma ora trovo difficile disconnettere il cervello rispetto ai giovani. È difficile avere velocità, lo si avverte in certe gare dove devi essere sempre al top. “

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *