Valutazione della salute delle piante di mais

Con le piante di mais che stanno lavorando per finire di crescere, ci sono problemi che potrebbero minacciare una fine stagione di successo. Malattie delle foglie e degli steli di mais possono indebolire gli steli e causare l’allettamento. Altri stress noti dell’anno possono, a loro volta, far allentare la pianta verso il chicco e indebolire il gambo di mais, rendendola suscettibile all’allettamento e alla putrefazione dello stelo.

Le valutazioni vanno effettuate tra le fasi R5 (noccioli generalmente seghettati) e R6 (maturazione: massimo accumulo di sostanza secca, formazione di una macchia nera alla base dei chicchi).

Il Pest Alert Network (RAP) consiglia due metodi in caso di problemi. Vanno privilegiati i campi con suoli sabbiosi, noti per la loro compattazione che limita la crescita delle radici o problemi fogliari presenti dall’inizio della stagione.

Prova di pagamento

• Selezionare casualmente 20 piante da cinque posizioni ben distribuite sul campo, per un totale di 100 piante.
• Spingere la parte superiore della pianta da 15 a 20 cm (da 6 a 8 pollici) dall’asse verticale per vedere se la spinta provoca dormienza.
• Determinare la percentuale di steli deboli.

prova di pizzicamento

• Selezionare casualmente 20 piante da cinque posizioni ben distribuite sul campo, per un totale di 100 piante.
• Eliminare le foglie inferiori e premere il gambo sul portainnesto. Se può facilmente
È più probabile che si sviluppi la putrefazione del gambo in polvere. I sintomi possono anche essere
Si osserva tagliare lo stelo a metà nel senso della lunghezza.
• Determinare la percentuale di steli marci.

Il danno attribuito al marciume del fusto è dovuto principalmente a tre generi di funghi, vale a dire CladosporioE il colitotrico dove Gabriella / Fusarium. I primi due fattori influiscono sul trasporto di elementi minerali nella pianta, che possono influenzare il riempimento del chicco e rendere gli steli più suscettibili all’allettamento. Tipo fusario È uno dei principali produttori di micotossine. Le piante infette appassiscono e le foglie virano dal verde chiaro al verde grigiastro opaco, come se avessero subito un gelo o una siccità. Anche l’interno delle rotaie mostrerà un cambiamento nel suo aspetto. Sembreranno consumati e possono variare di colore da bianco, rosa, salmone e giallo all’arancione.

READ  The Legend of Zelda: Twilight Princess HD su Nintendo Switch? Tantalus lo voleva ma Nintendo non lo chiedeva: Nintendo Switch

Per quanto riguarda le malattie fogliari, il RAP rileva che le principali malattie fogliari del mais attualmente sono la ruggine comune, il deperimento, la malattia della captella e l’antracnosi. Quest’ultimo può attaccare sia le foglie che il fusto.

RAP suggerisce anche lo screening per le malattie che colpiscono le orecchie perché alcuni funghi possono causare lo sviluppo di muffe sulle orecchie. La valutazione dovrebbe essere effettuata nelle fasi R5 e R6, a metà settembre o alcune settimane prima della raccolta. Devi raccogliere almeno 30 spighe manualmente da diversi punti casuali del campo. Le foglie che ricoprono la pannocchia devono poi essere rimosse per notare la presenza di muffe sulla superficie del chicco. Se si osservano muffe, si raccomanda di testare i grani per la presenza e i livelli di micotossine.

A seconda della situazione, può essere appropriato un raccolto anticipato. In Ontario, si consiglia di raccogliere il prima possibile un campo con il 10% delle spighe affette da marciume. Se il danno degli uccelli è evidente (il più delle volte ai bordi del campo), si consiglia di raccogliere separatamente le file danneggiate ed è preferibile conservare e movimentare il grano da queste file separatamente. Allo stesso modo, se un campo di mais ha dal 10 al 15% di steli in decomposizione o piante endemiche, è meglio iniziare la raccolta presto e rapidamente per rallentare la progressione della malattia e la potenziale produzione di micotossine. Eventuali costi di essiccazione aggiuntivi saranno compensati da una maggiore facilità di raccolta e da una riduzione delle perdite in campo.

Il grano deve essere essiccato subito dopo la raccolta in modo che l’umidità del grano non sia superiore al 14% perché oltre questo tasso continua la crescita di funghi e micotossine.

READ  Eclissi lunare totale del 15 maggio: cosa devi sapere

Per quanto riguarda l’insilato di mais, una volta immesso nel silo, il fungo non dovrebbe crescere e produrre tossine, ma per questo le condizioni dovrebbero essere completamente anaerobiche (mancanza di ossigeno).

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.