Valencienne. Con Cacio Pepe, i sapori d’Italia al Passage de l’Arsenal

Dopo la partenza de La Pizza de Nico di qualche mese fa, l’Italia torna alle porte del Passage de l’Arsenal con l’apertura della trattoria Cacio Pepe. Questo nuovo arrivo nel panorama della ristorazione di Valenciennes lo dobbiamo a Eddy Wavrant e Anthony Fusco, due partner a cui va attribuita una solida esperienza nel mondo della gastronomia, felici di notare che il loro ristorante è pieno ogni giorno dalla sua apertura appena una settimana fa. Il libro delle prenotazioni si sta effettivamente oscurando visibilmente. E se vuoi la nostra opinione: ricordati di prenotare!

“Gastronomia accessibile a tutti”

Con una capienza di 80 posti all’interno e altri 80 posti in terrazza, la trattoria Cacio Pepe propone ” Cucina italiana e amichevole al 100% fatta in casa“. ” Tutto è fatto in casa dalla A alla Z. Il nostro gelato, i nostri dolci, la nostra pasta fresca, i nostri sughi… Con Anthony, e visto il background che entrambi abbiamo nella ristorazione, non potevamo vederlo diversamente. Francamente, se offrissimo qualcosa di diverso dal 100% fatto in casa, non saremmo in grado di guardarci allo specchio al mattino.“, sorride Eddy Wavrant.

Originario della regione di Lensoise, Eddy Wavrant è particolarmente noto per aver avuto il suo ristorante gourmet nei Paesi Bassi per 17 anni. ” Ho poi lavorato per catene internazionali come Hilton e InterContinental, in Egitto, Qatar o Russia.“, lui dice. Anthony Fusco è della regione di Lione. Aveva anche il suo ristorante – protagonista nel 2012 – a Beaujolais. È poi arrivato a Valenciennes, con l’opportunità di poter lavorare per le più grandi strutture alberghiere della zona. I rispettivi percorsi di Eddy Wavrant e Anthony Fusco vi daranno senza dubbio un’idea della cucina che verrà proposta al Cacio Pepe. Ma ripensaci,” vogliamo che la nostra struttura sia accessibile a tutti, che sia amichevole e che ci sia soprattutto molta vita. Trabocca di vita“, ricorda Eddy Wavrant. Questa accessibilità si trova anche nei prezzi praticati dalla casa: ” la nostra prima pasta costa 9 euro e la nostra prima pizza meno di 10 euro“. ” Con Eddy, abbiamo lavorato molto nella ristorazione di fascia alta. Condividiamo entrambi la stessa visione della professione e oggi crediamo che la gastronomia debba essere accessibile a tutti. Siamo anche molto desiderosi di essere trasparenti e molto realisti su ciò che offriamo. Ovvero piatti all’insegna della tradizione italiana e cucinati con prodotti freschi“, aggiunge Anthony Fusco. Quindi, precisamente, cosa si mangia al Cacio Pepe? Certo, puoi trovare tutto ciò che rende l’essenza dei ristoranti italiani. E soprattutto le pizze di ispirazione napoletana“, cotto al forno napoletano e guarnito con i suoi pomodori San Marzano, coltivati ​​nelle terre vulcaniche di Napoli. Ma anche, e naturalmente, il Cacio Pepe, una ricetta di pasta italiana che ha attraversato i secoli ormai da 2000 anni. ” C’è pecorino e pepe. Questa è una ricetta che abbiamo adattato per fare in modo che il gusto del peperone non sia piccante. Questa è la nostra piccola ricetta segreta“, sorride Eddy Wavrant. Ad allestire la loro trattoria che oggi impiega ” 11 persone“, Eddy Wavrant e Anthony Fusco hanno chiamato un architetto. Per farne un locale che rispecchi la cucina che offrono, con un arredamento” bello, elegante e contemporaneo. E particolarmente vivo“. MA.B

READ  Giro d'Italia – Mikel Landa, 3° assoluto: "Sono ancora ottimista"

– La trattoria Cacio Pepe si trova all’ingresso del Passage de l’Arsenal, in rue de l’Intendance 1.

– È aperto dal lunedì al sabato dalle 11:30 alle 23:00 per il bar; e dalle 12:00 alle 14:00 e dalle 19:00 alle 22:00 a pranzo ea cena.

– Possibilità di prenotare telefonicamente ma anche, in tempo reale, sul sito web dello stabilimento caciopepe.fr.

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.