Unione Europea – Partecipazione di Jean-Yves Le Drian al Consiglio Affari Esteri (19.04.21)

Jean-Yves Le Drian, ministro per l’Europa e gli affari esteri, parteciperà all’incontro informale dei ministri degli esteri dell’Unione europea lunedì 19 aprile 2021, tramite videoconferenza.

Questo incontro sarà l’occasione per l’Unione europea per ricordare la sua piena solidarietà con l’Ucraina e la sua adesione all’integrità territoriale di questo paese. In questo contesto, il ministro sottolineerà la necessità di evitare l’escalation delle tensioni. Si discuterà anche della relazione bilaterale tra Unione europea e Ucraina, in particolare il proseguimento delle riforme avviate da Kiev, in conformità con l’accordo di associazione firmato con l’Unione europea. Il ministro condividerà la sua valutazione della situazione e riferirà ai suoi colleghi europei sull’incontro tra il presidente della Repubblica e il presidente Zelensky, ricevuto a Parigi il 16 aprile. Ricorderà gli sforzi congiunti compiuti con la Germania nel quadro del cosiddetto processo di Normandia per realizzare la piena attuazione degli accordi di Minsk.

A seguito del Consiglio Affari Esteri del 22 marzo, il Ministro ricorderà ai suoi omologhi europei l’urgente necessità di lavorare per aiutare il Libano a superare lo stallo politico ed economico accelerando gli sforzi europei volti a fare pressione sui funzionari libanesi in questa impasse.

Il ministro fornirà un aggiornamento sul fascicolo iraniano con l’Alto Rappresentante e il suo omologo tedesco, alla luce delle discussioni a Vienna sui criteri per il ritorno al JCPoA e delle gravi preoccupazioni sollevate dai recenti annunci. Le misure iraniane riguardano specificamente l’avvio dell’arricchimento dell’uranio al 60%.

I ministri affronteranno i preoccupanti sviluppi nel Tigray, in Etiopia. Il Ministro cita l’importanza di compiere progressi sulle tre priorità individuate dall’Unione Europea, che stanno migliorando l’accesso umanitario al Tigray, avviando indagini indipendenti sulle violazioni dei diritti umani e ritirando le forze eritree dal territorio etiope.

READ  Ad Astre si aggiungono Transports Reinheimer e Ceccarelli Group

Il ministro sosterrà l’adozione da parte del Consiglio delle conclusioni che consentiranno lo sviluppo della strategia indo-pacifica dell’Unione europea. Questa strategia, fortemente incoraggiata da Francia, Germania e Paesi Bassi, mira a promuovere il multilateralismo, la pace, la stabilità, la sicurezza marittima e standard ambiziosi per la comunicazione e lo sviluppo sostenibile in questa regione. Sarà una delle priorità della presidenza francese del Consiglio dell’Unione europea nella prima metà del 2022.

Saranno discussi altri temi di attualità: la Libia, dopo un viaggio dei ministri francese, italiano e tedesco a Tripoli il 25 marzo, che ha ribadito l’impegno e l’unità europea su questo tema, e il sostegno al nuovo esecutivo libico. La Georgia ricorda gli sforzi di mediazione dell’Unione europea per trovare una soluzione politica. Birmania, nel contesto di un forte deterioramento della situazione e dell’inasprimento delle sanzioni europee contro i responsabili del colpo di stato; Mozambico.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *