Una storia di avventura e fantascienza nel sito della Corsica

– Il fumetto per te era da fare?
Dopo aver studiato graphic design che avrebbe dovuto portarmi al fumetto, ho preferito concentrarmi sul disegno e sull’illustrazione, perché, in ogni caso, è la cosa che mi ha sempre fatto piacere fin da quando ero abbastanza grande per fare qualsiasi cosa. Dopo alcuni anni su una serie di “lavori” vari e vari, dal design dei costumi agli “spettacoli” disegnati nei locali notturni, ecc. invenzione e narrazione, tutto questo da una prospettiva popolare. Insieme vanno completamente nella direzione della mia filosofia artistica.

Il tuo rapporto con la Corsica?
– Corsica, la pratico da turista, non ci nascondiamo! Mi sarebbe piaciuto poter radicare le mie radici Corte o Ajaccio, ma no. Sono un semplice Benzoto, e peggio di Paris. Dal 1978, lo faccio ogni anno, che è molto tempo. Come molti abitanti della terraferma, adoro quest’isola, il suo mare, le montagne, ecc… e ho un rapporto speciale con i suoi abitanti. Ma, a differenza di molti continentali, questo rapporto non è insolito: una certa forma di sfiducia mista a complicità esagerata, venata di condiscendenza e adulazione. Il mio rapporto personale con la Corsica è ancora in analisi, ma diciamo lontano, senza essere distante e arrogante, curioso, a volte divertito, e sempre gentile. Senti, volevo accendere la mia storia. Ma me ne vado… Per i fumetti, volevo parlare di un posto meraviglioso, ancora preservato, ma minacciato da un’epoca in crisi che deve scegliere tra risparmio e profitto, in poche parole. La Corsica mi sembrava il posto perfetto.

– L’idea di questo comico Agughia?
– L’idea è nata dal fatto che volevo fare un fumetto in stile 7Os, “à la Valérian” a dire il vero. Storia di fantascienza, genere, e quindi efficace, ma con un aspetto fiabesco. Non una lettera, non un grande discorso, ma piuttosto una trama, e spero che sia divertente, sullo sfondo di uno sguardo critico su alcuni degli eccessi del mondo presente. E questo è, infatti, per me, un sesto interesse: parlare del presente in una linea strana ed esagerata.
– Tema ? Come è organizzato il tuo lavoro?
– Come ti ho detto, vado ancora molto in Corsica. Quindi non era un problema di documentazione. Successivamente, ho dipinto i pannelli a Parigi, così alcuni troveranno che sono un po’ di lato. Poi è anche fantascienza, quindi non cercavo nemmeno la verità assoluta dei paesaggi e della Corsica nella sua identità.
– C’è anche il tema dell’ecologia, dell’ambiente e del turismo…
– Ambiente, cambiamento climatico, ecc… È difficile ignorare, soprattutto quando si vede la natura straordinaria dell’isola, dire che è in un tempo preso in prestito. Cemento, incendi ecc… Quanto al turismo, ogni anno lo vedo crescere più o meno in Corsica, e comunque si sviluppa. Non riesco proprio a sputarci sopra, perché non sono corso, sarebbe un po’ gonfio. Supponiamo che il turismo di massa dei più poveri, associato al turismo dei super-ricchi, rappresenti ancora qualcosa di piuttosto desolante.

READ  Marte come se tu fossi lì: Perseverance Recording the Sound e la sua discesa in video | Scienza | Notizie | il Sole

Sei sceneggiatore e animatore allo stesso tempo?
A me, mi piace fare entrambe le cose, anche se dipingere “per” qualcun altro ha un lato rassicurante di tanto in tanto. Spesso sentiamo scrittori, registi o colleghi dire di essere narratori. Sono un narratore. Inizio sempre con un approccio grafico prima di avvicinarmi alla storia e, disegnando, la linea che sto cercando di incarnare.

– Progetti?
– È ancora un po’ misterioso, ma per un po’ ho lavorato sulla mitologia irlandese. Ecco un’altra isola che amo, l’Irlanda. Forse a breve termine ci tornerò per sempre.

*Edizioni di Dargaud

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *