Una rissa per un campo di calcio | Magil Construction riprenderà i lavori in Camerun

Dopo un incontro di emergenza con il governo in loco venerdì, Magil Construction riprenderà i lavori per il complesso sportivo Olympé in Camerun lunedì, secondo l’appaltatore di Montreal e il ministero dello sport di quel paese.


Tuttavia, a dicembre la società ha annunciato che avrebbe abbandonato il sito in una lettera alle autorità. Giornalismo Lunedì, ha riferito di come la situazione tra la società e il governo del paese si sia intensificata dall’aggiudicazione del contratto non richiesto per lo stadio di calcio 2020.

Magill e il Camerun “hanno creato una piattaforma per conciliare tutte le differenze”, spiega L Giornalismo Cyril Tolo, consigliere del ministro dello sport, Narcissus Moyle-Combe.

In una lettera all’ufficio del primo ministro, il ministro ha criticato Magill per aver voluto “viziare” il Camerun. Secondo lui, l’appaltatore ha ricevuto 42 miliardi di franchi CFA (più di 90 milioni di dollari), ovvero tre quarti degli importi previsti, ma ha completato solo l’1,3% del lavoro necessario per completare il complesso.

Yaoundé conferma inoltre che la società del Quebec detiene nei propri conti l’equivalente di circa 9 milioni di dollari che lo stato ha prestato per pagare i lavori. “Magel ha fondi pubblici e quei fondi pubblici saranno recuperati con qualsiasi mezzo legale. “Non escludiamo un’azione legale contro Magill”, ha dichiarato in un rapporto il membro del consiglio Cyril Tolo. Giornalismo.

L’imprenditore si è poi difeso nella sua lettera al premier denunciando il “vandalismo mediatico” presumibilmente orchestrato dal ministro dello sport attraverso dichiarazioni pubbliche come “calunnioso e indegno di un alto rappresentante dello Stato”.

Magill ha sostenuto che poteva solo ritirarsi dal progetto, dal momento che il governo non l’aveva pagata dal luglio 2021.

READ  Fine stagione per Doherty, assente per diverse settimane

Telenovela sul campo di calcio

Il Camerun ha inizialmente affidato al Gruppo Piccini la realizzazione del progetto Olymbe. Nel 2019, questo imprenditore italiano ha già realizzato il grosso dello stadio nel cuore del complesso sportivo. Tuttavia, ha interrotto il lavoro, rivendicando 28 miliardi di franchi CFA in fatture non pagate dopo un superamento dei costi.

Il governo ha respinto il contratto, poi lo ha ritirato, prima di assegnarlo senza invito a presentare offerte a Magil nel gennaio 2020.

L’appaltatore a Montreal ha completato uno stadio di calcio olimpico in disastro per la Coppa d’Africa, che si terrà in Camerun all’inizio del 2022. Il resto delle attrezzature sportive previste nel contratto: una palestra, una piscina olimpionica , campi da basket, pallavolo, pallamano, oltre a quattro campi da tennis – mai decollati.

Dal 2021 il Ministero dello Sport richiede chiarimenti dettagliati sulla fatturazione di Magil prima di riprendere i pagamenti.

Magill, da parte sua, afferma nella sua lettera che i funzionari incaricati di approvare i conti dei suoi fornitori per l’Olympian gli hanno presentato richieste di pagamento di “risarcimenti” e “acquisto di automobili”. La società afferma di aver sempre rifiutato.

Dopo la crisi causata dallo scambio di messaggi ostili da entrambe le parti, il vicepresidente di Magil responsabile dei progetti internazionali, Franck Mattiere, ha visitato venerdì un sito olimpico con il ministro dello Sport.

L’azienda di Montreal aveva accettato di riprendere i lavori al termine di questa visita.

Contattato per un commento, Franck Mattiere ei suoi capi in Quebec non hanno risposto alle nostre domande.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.