Una possibile partenza sotto forma di disastro economico per l’Italia

Mario Draghi, il primo ministro italiano, ha presentato le sue dimissioni il 14 luglio prima che fossero respinte dal presidente del Paese. La nuova debole posizione dell’ex presidente della Banca centrale europea, ripudiata dalla coalizione parlamentare, è una cattiva notizia per l’economia transalpina.

Mario Draghi è stato indebolito dalla bocciatura di un testo che vuole aiutare famiglie e aziende di fronte all’inflazione

L’Italia è in una brutta situazione economica, e nelle ultime ore è caduta in una di quelle crisi politiche che il Paese non nasconde. Ho trovato un uomo della Provvidenza nella persona di Mario Draghi. Ma il 14 luglio, trovandosi senza maggioranza, ha rassegnato le dimissioni dalla premiership. Tale proposta è stata respinta dal Presidente della Repubblica italiana. Infatti, dal febbraio dello scorso anno, il governo italiano trae la sua legittimità da un’alleanza parlamentare ampia ed eterogenea. Si va da sinistra all’estrema destra, passando per i centristi e la destra liberale. Con le elezioni che si avvicinano l’anno prossimo, prevalgono le considerazioni politiche. Questo è il motivo del movimento a 5 stelle (Movimento 5 Stelle)E ha deciso, parte della coalizione, di boicottare il voto di fiducia sul testo di un decreto-legge discusso in Senato. Questo testo si riferisce a misure per circa 23 miliardi di euro per aiutare famiglie e imprese di fronte all’inflazione. Questo disconoscimento ha indebolito notevolmente Mario Draghi.

Leggi anche

La prospettiva della partenza di Mario Draghi rischia di provocare una grave crisi di fiducia degli investitori

Così, la sera del 14 luglio, ha presentato le sue dimissioni al presidente Mattarella, che le ha respinte. Il 20 luglio il capo del governo dovrà chiedere fiducia ai parlamentari. Se non lo ottiene, possono essere organizzate nuove elezioni legislative. Questa è la possibile partenza di ciò che abbiamo chiamato “Super Mario”, il salvatore dell’euro 10 anni fa, è anche vissuto come un disastro economico. In effetti, l’instabilità politica in Italia non è una novità. In tre quarti del secolo, il paese aveva 67 governi. Il problema è che la caduta di Mario Draghi avverrà in un contesto economico minato da inflazione, crisi energetica, incertezze geopolitiche e conti pubblici distorti. Avere Mario Draghi, ex capo della Banca Centrale Europea, alla guida del governo italiano rassicura gli investitori. La prospettiva della sua partenza rischia di provocare una grave crisi di fiducia. Da ieri sono comparsi i primi stigma perché la Borsa di Milano ha restituito il 3%. I rendimenti obbligazionari italiani sono saliti in maniera decisa, segno della febbre che si è diffusa nelle sale di negoziazione.

READ  L'Italia è pronta a garantire lo status neutrale dell'Ucraina - Reuters

Eric Maupan

Trova le notizie di oggi

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.