Una classifica delle migliori cucine del mondo colloca la Francia al terzo posto, dietro Italia e Cina

Una classifica delle migliori cucine del mondo colloca la Francia al terzo posto, dietro Italia e Cina

Se la CNN Travel esalta il gusto degli amaretti e delle baguette francesi, i media americani preferiscono la pizza italiana e il maiale con salsa agrodolce cinese.

La giustizia esiste in questo mondo. A pochi mesi dalla pubblicazione di una classifica delle “migliori cucine del mondo” da parte del sito specializzato TasteAtlas che aveva suscitato indignazione collocando la Francia dietro agli Stati Uniti, è stata stilata una nuova classifica. Questa volta è fatto da Viaggi della CNNche permette alla gastronomia francese di prendersi la sua rivincita.

La sezione “viaggi” del celebre media americano colloca la cucina francese al terzo posto del podio, dietro l’Italia al primo posto e la Cina al secondo.

“Dobbiamo tornare al primo posto”

Per la Francia, la CNN mette in evidenza le lumache. “Rispetto immenso per avergli dato un gusto incredibile”, scrivono i media americani. Anche gli amaretti e le baguette, icone delle pasticcerie francesi in tutto il mondo, hanno un posto d’onore. D’altra parte, Viaggi della CNN critica fortemente il gusto del foie gras.

“Dobbiamo accogliere meglio i turisti. Oggi hanno un palazzo e sanno cos’è, la vera cucina. E quando vengono in Francia, non vogliono mangiare cucina industriale”, supplica al microfono di BFMTV Stéphane Manigold, presidente della divisione Ristorazione dell’UMIH Paris-Île-de-France.

“Noi, noi ristoratori, dobbiamo ripulire il nostro settore”, dice. “La Francia è il paese della gastronomia. Dobbiamo riconquistare questo primo posto”.

Dietro i primi tre, seguono Spagna, Giappone, India, Grecia, Tailandia, Messico e Stati Uniti. Una top 10 “soggettiva”, riconosce CNN Travel.

Se questa classifica è molto più consensuale di quella stabilita da TasteAtlas alla fine del 2022, molti internauti sui social francesi hanno criticato l’assenza di paesi africani in questa top 10. La stessa presenza degli Stati Uniti è stata criticata.

READ  Hamraoui KO, Pochettino subito fuori e l'Italia di Donnarumma che affonda

Il motivo: le tante ricette pubblicate negli ultimi anni sui social e che sono diventate virali a causa dell’utilizzo di prodotti ultra lavorati.

Se la CNN mette in risalto il cheeseburger e i biscotti con gocce di cioccolato, i media sconsigliano “cibi troppo lavorati come i Twinkies (…) o [les produits] KFC.”

Articoli migliori

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *