Un quebecchese vince una tappa al Giro d’Italia

Un quebecchese vince una tappa al Giro d’Italia

(Sportcom) – Molti si sono chiesti se la ciclista Clara Émond avrebbe resistito nella quarta tappa del Giro d’Italia. Tra questi c’era anche la quebecchese, che mercoledì ha fatto uno sforzo spettacolare per assaporare la prima vittoria da professionista della sua carriera.

La ciclista 27enne è la prima del Quebec e la terza canadese a vincere il Giro d’Italia. Linda Jackson ha raggiunto l’impresa nel 1998, mentre Leah Kirchmann ha vinto il prologo del 2016.

• Leggi anche: Israele-Premier Tech ancora terzo al Tour de France

“È una vittoria grandiosa! Clara ha un grande talento e sapevo che quando avesse avuto la sua possibilità, sarebbe stata capace di una prestazione incredibile”, ha detto a Sportcom la sua compagna di squadra Magdeleine Vallières-Mill, 104 anni.e del giorno. Oggi [mercredi]le stelle si sono allineate e lei è stata in grado di dimostrare tutta la sua forza. Una giornata grandiosa per la squadra, il piano ha funzionato meravigliosamente!”

Émond si è unito alla fuga a circa 80 chilometri dal traguardo. C’erano cinque concorrenti in testa, ma due di loro hanno ceduto a 50 km dal traguardo e un terzo ha abbassato la bandiera due chilometri dopo.

La ciclista che indossa i colori del team EF-Oatly-Cannondale ha distanziato la brasiliana Ana Vitoria Magalhes sulla salita di San Marino ed è partita da sola a 47 km dal traguardo finale. Il suo vantaggio era di poco più di cinque minuti e, nello stesso momento, una quindicina di cicliste hanno iniziato a inseguirla. Il gruppo si è poi ridotto a sei.

La vincitrice ha manovrato bene in discesa e ha iniziato l’ultimo chilometro in salita con una priorità di poco meno di un minuto. Émond ha resistito, ha resistito alla rimonta delle inseguitrici e ha iniziato a crederci. Ha alzato il pugno sinistro con un grande sorriso mentre tagliava il traguardo sui ciottoli di Urbino.

READ  I treni tra la Svizzera e l'Italia sono in ritardo a seguito di un incidente

“A un certo punto ho pensato che mi avrebbero presa, ma non è mai successo! Ho iniziato a crederci davvero sull’ultima salita. È davvero speciale firmare la mia prima vittoria da professionista, qui, al Giro”, ha detto al microfono dell’emittente ufficiale dell’evento.

“Sono orgoglioso del lavoro svolto dal team e molto felice di aver dimostrato di cosa ero capace. Questa vittoria mi aiuterà ad avere più fiducia in me stesso, qualcosa che a volte mi è mancato con pochi risultati. La mia carriera potrebbe cambiare dopo questa vittoria”, ha aggiunto Émond.

L’italiana Soraya Paladin (Canyon//SRAM Racing) è arrivata seconda, a 17 secondi di distanza, mentre la danese Cecilie Uttrup Ludwig (FDJ-SUEZ) si è piazzata terza, a 20 secondi di distanza. L’italiana Elisa Longo Borghini rimane in testa alla classifica generale provvisoria. La brillantezza di Émond le ha permesso di salire al 27° posto.e scaglione, a 5 min 14 s dal leader. Giovedì indosserà la maglia della migliore scalatrice, dove un percorso di 108 km attende i corridori durante la quinta tappa. Il Giro d’Italia si concluderà domenica.

Azione al Tour de France

Anche gli appassionati di ciclismo su strada hanno potuto godere di un 11e tappa ad alta energia del Tour de France. I favoriti hanno dato spettacolo moltiplicando gli attacchi tra Évaux-les-Bains e Le Lioran.

Tra questi, lo sloveno e detentore della maglia gialla Tadej Pogacar (UAE Team Emirates) è scappato sulla salita del Pas de Peyrol, mentre il due volte campione in carica Jonas Vingegaard (Visma | Lease a bike), Primoz Roglic (Red Bull–Bora–Hansgrohe) e Remco Evenepoel (Soudal–Quick Step) lo hanno inseguito.

Vingegaard ha raggiunto il suo rivale sul Col du Perthus per batterlo di mezza ruota al traguardo e vincere. Evenepoel è arrivato terzo accanto a Roglic, 26 secondi dietro.

READ  VivaCité celebra l'Italia: scopri il programma completo

Per quanto riguarda Israel–Premier Tech, il canadese Derek Gee ha ottenuto il miglior risultato, classificandosi al 12° posto.e. Hugo Houle e Guillaume Boivin hanno concluso 64e e 136erispettivamente.

In collaborazione con i nostri partner

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *