Un posto per i combattenti dell’AIDS

Combattiamo l’AIDS

Cento persone si sono radunate nel Marais, all’altezza del centro che separa rue de Rivoli da rue Saint-Antoine (4° arrondissement) sotto una pioggia torrenziale. Nonostante maschere, cappelli, sciarpe e ombrelli, le persone si conoscono e si salutano. Attivisti sindacali e persone per lo più interessate, si incontrano e si frequentano da anni. Dopo un discorso introduttivo di Ariel Weil, sindaco del Centre Paris, la parola è stata data a Hugues Charbonneau, attivista di lunga data contro l’AIDS (ex vicepresidente di Act Up-Paris ed ex CEO di Sidaction). In un discorso toccante e commovente, l’attivista ha elogiato la vitalità dei combattenti nella lotta contro l’AIDS. Combattere l’AIDS significa combattere i pregiudizi, combattere l’incompetenza delle autorità amministrative e politiche, combattere i giudizi morali, combattere le politiche repressive, combattere per i nostri diritti e lottare per vivere. Siamo combattenti con l’AIDS (…). Penso ai primi pazienti isolati in stanze sterili dietro i reparti di malattie infettive. Penso alla vergogna. Penso alla paura. Penso alla difficile situazione delle famiglie e alla perdita dei sopravvissuti. Penso a quelli che sapevano che sarebbero morti e a quelli che sono stati lasciati soli. Penso agli infermieri che hanno osato curare, a quelli che sono rimasti nei reparti.” Hugo Charbonneau ricorda la storia del movimento associativo per l’HIV dei primi anni ’80: “Questo movimento è un movimento sociale in tutte le sue dimensioni, persone che non erano destinate a incrociare o conoscersi, persone Persone che vivono con l’HIV e persone sieropositive. Genitori, persone transgender, gay, lesbiche, uomini eterosessuali, scienziati, operatori sanitari, tossicodipendenti, persone. Era un’epidemia di froci, drogati, prostitute, persone transgender, sconosciuti, emofiliaci, non dolci pazienti. La nostra vita è stata giudicata, il nostro amore difficilmente tollerato, ma siamo diventati un movimento (…). Abbiamo inventato pazienti esperti, abbiamo inventato la salute della comunità”.

Act Up-La furia di Parigi

L’inaugurazione non è stata unanime tra gli attivisti che combattono l’HIV/AIDS. Alcuni attivisti di Act Up-Paris hanno chiesto il boicottaggio dell’evento, in particolare in risposta al caso Bidard vs Bartoli. Marc-Antoine Bartoli, ex capo di Act Up-Paris, è stato incriminato a seguito di una denuncia per diffamazione presentata da Helen Bedard, vicesindaco di Parigi responsabile per l’uguaglianza di genere, la gioventù, l’educazione popolare e il comunismo eletta nell’11° arrondissement. , l’attivista ha identificato “Questa denuncia arriva dopo i commenti che ho fatto su Twitter nel febbraio 2020 in seguito alla morte di una prostituta, Jessica Sarmiento, a Bois de Boulogne, al fine di denunciare il sostegno politico di Bidard alla legge sulla punizione dei clienti e al movimento Ned .” Su Twitter, Act Up-Paris ha risposto all’inaugurazione: “I memoriali non ci guariscono, non ci proteggono dall’inquinamento/discriminazione e non ci proteggono dai funzionari eletti che sono complici delle politiche reazionarie che invadono il mondo”. Epidemico. # Helen Bedard.” Da parte sua, Pierre Dauphin, Segretario Generale di Act Up-Paris, ha denunciato “l’approccio opportunistico e cinico del comune” in intervistare Sul quotidiano Telerama.

READ  Usbek e Rica - E se la scienza fosse sempre sbagliata?

Hugo Charbonneau è consapevole di queste critiche e usa questo discorso pubblico per sottolineare il suo sostegno alle prostitute: “Ai rappresentanti eletti di Parigi, voglio dire che continueremo a chiedere l’abrogazione delle leggi sul divieto, che continueremo a combattono i loro sostenitori senza pietà. Nessuna forza ci spaventa. Nessuno ci fa tacere! Sì, siamo scandalosi. Sì, a volte siamo imbarazzati, ma non ci arrendiamo! Mettiamo il rispetto delle nostre scelte e della nostra vita al centro del vostro pubblico la politica è l’unico gesto che può farti combattere l’AIDS, altrimenti sei solo un passante davanti a questo piatto”. parole forti.

Un saluto alle associazioni

Dopo le parole dell’Association Les Amis du Patchwork des Names e Line Renaud, Anne Hidalgo, sindaco di Parigi e candidata al Partito Socialista per le elezioni presidenziali del 2022, ha chiuso questa apertura con un discorso inneggiante alle associazioni in particolare Act Up – Paris and AIDS : “Silenzio = morte come ci ricordano gli slogan di Act Up -Parigi che qui voglio salutare (…).Nel 1984, Daniel Devert ha fondato l’AIDES a Parigi, dopo la morte del suo compagno Michel Foucault.Oggi è una delle principali associazioni nella lotta all’AIDS in Europa, e il suo lavoro risplende in tutto il mondo. Attraverso la rete internazionale che ho anche potuto creare”. Il sindaco di Parigi rende inoltre omaggio al lavoro di Arcat Sida, Vaincre Le Sida, la prima associazione francese per la lotta all’AIDS, il gruppo contre le SIDA (che diventerà Sidaction), Actions Traitements, Sol En Si, Solidarité Sida, Basiliade, Afrique Avenir, Uraca, Ikambere, The Info Kiosk , Les Petits Bonheurs, Acceptes-T, les Séropotes, Dessine-moi Un Mouton … aggiunge Anne Hildago. “Il paziente, come ci dice Daniel Devert, è un riformatore sociale”, e senza dubbio chi soffre di AIDS, chi convive con l’HIV e chi partecipa a questa battaglia dalla loro parte, ha plasmato la storia medica, ma anche sociale , sociale e storia contemporanea Per la nostra città e il nostro Paese”, ha concluso il sindaco di Parigi prima di svelare il dipinto al pubblico.

Un posto da ricordare a New York

Nel suo discorso, Ariel Weil, sindaco del centro di Parigi, ha parlato di “la Piazza dei Combattenti e dei Combattenti a Side” come un luogo “unico al mondo. Infatti, la maggior parte delle principali città del mondo ha già un luogo commemorativo da onorare coloro che sono morti di HIV/AIDS Alcuni paesi sono stati segnati da progetti più ambiziosi anche se nessun paese ha ancora annunciato la creazione di un museo dedicato alla lotta contro l’HIV/AIDS Piccola e non esaustiva selezione di luoghi da vedere Inaugurato il 1 dicembre, 2016 Monumento all’AIDS a New York City È un luogo di ricordo per gli oltre 100.000 newyorkesi morti di AIDS. Il memoriale del Greenwich Village è costituito da una tettoia in acciaio di 5,5 metri che copre un’area di 150 metri quadrati e fungeva da porta d’ingresso al giardino pubblico dell’ex St. Vincent’s Hospital (il centro per i malati di AIDS a New York negli anni ’80 e anni ’90). La sede presenta regolarmente eventi culturali e artistici, nonché aste e mostre.

READ  Una stupida sfida su TikTok si è quasi trasformata in un dramma

Un giardino a Montreal

Parc de l’Espoir è un parco pubblico in memoria del quartiere Ville-Marie della città di Montreal (Canada), situato nel cuore del villaggio gay di Montreal, all’angolo tra East Street Panet e Sainte-Catherine. Creato per volere di gruppi armati gay, il parco è stato ufficialmente inaugurato nel settembre 1994, poi ristrutturato nel 1997 in un luogo dedicato alla memoria delle persone morte di HIV/AIDS in Quebec. È diventato un luogo di ritrovo politico e culturale per le persone LGBT.

Colonna a Monaco di Baviera

Il monumento è stato inaugurato il 17 luglio 2002, ed è una colonna alta quattro metri e con un diametro di 80 centimetri. Il progetto Wolfgang Tillmans, vincitore di un concorso bandito dal comune, realizza una colonna di ceramica blu da una vicina stazione della metropolitana, su larga scala. Il monumento si trova nel sud-est della città, nel distretto di Glockenbachviertel, chiamato anche il Quartiere Rosa (Rosa Viertel). Maggiori informazioni in questo Articolo – Merce Dalle nostre consorelle di Trasversal.

Bar gigante rosso a Durban

Questo è impressionante scultura Si trova nel Parco Gogo Dlamini di Durban (Sud Africa) che rappresenta il gigantesco nastro rosso, simbolo mondiale della lotta all’HIV/AIDS. La statua è stata inaugurata nel luglio 2000 in occasione della Conferenza mondiale sull’HIV/AIDS, tenutasi quell’anno a Durban. Il parco è stato ribattezzato nel 2000 in onore di Gogo Dlamini, una donna sudafricana lapidata e pugnalata a morte dopo aver dichiarato pubblicamente di essere sieropositiva alla radio in lingua zulu durante la Giornata mondiale contro i diritti umani. AIDS nel 1998.

Metro gigante ad Amsterdam

Il 1° dicembre 2016 è stato inaugurato ad Amsterdam, in Olanda, il Monumento alla Vita con i Numeri, il cui titolo rimanda, tra l’altro, alle prime pagine del libro “All’amico che non mi ha salvato la vita”. Hervé Guibert (1990). “Gli ultimi test, datati 18 novembre, mi hanno dato 368 T4, un uomo sano ne ha tra i 500 e i 2.000. T4 è quella parte dei leucociti che il virus dell’AIDS attacca per prima, indebolendo gradualmente il sistema immunitario”. Una statua creata per ricordarci che la lotta all’AIDS non è ancora finita. Il 1° dicembre di ogni anno verrà introdotto un nuovo numero su questo bancone gigante. Un’opera creata dall’artista francese Jean-Michel Othonel.

READ  Ferma la disuguaglianza di opportunità! "

funzione dell’arteria sconosciuta

Situato nel cuore del Parc de la Villette a Parigi, The Artery è un’opera di Fabrice Héber, artista plastico francese, su iniziativa di Sidaction. Con una superficie di 1.001 metri quadrati, la collezione è composta da 16.000 piastrelle in ceramica, disegnate dall’artista e prodotte a Monterrey, in Messico, a supporto delle centinaia di disegni originali dell’artista relativi al corpo e al comportamento. La forma complessiva dell’opera, ispirata al logo dell’Associazione Sidaction, è simboleggiata da un nastro rosso libero. “Monumento alle vittime” non era accurato, questo tipo di scultura accademica omicida non rifletteva la vitalità della lotta quotidiana. Ho immaginato qualcos’altro: un’opera anti-monumentale, un’opera in sé che offre decine di immagini da utilizzare per continuare e unire le lotte in uno degli spazi pubblici più visitati di Parigi. Nella speranza che i progetti di questo giardino scompaiano a causa di un uso eccessivo: sogno che L’Artère esaurirà il virus “, ha affermato Fabrice Héber. Jacques Chirac, ex presidente della Repubblica, aperto il 1 dicembre 2006, l’arteria rimane sconosciuto Relativamente comune al grande pubblico fino ad oggi.

Il Memoriale dell’Aids su Instagram
Usare i social network per rendere omaggio alle persone morte di HIV/AIDS? Questo è ciò che Aids Memorial presenta sul suo account Instagram. Storie d’amore, lutti e ricordi vengono pubblicate quotidianamente con le immagini personali inviate dai cari dei dispersi. Un modo gentile e toccante per commemorare questi combattenti a volte dimenticati. Fondato nel 2017 da Stewart, uno scozzese che preferisce rimanere anonimo, l’Aids Memorial ha ora più di 203.000 abbonati e più di 8.000 lodi.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *