Un posto di lavoro tossico aumenta il rischio di depressione del 300%.

Uno studio australiano ha dimostrato che un luogo di lavoro tossico aumenta il rischio di depressione del 300%.

I ricercatori della University of South Australia hanno riportato sulle pagine del prestigioso British Medical Journal che gli uomini hanno maggiori probabilità di sviluppare la depressione rispetto alle donne se il loro datore di lavoro non si prende cura della loro salute mentale. Se questi risultati hanno un senso (non ci aspettavamo ancora che un posto di lavoro tossico facesse bene alla salute mentale), “ci ricorda che dobbiamo fare di più per prevenire i rischi psicosociali, che rimangono parzialmente invisibili”, ha commentato Jessica Riel, che è una professore Dipartimento di Relazioni Industriali presso l’Università del Quebec ad Awais. “Non è come i pericoli fisici, come il rumore, dove ci sono alcune prove”, ha spiegato.

Il professor Riel, che ritiene che la salute mentale sia un “rapporto un po’ pessimo in termini di salute e sicurezza sul lavoro”, ha affermato che è molto difficile riconoscere il danno alla salute mentale come una malattia professionale e “continua a nascondere il problema”. Mentre lavorare a lungo è stato precedentemente associato ad un aumentato rischio di morte per infarto o ictus, questo studio avverte che cattive abitudini di gestione aumentano il rischio di depressione. “I nostri studi mostrano che c’è più ‘esaurimento’ nelle organizzazioni in cui il clima è cattivo”, ha detto il professor Luc Brunet, un esperto dell’Università di Montreal che ha studiato il comportamento antisociale sul lavoro per 30 anni e ha già pubblicato. Tre libri su questo argomento.

Leader tiranno, leader narcisista

READ  Applicazione per combattere la paura dei ragni

I due esperti hanno spiegato che i dipendenti intrappolati in un clima lavorativo tossico si ritroverebbero intrappolati in una sorta di circolo vizioso in cui farebbero fatica a districarsi dalle risorse di cui avevano bisogno. “Ciò che caratterizza il clima tossico è l’isolamento, si parla meno tra colleghi e c’è un’atmosfera di paura”, ha detto la signora Riel. Riteniamo di non avere il diritto di parlare perché il nostro lavoro potrebbe essere minacciato. Luc Brunet afferma che più il clima lavorativo è distrutto, più le persone diffidano l’una dell’altra. Quindi i dipendenti non cercheranno il supporto di cui hanno bisogno. Ricorda che scompare il sostegno che sarebbe vitale per contrastare lo stato di ansia o di malcontento. “In termini di salute mentale, se non miglioriamo il clima, non sarà di grande beneficio”, ha aggiunto Brunet. I leader che possono essere descritti come “narcisisti” o “autoritari” sono spesso responsabili di climi di lavoro tossici e li troviamo in circa una società su cinque, secondo nuovi studi.

Questi leader eguaglieranno il successo dei loro subordinati e schiacceranno le persone intorno a loro per migliorare la loro immagine di vincitori. Questa strategia potrebbe inizialmente passare inosservata ai loro superiori, il che consentirà alla situazione di continuare a peggiorare. “Più il clima si deteriora, meno informazioni vanno alla direzione”, ha detto Brunett. Quando viene acceso un fuoco, il fumo impiega del tempo per raggiungere la direzione. Ma alla fine, dice, finiremo per chiederci quante persone se ne vanno o si ammalano. “In un primo momento possiamo dire che a chi è partito non è piaciuto o non è stato al suo posto, ma a un certo momento, quando i buoni se ne vanno, e i competenti e riconosciuti, non se ne vanno”, ha spiegato Brunet. . Si ritiene che circa 300 milioni di persone soffrano di depressione in tutto il mondo.

READ  Diminuzione significativa dell'incidenza della rabbia nei procioni | notizie | la voce dell'est

Credito immagine: archivi.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *