Un motivo di orgoglio per Antoine Duchesne

Dopo due stagioni trascorse a causa di una malattia e di un importante intervento chirurgico, il ciclista del Quebec Antoine Duchesne è tornato da lontano per completare con orgoglio la 104NS Giro d’Italia domenica a Milano.

Tagliare il traguardo per un grande giro in bici sarà sempre un grande traguardo. Per Duchesne, il successo personale è piuttosto essere in grado di arrampicarsi sulla pista dopo aver creduto che la sua carriera fosse finita. E il percorso non è stato facile per rimuovere i dubbi nella sua mente.

“Sapevo che sarebbe stata dura. Il mio obiettivo era tornare a quel livello e batterlo sapendo che non avrei vinto la gara. Volevo uscire sano e senza infortuni per superare un traguardo e ha funzionato “, ha detto il 29enne nella tarda serata di domenica.

solo un secondo

In sella dall’8 maggio, il ciclista di Saguenay ha portato a termine la sua prima gara di 115NS classificato, dopo il Tour de France nel 2016 e la Vuelta nel 2015 e 2018. Diventa così il secondo nazionale del Quebec a completare i tre Grand Tour (Francia, Italia e Spagna) dopo Hugo Holly.

Al termine delle 21 tappe e su una distanza di 3.410 km, il colombiano Egan Bernal (Inios-Grenadiers) ha vinto il Giro d’Italia, davanti all’italiano Damiano Caruso (Bahrain-Victorius) e al britannico Simon Yates (Bike Exchange).

La Duchesne Groupama-FDJ non ha vinto di tappa, ma il giovane ungherese Attila Walter ha fatto dimenticare l’assenza di Thibaut Pinot indossando la maglia rosa di leader per tre giorni dopo la sesta tappa.

comfort

“Non ce lo aspettavamo. Non eravamo la squadra più armata del gruppo. Fin dalla prima tappa avevo la febbre e non ho dormito. Pensavo di tornare a casa. Ho iniziato davvero male ma ci sono riuscito . Sei o sette mesi fa pensavo che non sarei più andato in bicicletta e avevo paura.” di non poter tornare”, aggiunge l’olimpionico di Rio.

READ  L'Orfeo di Luigi Rossi, primo film italiano completo

Nel 2019, Duchesne ha dovuto rinunciare a sottoporsi a un intervento chirurgico per curare la fibrosi dell’arteria iliaca interna. L’anno scorso, è stata la mononucleosi a infrangere i suoi sogni quando i processi sono ripresi nel bel mezzo di un’epidemia.

“Ricordo la mia prima uscita e chi mi ha accompagnato. Non avrei potuto seguire mio padre! La montagna era troppo alta per salire”, racconta il ciclista.

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *