Un equilibrio improprio tra due grassi “sani” nella dieta contribuisce alle malattie croniche

Un equilibrio improprio tra due grassi “sani” nella dieta contribuisce alle malattie croniche

Uno studio pubblicato questa primavera sulla rivista scientifica eLife Lei sottolinea di sì, perché nella dieta occidentale come la conosciamo oggi, l’elevata presenza di un altro tipo di grasso – gli omega-6 – negli alimenti che la popolazione consuma in grandi quantità richiede un maggiore apporto di omega-3.

Noci, semi, mais, soia, oli e conservanti sono ricchi di Omega 6. Tuttavia, attualmente mangiamo troppi Omega 6 rispetto alla quantità di Omega 3 che consumiamo.

“Abbiamo scoperto che un elevato rapporto omega-6/omega-3 è associato ad un aumento del rischio di morte”, ha detto in un comunicato stampa Yuchen Zhang, autore principale dello studio pubblicato ad aprile. La signora Zhang è una studentessa di dottorato presso il Dipartimento di Epidemiologia e Biostatistica presso il College of Public Health dell’Università della Georgia.

“Alcuni dati suggeriscono che l’elevato rapporto tra acidi grassi omega-6 e omega-3 tipico delle diete occidentali – 20:1 o anche superiore, quando era stimato a 1:1 durante la maggior parte dell’evoluzione umana – contribuisce a molte malattie croniche, ” dice Zhang: “Comprese le malattie cardiovascolari, il cancro e le malattie autoimmuni”. Nelle dichiarazioni riportate dal canale americano CNN.

Zhang e gli altri ricercatori hanno esaminato le associazioni tra il rapporto omega-3/omega-6 nel plasma sanguigno e la morte per qualsiasi causa, in particolare il cancro o le malattie cardiovascolari, le due principali cause di morte in tutto il mondo.

I ricercatori hanno utilizzato i dati di 85.425 persone che hanno preso parte allo studio UK Biobank, che ha monitorato la salute di oltre mezzo milione di persone di età compresa tra 40 e 69 anni per almeno 10 anni nel Regno Unito.

READ  La spietata distanza dalla luna

I partecipanti, a cui sono stati prelevati campioni di plasma tra il 2007 e il 2010, hanno risposto a questionari sulla loro dieta, incluso se assumevano integratori di olio di pesce.

Dopo quasi 13 anni di follow-up, i ricercatori hanno scoperto che i partecipanti con il rapporto omega-6/omega-3 più elevato avevano il 26% in più di probabilità di morire prematuramente per tutte le cause, il 14% in più di probabilità di morire di cancro e il 31% in più di probabilità di morire prematuramente per tutte le cause. probabilità di morire di cancro. Hanno maggiori probabilità di morire di malattie cardiache rispetto a quelli con i rapporti più bassi. Se considerati singolarmente, alti livelli di omega-6 e omega-3 sono associati a un minor rischio di morte prematura. Ma gli effetti protettivi degli omega-3 erano maggiori, il che probabilmente spiega “perché un elevato rapporto tra omega-6 e omega-3 è associato a esiti avversi”, hanno detto gli autori dello studio.

Vedi anche | Mangiare insetti: perché dovrei fare una cosa del genere?

Risultati critici

Al momento, i ricercatori non possono dimostrare una relazione causale tra omega-3 e omega-6, ma una relazione esiste, ha osservato la dott.ssa Lauren R. Suster, assistente professore presso il Dipartimento di scienze nutrizionali della East Carolina University, in uno studio scambio di email con la CNN. È critica, ma non ha partecipato allo studio.

Secondo la Dott.ssa Sastre, l’associazione “non può essere fortemente sostenuta a causa di debolezze metodologiche che impediscono che altri componenti della dieta vengano presi in considerazione nei risultati clinici e sanitari complessivi”, ha aggiunto la Dott.ssa Sastre. “Ci sono molti componenti alimentari antinfiammatori (nutrienti, sostanze fitochimiche, ecc.) che sono associati a una riduzione della mortalità per tutte le cause, del cancro e delle malattie cardiovascolari, e la valutazione solo degli Omega 3 e 6 può introdurre significativi fattori confondenti di “Distorcerebbe i risultati.”

READ  La luce verde avrà un effetto antidolorifico

In definitiva, Christine Kirkpatrick, dietista presso la Cleveland Clinic negli Stati Uniti, ritiene che “è importante notare che un rapporto sbilanciato è solo un capitolo nella nostra storia di salute migliore o peggiore”.

“Mangiare una varietà di cibi ricchi di fibre e altri nutrienti, insieme a un sonno adeguato e di buona qualità, alla gestione dello stress e all’attività fisica, gioca un ruolo importante nella durata della nostra buona salute per tutta la vita”, afferma.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *