Un Boeing Starliner attraccato alla Stazione Spaziale Internazionale

Un Boeing Starliner attraccato alla Stazione Spaziale Internazionale

Questa missione, attesa da anni, rappresenta una grande sfida per il colosso dell’aviazione e la NASA.

Dieci anni fa, l’agenzia spaziale americana ha ordinato alle società americane Boeing e SpaceX due nuovi veicoli per trasportare i suoi astronauti sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS). Se SpaceX svolge questo ruolo di taxi spaziale già da quattro anni, il programma di Boeing è in ritardo di anni.

Questa è la prima missione con equipaggio per Starliner Ha lo scopo di dimostrare che il veicolo è sicuro per iniziare le normali operazioni.

Dopo essere decollata dalla Florida il giorno prima, giovedì la navicella spaziale si è avvicinata lentamente alla Stazione Spaziale Internazionale, che si trova a 400 chilometri sopra la Terra e si muove ad una velocità di circa 28.000 chilometri all’ora.

L’attracco è avvenuto alle 13:34, circa un’ora e venti minuti dopo rispetto a quanto inizialmente previsto.

Problemi con alcuni motori della nave utilizzati per apportare piccole modifiche alla rotta hanno ritardato l’avvicinamento finale.

Ben cinque di questi piccoli lotti, su 28 in totale, ad un certo punto fallirono, ha spiegato un commentatore durante la trasmissione in diretta della NASA. Ma quattro di essi alla fine furono riavviati, fornendo i numeri necessari all’operazione.

Il portello della nave si aprirà presto, consentendo agli astronauti Butch Wilmore, 61 anni, e Sonny Williams, 58 anni, di entrare all’interno della Stazione Spaziale Internazionale. Ad accoglierli ci saranno sette persone già a bordo del laboratorio volante.

Nel pomeriggio è prevista una conferenza stampa con funzionari della NASA e della Boeing.

Perdite

I due astronauti dovranno trascorrere poco più di una settimana sulla Stazione Spaziale Internazionale, prima di ritornare a bordo sulla Terra Starliner.

READ  Windows 11, un nuovo passo verso la versione finale, l'installazione beta e ISO

Nella notte tra mercoledì e giovedì, la NASA ha annunciato la scoperta di due nuove perdite di elio, oltre a una perdita già nota, durante il volo della navicella spaziale.

Jim May, direttore della Boeing, ha dichiarato in un messaggio trasmesso giovedì mattina dal colosso aerospaziale che queste perdite non rappresentano un “rischio per la sicurezza dell’equipaggio, della nave o della missione”.

Prima del decollo è stata individuata una perdita su uno dei motori della nave. Si decise allora di non ripararlo, perché dopo le analisi la NASA lo descrisse come “piccolo” e ritenne che non rappresentasse un pericolo.

L’elio non è un gas infiammabile, ma viene utilizzato nel sistema di propulsione delle navi.

Non è stato immediatamente chiaro se queste perdite fossero legate al problema del propellente riscontrato poco prima dell’attracco.

Guida manuale

La navicella spaziale vuota è già arrivata alla Stazione Spaziale Internazionale una volta nel 2022, ma questa è la prima volta che trasporta astronauti.

Butch Wilmore e Sonny Williams sono stati entrambi sulla Stazione Spaziale Internazionale due volte in passato e si sono addestrati per diversi anni per questa missione.

Poche ore dopo il decollo, hanno pilotato temporaneamente manualmente la navicella per testarne le corrette prestazioni.

“La precisione è davvero incredibile”, ha detto Butch Wilmore in una registrazione trasmessa mercoledì dalla Boeing. “Ancora più che nel simulatore.”

Ha aggiunto: “Le prime sei ore sono state assolutamente fantastiche e hanno superato le nostre aspettative”. “È semplicemente una nave fantastica.”

Programma di sviluppo Starliner È stato rovinato da molteplici delusioni che hanno portato a successivi rinvii.

READ  La nuova batteria a stato solido progettata dal partner Mercedes ProLogium può estendere l'autonomia della Tesla Model Y fino a 600 miglia con una singola carica

Boeing ha così battuto SpaceX, che già dal 2020 trasporta gli astronauti sulla Stazione Spaziale Internazionale.

Ma la NASA vuole avere un secondo mezzo di trasporto per poter affrontare meglio eventuali problemi in una delle capsule o in caso di emergenza.

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *