Un altro servizio nel cimitero di Google

Un altro servizio nel cimitero di Google

Questo ritiro da Google Podcasts, un'azione che Google sta prendendo in considerazione, fa parte di una serie di finali annunciati che sollevano domande: dov'è la lealtà e la fiducia nell'ecosistema volatile di Google?

Ecco qua, Google Podcasts (lanciato nel 2018) è entrato a far parte del club dei servizi Google che sono usciti dalla porta. Come ha sottolineato Nomiramail sito “Ucciso da Google”che conserva un registro funebre per tutti i prodotti Google che hanno smesso di funzionare in anticipo, è stato appena ampliato con questa nuova aggiunta.

Dal 2 aprile 2024 questa piattaforma di ascolto, che faceva parte dell'ecosistema Android, non è più in servizio negli Stati Uniti, pochi mesi dopo che Google aveva annunciato l'intenzione di integrare i podcast con YouTube.

Rituale di Google: lanciare e poi abbandonare

Questo era previsto. Nel 2023, Google ha già indicato che si sta preparando alla fine del suo servizio di podcast autonomo per concentrarsi su YouTube Music.

Se si trattasse di un caso isolato, sarebbe stato perdonabile, ma questa è una tendenza ricorrente in Google. L'app Podcast è solo l'ultima vittima di quello che potremmo chiamare il “rituale di Google”: Google viene attivato, quindi Google viene abbandonato.

Tra gli esclusi da questo rito possiamo citare Google Clips, Stadia, Inbox by Gmail, YouTube Gaming, Google Trips, Google Allo, Google Plus, Google Goggles, Google Talk, Chromebook Pixel, Project Ara, Picasa, MyTracks e Google. La gamma Nexus, Google Latitude e Nexus Q, solo per citarne alcuni.

Dobbiamo fidarci di Google?

Senza Google Podcasts, gli utenti dovranno rivolgersi ad altre app specializzate, come Spotify, Deezer o Apple Podcasts per i fan di iPhone. Ma ciò solleva il problema della fiducia in Google.

READ  Microsoft rilascia una nuova versione di Paint per Windows 11, cosa c'è di nuovo?

Personalmente, ho due app che consiglio: Pocket Casts e Podcast Addict.

Come mostrato il bordoGoogle Graveyard può essere visto come una raccolta di prodotti lanciati da un marchio che ha fallito e che è stato successivamente abbandonato.

Ma possiamo anche vedere una lunga storia di incapacità di Google di dare una direzione chiara ai suoi prodotti. Che si tratti di messaggistica istantanea, videogiochi, realtà virtuale o aumentata o social network, Google si è spesso rivelata incapace di sostenere i propri servizi a lungo termine.


You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *