Ucraina: bombardamento di Kramatorsk, la principale città di Kiev a est

Strasburgo: la Commissione europea ha preso provvedimenti contro l’Ungheria martedì, due giorni dopo la nuova vittoria elettorale del leader sovrano Viktor Orban, annunciando l’avvio di una misura che potrebbe privare Budapest dei fondi europei per accuse di corruzione.

Il varo di questa misura senza precedenti è stato annunciato martedì dalla presidente della Commissione, Ursula von der Leyen, davanti al Parlamento europeo, che ha elogiato l’iniziativa.

Gergeli Julias, capo di gabinetto del primo ministro Viktor Orban, ha accusato la commissione di “aver commesso un errore” e di voler “punire gli elettori ungheresi per non aver espresso un’opinione che soddisfi Bruxelles alle elezioni” di domenica.

D’altra parte, la Polonia, un altro paese che è ai ferri corti con Bruxelles sulle questioni dello stato di diritto, a questo punto sta eludendo tale azione.

“Ha parlato oggi (martedì) con le autorità ungheresi e le ha informate che ora invieremo una lettera di notifica ufficiale per attivare il meccanismo”, ha detto il funzionario tedesco durante una riunione del commissario Ue al Bilancio Johannes Hahn. Sessione di domande e risposte con gli eurodeputati.

Il contenuto di questo messaggio non è stato specificato. Ma in una precedente lettera inviata a Budapest a novembre, la commissione ha espresso preoccupazione per problemi di appalti pubblici, conflitti di interesse e corruzione.

L’insufficiente lotta alla corruzione è anche il motivo per cui la commissione ha bloccato il piano di risanamento ungherese, che ammonta a 7,2 miliardi di euro di sussidi europei.

La sig.ra von der Leyen ha commentato che le discussioni con Budapest su questo tema “al momento non consentono di trovare un terreno comune”.

READ  La giustizia italiana emette verdetto a favore della Tunisia

Dopo aver ricevuto le congratulazioni dal suo confidente presidente russo Vladimir Putin, Viktor Orban non ha mancato di attaccare i “burocrati di Bruxelles” nel suo discorso di vittoria, così come il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. I commenti sono poco apprezzati a Bruxelles, nel bel mezzo dell’invasione russa dell’Ucraina.

” finalmente ”

Il meccanismo “condizionato” è una misura in vigore da gennaio 2021, ma non ancora utilizzata, che consente la sospensione del pagamento di fondi europei a un Paese in cui le violazioni dello stato di diritto incidono sulle finanze dell’Unione Europea sono osservati.

La sospensione o l’eventuale riduzione dei pagamenti deve essere approvata da almeno 15 dei 27 Stati membri che rappresentino almeno il 65% della popolazione totale dell’UE. Questa procedura dovrebbe richiedere dai sei ai nove mesi.

La Corte di giustizia dell’Unione Europea ha confermato a metà febbraio la legittimità di tale regolamento, respingendo le azioni revocatorie di Ungheria e Polonia. Da mesi il Parlamento europeo esercita pressioni sulla Commissione affinché attivi questo meccanismo, ma quest’ultima ha deciso di attendere il via libera della corte.

“Finalmente sta accadendo!”, ha esclamato su Twitter il tedesco Daniel Freund (i Verdi) Katalin Cze (rinnovo europeo), eletta in Ungheria, ha identificato il “ritardo significativo e inutile” di questa decisione.

“È stato un errore strategico non attivare il meccanismo molto prima delle elezioni”, ha affermato Gwendolyn Delbus Corfield (Greenz), relatrice del Parlamento europeo sull’Ungheria.

L’esperto Eric Morris della Fondazione Schumann ha sottolineato che “molti elementi mostrano il regime e i confidenti di Orbán del denaro europeo”.

Per la Polonia, gli attacchi al bilancio dell’Ue, condizione per poter attuare il regolamento sulla condizionalità, sono “meno visibili nonostante l’indebolimento dello stato di diritto dovuto alla mancanza di indipendenza dei giudici”, afferma.

READ  Hainan sta organizzando la sua prima settimana del design, con l'Italia come primo partner

Questa domanda sulle riforme giudiziarie intraprese dal Partito nazionalista, diritto e giustizia al potere in Polonia, ha suscitato numerose condanne da parte della giustizia europea e sanzioni finanziarie a Varsavia.

La Commissione ha fissato tre condizioni per l’approvazione del piano di risanamento polacco (23,9 miliardi di euro di sussidi): lo scioglimento di una controversa camera disciplinare, la riforma del sistema disciplinare dei giudici e il ripristino dei giudici destituiti.

Il capo della commissione ha spiegato che il governo polacco deve approvare in parlamento una legge che soddisfi questi tre criteri. “Siamo vicini a lei, ma non ci siamo ancora”, ha detto la signora von der Leyen, che si recherà a Varsavia il 9 aprile per partecipare a una raccolta fondi per i rifugiati ucraini. La Polonia è il paese che ne ospita il maggior numero (1,5 milioni secondo le autorità).

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.