triathlon | “Ci vorrà un po’ prima che me ne renda conto”, dice Amy Legault.

(Montreal) La prima squadra della Top 10 della Coppa del Mondo di Triathlon di Aimee Legault ha fatto il suo primo podio sabato a Huatulco. Un evento motivazionale quasi sette anni dopo la sua prima apparizione sul ring e una settimana prima del World Sprint e del Triathlon a staffetta programmato dalla sua famiglia a Montreal.

Inserito ieri alle 11:33

[email protected]
Sportcom

“Onestamente, non so se me ne rendo conto ancora”, ha affermato Legault il giorno dopo la sua esibizione. Questa è anche l’impressione che ha dato quando è stata la seconda a tagliare il traguardo, tutti sorridenti alla fine del corso di coordinamento sprint in Messico.

“Sapevo che era possibile, ma allo stesso tempo tutto doveva essere allineato il giorno della gara. Non avevo margini di errore. Avevo le mie possibilità, ma eravamo circa 12 ragazze che potevano salire sul podio e siamo solo 3 posti rimasti!” disse.

Il caldo soffocante ha incoraggiato la giocatrice di El-Perro a usare la sua finezza dall’inizio alla fine, riuscendo a mettersi in cima fin dalla prima mossa.

“L’obiettivo era correre con il minor numero di pali possibile, soprattutto visto il caldo. Non puoi semplicemente spendere energie per dettagli inutili”, ha giustificato in un’intervista a Sportcom.

Questo è il motivo per cui la sua posizione era cruciale sulla moto, poiché voleva rimanere nel gruppo e ridurre lo sforzo in curva e affrontare il vento.

Raggiunta l’ultima parte dell’azione, ha accelerato ed è riuscita a forzare i suoi avversari, che hanno lottato per tenere duro. Non aveva idea di essere un po’ avanti rispetto al 4° e 5° corridore in questo momento e che stava principalmente lottando per il colore della medaglia, per non meritarne una.

READ  Dalla scomparsa alla rinascita... In D9: Sergio Pelissier, come Chievo

“Me ne sono accorto dopo aver preso il primo posto, ma non ho osato guardarmi dietro per non mostrare la stanchezza. Sono scappato dalla paura più che altro, perché non sapevo quanto fossero vicine le ragazze!”

L’italiana Bianca Seregni l’ha raggiunta a 1 km, poi Emy Legault l’ha superata a 300 metri. È riuscita a resistere agli attacchi del suo avversario per rimanere al secondo posto. È stata poi vista crollare a terra, completamente esausta, dopo aver tagliato il traguardo.

“A livello del mio corpo e della mia testa, ero in fiamme. Stavo solo correndo senza prendere una decisione! Sono stato fortunato, perché ha funzionato, ma non ero lì molto. “

copia

Nella sua prima partecipazione alla Coppa del Mondo, nel 2015, Emy Legault si è classificata 55e Su un totale di 63 partecipanti. Tutte le strade percorse da allora hanno rappresentato molto lavoro per il 26enne Quebec, che vorrebbe dare l’esempio.

“Sto decisamente iniziando ad emozionarmi! Ci sono molte ragazze in Canada o in altri paesi che possono confrontarsi e questo può dare loro la speranza che non devi iniziare tra i primi 5 per ottenere potenziale. Ero quasi all’ultima gara del mio primo, quindi sono felice se può ispirare coloro che hanno iniziato”, ha condiviso Legault, che sottolinea passando il lavoro della connazionale Alexandrine Korsol che ha terminato 28eSabato, in occasione del suo primo Mondiale.

Aimee Legault avrà una grande opportunità per motivare i più giovani, questo fine settimana, durante i primi Campionati del Mondo di sprint e staffetta, che si disputeranno a Montreal.

È un formato completamente diverso, ma non vedo l’ora di provarlo”, ha detto la persona che ha preso parte solo alla staffetta mista dell’anno scorso a Montreal.

READ  NBA DFS, 2021: Top FanDuel, DraftKings Tournament Picks, Jan 8 Tips for Fantasy Professional Daily

I concorrenti eseguiranno prima le qualifiche e gli sprint back-to-back alla distanza dello sprint, ovvero 300 m di nuoto, 7,2 km di ciclismo e 2 km di corsa. Solo dieci atleti di ogni categoria riceveranno i biglietti per la Grand Final di sabato, dopo le varie fasi eliminatorie. Domenica si disputeranno le staffette miste.

Saranno 17 rappresentanti della foglia d’acero per l’evento, a cominciare da Emy Legault, Jérémy Briand e Charles Paquet nella classe d’élite.

Philip Mainville e Pavlos Antoniadis avranno meno di 23 anni. Tra i giovani troveremo Noémie Beaulieu, Clara Normand, Mathis Beaulieu, Nathan Grondin e Louis Marchand.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.